HOME - Approfondimenti
 
 
11 Luglio 2019

Odontoiatri nel SSN, torna la questione della specializzazione per lavorare nel SSN. SUMAI, si deve modificare la legge

Nor. Mac.

Se già oggi l’assistenza odontoiatrica pubblica è una cenerentola tra qualche anno, con il pensionamento di molti degli attuali professionisti che vi collaborano, la situazione potrebbe ancora di più peggiorare a causa dell’applicazione della norma che prevede l’obbligo di specializzazione per medici ed odontoiatri che operano nel SSN.  

Oggi sono circa 200 gli odontoiatri dipendenti del SSN e meno di 2.000 i collaboratori odontoiatri di area ambulatoriale, i cosiddetti Sumaisti. 

La questione è stata posta con forza in una recente riunione del Gruppo Tecnico dell’Odontoiatria e anche durante la “Maratona del patto sulla salute” da SUMAI e ANDI. In particolare nel suo intervento il presidente ANDI Carlo Ghirlanda ha evidenziato come “la bozza di accordo nazionale da poco sottoscritto da SUMAI e SISAC che, smentendo l’intesa finora esistente, esclude i non specialisti dall’accesso a tali ruoli impedendo di fatto il fisiologico rinnovo degli organici degli Odontoiatri pubblici, di cui la maggior parte sarà presto in età pensionabile, essendo noto il ristretto numero di Odontoiatri specialisti nelle tre materie di specializzazione oggi esistenti”. 

“Non è l’Accordo del Contratto Nazionale SUMAI e SISAC a prevedere che anche i laureati in odontoiatria, come i laureati in medicina, per accedere ai concorsi da dirigente medico ma anche per la collaborazione nelle strutture ambulatoriali pubbliche richieda un diploma di specialità, ma le leggi, tra tutte la Balduzzi il Dl 189/12”, dice ad Odontoiatria33 Pio Attanasi (nella foto) referente per l'area odontoiatrica del Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana (SUMAI).

La rigida applicazione della norma rischia di mettere in crisi il già precario sistema dell’assistenza odontoiatrica nel SSN, in quanto l’obbligo di specializzazione, che è previsto per tutte le branche mediche e quindi anche per gli odontoiatri, trova una limitata applicazione per il ridotto numero di posti e di scuole di specializzazione a livello nazionale”.  

“Se nel precedente Contratto (2015) –spiega- eravamo riusciti ad ottenere una deroga in quanto le scuole di specialità in odontoiatria non erano più state attivate da MIUR e Ministero della salute, con la recente attivazione delle scuole di specialità in area odontoiatrica (Ortodonzia, Chirurgia orale, Odontoiatria pediatrica) non è più stato possibile non applicare la Legge. Peraltro proprio in questi mesi i primi nuovi specialisti si diplomeranno”. 

L’unica soluzione possibile è quella della modifica del Decreto legislativo in modo da equiparare la laurea in odontoiatria alla specialità, indica il dott. Attanasi sottolineando come sulla questione ci sia piena sintonia anche con i sindacati odontoiatrici e la CAO nazionale. Attanasi che assicura massimo impegno da parte del SUMAI anche perchè, dice, “se non risolta al più presto comporterà gravi problemi al SSN, vista la carenza di odontoiatri che collaborano con il SSN”. 

A tal proposito Antonio Magi Segretario Generale del SUMAI Assoprof e Carlo Ghirlanda presidente ANDI, in una nota congiunta, "rendono noto di aver richiesto al Ministro della Salute, Giulia Grillo, a margine della Maratona sul Patto della Salute, un incontro per spiegare la necessità di un provvedimento normativo urgente che sblocchi l’accesso degli Odontoiatri ai concorsi pubblici".

Sul nuovo contratto SUMAI SISAC, Attanasi ricorda che non è ancora in vigore, dovrà essere ratificato dalla Stato Regione prima di diventare operativo, e sulla questione scuole di specializzazione, non saranno toccati i diritti acquisiti da chi già opera nel SSN. 


Articolo modificato l'11 luglio 2019 ore 19:00

Articoli correlati

Riconoscere, per legge, una valenza specialistica alla Laurea in Odontoiatria, in modo che i laureati possano partecipare ai concorsi per i ruoli dirigenziali di competenza nel Servizio Sanitario...


Si chiama “Costituente delle Idee” il progetto presentato dal PD che lo definisce “uno strumento per chiamare a raccolta una parte del Paese che vuole combattere”. “Dovrà essere una...


L'espansione incontrollata del cosiddetto "secondo pilastro" rientra tra le determinanti della crisi di sostenibilità del Ssn. Lo evidenzia in una nota Fondazione Gimbe ribadendo quanto confermato...


Sono 19,6 milioni gli italiani che nell'ultimo anno, per almeno una prestazione sanitaria, hanno provato a prenotare nel Servizio Sanitario Nazionale e a causa dei lunghi tempi d'attesa, si sono...


La recentissima iniziativa intrapresa dal Presidente di  Omceo Milano contro Previmedical, che ripercorre esattamente  quanto fatto dalla mia CAO oltre quattro mesi...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi