HOME - Approfondimenti
 
 
28 Giugno 2019

I negozi che vendono gli allineatori trasparenti, così funziona quello di Manhattan

di Davis Cussotto


Ognuno dovrebbe avere il sorriso che desidera senza dover fare tre cose : portare dei breckets, andare una volta al mese in visita dal dentista e spendere una fortuna.Questi gli obiettivi che persegue“Smile Direct Club”, una società che conta alcune centinaia di centri distribuiti negli Stati Uniti, Canada e Australia e anche in Europa.  

Ad accoglierci raccontandoci come sono organizzati i centri Smile Direct Club è Cristine, la responsabile del Club Manhattan Upper East Side a New York City.  

Il “centro” è in un bel quartiere residenziale nel nord di Manhattan a metà strada tra Central Park e l’East River, posto in un loft al piano strada con vetrine direttamente sul marciapiede che lasciano intravedere l’interno. Entrando a destra una sala d’attesa con cinque posti a sedere di fronte un desk in legno un terminale Apple e a sinistra uno scaffale con il merchandising (magliette, mug, penne, e pin) brendizzate “Smile Direct Club”. Dietro il  desk due file di separè angolati delimitano un breve corridoio. Alle pareti stampe della fan page Smile Ddental Club su Facebook in cui si leggono recensioni entusiastiche di persone che hanno usufruito del servizio di ortodonzia e che esibiscono sorrisi prima e dopo il trattamento. 

Ed è esattamente questo che vende Smile Dental Club, ci spiega Cristine, una “cura ortodontica della durata massima di 6 mesi con allineatori trasparenti” da indossare per 21 ore al giorno. Rubiamo via pochissimo tempo ai nostri clienti, continua Cristine, fissato l’appuntamento nel centro si procede al pagamento e subito dopo il personale, non degli odontoiatri ma di fatto le giovanissime “commesse”, esegue una scansione delle arcate dentali con uno scanner Itero e uno status fotografico della bocca. 
I file e le immagini vengono poi inviate allo specialista in ortodozia. Non vengono realizzate radiografie ne visite, il cliente riceve direttamente a casa gli allineatori.

Abbinata alle “mascherie” anche un App da scaricare sulla smartphone serve come remainder per le sostituzioni degli aliner e fa molto marketing.  

Dopo sei mesi tutto è concluso, ribadisce Cristine. 

Smile Dental Club produce e vende un solo prodotto ad un unico prezzo 1895$ pagabili in una unica soluzione o con finanziamento a 85$ al mese più una fee iniziale di 250$.
Ad oggi conclude  Cristine, l’efficiente Club Manager  a cui sta molto a cuore il mio diastema tra 11 e 21, non siamo autorizzati a spedire la merce fuori dal Nord America, ma  mi rassicura che è imminente il lancio del business in Europa.  


Articoli correlati

Il ruolo diagnostico e il principio stomatologico, sono gli elementi peculiari che caratterizzano la professione odontoiatrica e per questo vanno difesi soprattutto dalle politiche...


L’ultimo esempio, in ordine cronologico, di come le opportunità che le nuove tecnologie offrono a fantasiosi ed illuminatati imprenditori possono destabilizzare le regole del sistema è la...

di Norberto Maccagno


Dal SUSO l’appello: serve un lavoro comune per tutelare la salute dei cittadini


A Uno Mattina FNOMCeO, CAO e SUSO spiegano i rischi delle cure fai da te anche in odontoiatria


Se ne parla domani ad UnoMattina su Rai Uno


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi