HOME - Approfondimenti
 
 
13 Settembre 2019

Le recensioni sul Web degli studi medici e dentistici: luci ed ombre

Il CED e la FNOMCeO, con inziative distinte, interventono sull’argomento. Il CED stila delle raccomandazioni

di Davis Cussotto


Negli ultimi anni, c'è stata una crescita delle piattaforme online che consentono ai cittadini di redigere valutazioni e recensioni sul proprio medico curante e sulla struttura in cui opera. L’avvento dei social media ha poi dilatato notevolmente lo spazio digitale a disposizione per questa attività che oggi non è più esclusiva dei siti web ma coinvolge motori di ricerca, community on line e che trovano poi una forte cassa di  risonanza nei nei social media.In questi mesi sono intervenuti sul tema sia la CED che la FNOMCeO. 

ll Council of European Dentists (CED), associazione europea che rappresenta  oltre 340.000 dentisti in tutta Europa, presieduta dall’italiano Marco Landi, con una recente Risoluzione esprime due ordini di preoccupazioni: La prima è la sostanziale differenza tra gli operatore della salute e gli altri tipi di aziende.   

I primi spesso non sono in grado di rispondere, contestare o chiarire i commenti, a causa della riservatezza dovuta nei confronti del paziente. Ciò è particolarmente valido quando si tratta di feedback su aspetti più sottili del trattamento individuale, come il piano di trattamento, le spese sanitarie ecc., o per false dichiarazioni anonime fatte dai concorrenti. La seconda considerazione riguarda le piattaforme che non sono soggette ad alcuna certificazione o codice di condotta, rendendo il professionista della salute un bersaglio attraente per le recensioni anonime; le recensioni possono essere eccessivamente positive o dannose, false ed offensive. 

Pertanto, il CED ritiene necessario moderare tali siti e rivolgendosi alla Commissione Europea ha  stilato una serie di raccomandazioni  volte a individuare  20 criteri di qualità per la valutazione on line dei dentisti. 

1) La valutazione dovrebbe riguardare solo il rapporto paziente/fornitore di servizi, evitando fuorvianti commenti soggettivi e personali.

2) Il proprietario della piattaforma on line deve essere identificato e contattabile.

3) Analogamente i sostenitori finanziari della stessa piattaforma.

4) Dovrebbe apparire la data dell’ultimo aggiornamento della pagina o del sito.

5) Vanno inclusi una dichiarazione sulla privacy e le politiche per la gestione dei dati, la cancellazione e il trasferimento a terzi.

6) Va fatta una distinzione tra contenuto e pubblicità.

7)  Va evidenziato che tutti i messaggi sono opinioni personali.

8)  Viene fornita una funzione di ricerca per trovare i singoli dentisti.

9) Il  sistema valutativo è di facile comprensione.

10) I  recensori dovrebbero essere identificabili dal proprietario della piattaforma online attraverso un appropriato processo di registrazione o altri mezzi di identificazione elettronica. Le valutazioni online potrebbero rimanere anonime.

11) Il feedback dovrebbe essere strutturato tenendo conto almeno dei seguenti criteri: impressione generale; professionalità; strutture e comunicazione.

12) I pazienti sono tenuti a confermare di aver ricevuto personalmente il trattamento o i servizi sui quali stanno commentando e di specificare la data di ricezione del trattamento o dei servizi.

13) Tutti i contributi sono monitorati e, ove necessario, modificati o rimossi.

14)  Nel caso di una valutazione online che sia chiaramente molesta, vessatoria e / o odiosa, il proprietario della piattaforma online deve assumersi la responsabilità di rimuovere tali contenuti.

15) Esiste protezione contro affermazioni ingannevoli e commenti offensivi.

16)  l dentista viene informato della presenza di dati che lo riguardano e del diritto di rettifica.

17) Il dentista ha il diritto di chiedere che i suoi dati personali siano cancellati se la politica generale perseguita dal proprietario del sito Web non garantisce i diritti e le libertà fondamentali del dentista di cui all'articolo 6, paragrafo 1, lettera f) e il considerando 47 del GDPR.

18) C'è un'opportunità per i dentisti di rispondere e /o opporsi ai commenti. Commentare le recensioni dovrebbe essere sempre possibile.

19) In caso di informazioni / contenuti vessatori, il dentista deve immediatamente ricevere tutte le ulteriori informazioni che gli consentono di difendere il nome e la reputazione professionale. 

20) Il CED incoraggia le associazioni odontoiatriche nazionali a sviluppare strumenti che confermino la conformità delle piattaforme di valutazione ai criteri sopra menzionati. 

Sul tema è intervenuto recentemente anche Alessandro Conte, coordinatore del progetto FNOMCeO  “dottoremaèveroche”, che  mette in guardia sulle piattaforme piattaforme che prevedono un’iscrizione per i camici bianchi e il pagamento di un canone periodico per avere un profilo all’interno di siti Internet, servizi di agenda per fissare appuntamenti e altre utilità.  

I professionisti, in molti dei portali, riceveranno poi recensioni dai pazienti. È proprio quest’ultimo aspetto a suscitare lo scetticismo dell’esperto della Federazione degli Ordini dei medici e degli odontoiatri, poiché le valutazioni si incentrano perlopiù su elementi riguardanti la professione e alla logica medica, sui quali difficilmente i pazienti hanno conoscenza e padronanza. 

Articoli correlati

Video intervista all’avvocato Maddalena Giungato in tema di pubblicità in odontoiatria e responsabilità del direttore sanitario


Antonella Polimeni

La prof.ssa Antonella Polimeni presenta la seconda edizione di un testo didattico in cui vengono esaminati tutti gli aspetti relativi al trattamento dei pazienti in età evolutiva


Collaboratori, titolari di studio e team odontoiatrico, visti dal consulente di gestione. Le criticità, i consigli e le “soluzioni”


L’applicazione è sempre più indispensabile anche nel rapporto tra paziente e studio. Questi alcuni ambiti (etici) di utilizzo odontoiatrico

di Davis Cussotto


Un video corso del prof. Antonio Pelliccia riflette su questo quesito offrendo spunti di riflessione, considerazioni e consigli


Altri Articoli

Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Per il presidente CAO Cuneo la questione è il diritto del paziente ad affrontare il pagamento come crede  e senza discriminare il privato verso il pubblico


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


Circolare FNOMCeO su novità dalla finanziaria. La Federazione mettere in guardia medici e dentisti sui rischi di non avere in studio il Pos


L’imprenditrice Canegrati condannata a 12 anni, pene minori per gli altri imputati. Il sen. Rizzi e l’odontoiatra Longo avevano già patteggiato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni