HOME - Approfondimenti
 
 
04 Luglio 2019

Neonata nasce morta, sotto accusa l’anestesia del dentista. Il prof. Abati: questi i rischi e le precauzioni da adottare


Nei giorni scorsi a Verona, stando a quanto ha pubblicato la stampa locale, i genitori di una neonata nata morta avrebbero denunciato che la causa del decesso sarebbe da attribuire all’anestesia a cui la mamma sarebbe stata sottoposta qualche giorno prima. 

Stando a quanto riporta il quotidiano L’Arena, i genitori della neonata avrebbero denunciato che le cause del decesso sarebbero da addebitare proprio all'anestesia a cui la donna, 31 anni e al settimo mese di gravidanza, sarebbe stata sottoposta. Secondo quanto viene riportato, la donna si era rivolta una decina di giorni prima “al pronto soccorso dell'ospedale di Legnago accusando forti dolori per un dente del giudizio, che non le davano tregua. Scartata l'ipotesi di un'estrazione del dente, vista lo stato interessante della paziente, è stata sottoposta ad un'operazione di pulizia in un ambulatorio di odontostomatologia. Ma, secondo quanto denunciato dalla coppia, le sarebbe stato iniettato un anestetico prima del trattamento. Dal giorno successivo, la futura mamma ha iniziato ad accusare fitte al ventre, con contrazioni, ed è stata portata d'urgenza al reparto di Ostetricia, dove il parto è stato indotto ma la neonata è morta”.  Dopo la denuncia gli inquirenti hanno acquisito la cartella clinica ed avviato le indagini oltre ad aver disposto l’autopsia sulla piccola. 

Ma quali sono i rischi nell’effettuare cure alle partorienti? 

Lo abbiamo chiesto al prof. Silvio Abati (nella foto) -professore di malattie odontostomatologiche dell’Università Vita e Salute del San Raffaele di Milano nonché componente del Gruppo di lavoro che ha stilato le Raccomandazioni per la promozione della salute orale in età perinatale pubblicate dal Ministero della Salute nel 2014- che ovviamente non entra nel merito del triste fatto di cronaca, non avendo nessun elemento per giudicare. 

“Il tema dell’uso dei farmaci in gravidanza per curare malattie orali e durante le procedure odontoiatriche è uno dei temi “più caldi” di quello più generale del trattamento odontoiatrico delle pazienti gravide”, dice ad Odontoiatria33 il prof. Abati. 

“In generale –continua- l’effetto più negativo dei farmaci si può esplicare sull’embrione e sul feto nel primo trimestre, durante l’embriogenesi e l’organogenesi, vero è che sull’embriotossicità e la teratogenicità sono basate le tabelle e le linee guida generali della FDA (categorie A-B-C-D-X) sulla sicurezza dei farmaci in gravidanza. E' possibile però l’interferenza di alcuni farmaci, prevalentemente per l’odontoiatra antibiotici, antinfiammatori e anestetici anche nel secondo e terzo trimestre”. 

Sul tema degli anestetici locali il prof Abati ricorda come FDA consideri quelli più sicuri in gravidanza (in classe B) la prilocaina e la lidocaina che però –ricorda- sono oramai poco usati mentre i quelli più usati,  bupivacaina e mepivacaina, sarebbero in classe C”.  

Anche se, ricorda “tutte le linee guida e raccomandazioni ufficiali (American Dental Association, e le altre) ne consentono l’utilizzo, ovviamente se indicati e entro i dosaggi consigliati”. 

Prof. Abati che ricorda come “bisognerebbe sempre considerare prima di intraprendere terapie, che nel caso di patologia acuta infettiva o che causa di algia intrattabile sono mandatorie, lo stato di salute della gravidanza: una precisa anamnesi e magari la consultazione telefonica del ostetrico-ginecologo sono sicuramente utili”.  

Sotto le tabelle con le indicazioni del Ministero della Salute su terapie e farmaci da utilizzare


Articoli correlati

Dalla Giornata Mondiale dei Farmacisti un messaggio verso una maggiore collaborazione. SIdP conferma: fondamentale nella gestione dei farmaci e degli ausili per la salute orale prescritti dallo...


L’associazione tra malattie sistemiche (cardiovascolari, diabete mellito, artrite reumatoide, sindrome metabolica) e parodontite è stata ampiamente discussa. Tuttavia, poco si...

di Giulia Palandrani


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Quaranta (ANCAD) ricorda che la stessa legge regolamenta anche la vendita di anestetici ad uso odontoiatrico e mette in guardia depositi e dentisti


I pazienti adulti in terapia cronica con farmaci antiaggreganti e anticoagulanti, per malattie cardiovascolari o perché a rischio di tromboembolia, stanno aumentando sempre di...

di Lara Figini


Altri Articoli

Insediati i nuovi organi direttivi 2021-2024, Giudo Giustetto confermato presidente OMCeO. Ecco nomi e cariche della nuova Commissione Albo Odontoiatri


Dai dati Ebipro, durante il lockdown tra tutti gli studi professionali sono stati i dentisti quelli che hanno presentato più domande. Ora ad essere in crisi sono altre professioni 


L’Ateneo palermitano ha realizzato una serie di strumenti e materiale informativo per dare risposte chiare e semplici ai quanti chiedono informazioni 


Con il nuovo stand espositivo virtuale, VOCO offre l’opportunità di informarsi rapidamente e in modo completo su prodotti, offerte e opzioni per il flusso di lavoro digitale ...


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio