HOME - Approfondimenti
 
 
28 Giugno 2019

Proroga del pagamento delle tasse, chi è sicuro di poter aspettare e chi invece ‘’non si sa’’. I consigli del commercialista

Nor. Mac.

Secondo quanto approvato nel Decreto Crescita, convertito in legge in via definiva ieri 27 giungo anche dal Senato, viene prorogato il termine dei versamenti delle tasse dal 30 giugno al 30 settembre 2019.  
Il testo indica che la proroga è per “i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale di cui all’articolo 9-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n.50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n.96, e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito, per ciascun indice, dal relativo decreto di approvazione del Ministro dell’Economia e delle Finanze”. 

Il dubbio è quindi se la possibilità di pagare quanto dovuto al fisco entro il 30 settembre, e non entro il primo luglio, riguarda anche i contribuenti minimi e forfetari esclusi dal dover sottostare agli ISA, per esempio gli odontoiatri collaboratori che fatturano meno di 65mila euro annui o i piccoli laboratori odontotecnici. 

“La norma certamente non è chiara anche se sembrerebbe escludere i forfettari”, spiega ad Odontoiatria33 Franco Merli (nella foto), dottore commercialista consulente fiscale ANDI Genova.

“L’Agenzia delle Entrate –continua il dott. Merli- in precedenti circolari aveva chiarito che siccome la proroga riguarda soggetti che esercitano attività per la quale è stato approvato il relativo studio di settore, tra i soggetti che fruiscono della proroga rientrano anche quelli interessati da una causa di esclusione o di inapplicabilità dello studio di settore. Quindi se viene considerato questo pronunciamento, anche gli odontoiatri o i laboratori odontotecnici in regime forfettario potrebbero godere della proroga”. 

Con molta probabilità nei prossimi giorni arriveranno chiarimenti, dice il dott. Merli che consiglia. “Chi vuole evitare di dover correre all’ultimo momento in caso di chiarimenti dell’ultima ora che escludono la proroga per i forfettari, consiglio di effettuare il pagamento entro il primo luglio e le eventuali successive rate con la maggiorazione dello 0,4%. Peraltro anche i contribuenti che possono godere della proroga, se hanno già preparto conteggi ed F24, possono ovviamente pagare seguendo le vecchie scadenze”.  


Articoli correlati

L’Agenzia delle Entrate avvierà, a breve, una serie di controlli finalizzati a verificare la regolarità dell’applicazione del regime forfetario previsto dalla legge di Bilancio 2019, almeno...


Aveva comprato lo studio usufruendo dei benefici fiscali e quando è finito il periodo di ammortamento lo ha rivenduto ad una finanziaria che poi glielo affittava. Un’operazione finita sotto la...


Dopo la proroga al versamento delle tasse previsto dal Decreto Crescita ai soggetti interessati dagli ISA, il dubbio era su come dovevano comportarsi i contribuenti che esercitano la stessa attività...


Dopo la Camera anche il Senato ha approvato il testo del Decreto Crescita che ora è legge.Tra le norme che possono interessare anche professionisti ed aziende del settore dentale la...


Se entro fine mese il Senato approverà senza modifiche il Decreto Crescita, già approvato alla Camera, tra le misure che entreranno in vigore anche la proroga dei termini dei versamenti delle...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi