HOME - Approfondimenti
 
 
11 Ottobre 2019

Per la Commissione tributaria umbra, le prestazioni di medicina e chirurgia estetica sono esenti Iva

Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


L’Argomento è da anni oggetto di approfondimenti con le CAO provinciali, i consulenti tributari e le società di settore: quando il trattamento estetico rientra tra le prestazioni mediche o odontoiatriche di natura medicale (quindi esenti Iva) e quando questo sia invece considerato cosmetico, quindi con iva al 22%? 

Una recente sentenza della Commissione Tributaria dell’Umbria (N. 176/2019) entra nel merito della questione confermando che quando questi abbiano carattere sanitario, l’Iva non viene applicata e che, comunque, spetta all’Ufficio che contesta la non applicazione dell’Iva a “motivare, dimostrare la prova contraria”. 

Nel 2015 attraverso una Circolare, l’Agenzia delle Entrate evidenziava che “le prestazioni mediche di chirurgia estetica sono esenti da IVA in quanto sono connesse al benessere psico-fisico del soggetto che riceve la prestazione e quindi alla tutela della salute della persona”. 

Ma anche sentenze più recenti, come quella della Corte di Giustizia Europea, hanno posto l'accento sui concetti di tutela, mantenimento e cura della salute delle persone, rilevando che i problemi di salute possono essere anche di natura psicologica.  

Ma sulle prestazioni di natura estetica in ambito odontoiatrico la questione sembra essere meno semplice, visto anche il recente parere sul tema del Consiglio Superiore di Sanità.  

“Come più volte ribadito da vari esponenti del mondo scientifico e sindacale, quello diffuso dal Ministero della Salute rimane un parere di un importante organismo di consulenza del Ministero, ma sempre di parere si tratta”, dice ad Odontoiatria33 Milvia Di Gioia (nella foto) presidente PPOIESIS che aggiunge: “sarà eventualmente il giudice a decidere se l’odontoiatra ha rispettato quanto dettato dal suo profilo professionale o meno”. 

Per quanto riguarda le fatture degli odontoiatri in tema di prestazioni estetiche il presidente Di Gioia consiglia, se la prestazione è a complemento delle cure odontoiatriche, di inserirla tra le cure effettuate. Se invece si deve fatturare la sola prestazione estetica, di indicare come dicitura: “prestazione di odontoiatria estetica extra orale”.

Articoli correlati

Un regolamento, in fase di realizzazione, definirà le regole per iscriversi. Pollifrone (CAO Roma): “l’obiettivo è quello di tutelare sempre la salute dei cittadini”


Con il presidente SIMEO proviamo a fare il punto sulle applicazioni pratiche del parere fornito al Ministero dal Consiglio Superiore della Sanità


Il dott. Francesco Spatafora ripercorre i passaggi normativi e non che hanno preceduto il parere del CSS e avanza considerazioni e dubi


La Società scientifica, soddisfatta del parere, si dice pronta ad attivare iniziative a tutela della salute e sicurezza dei pazienti per il rispetto dei limiti sanciti dal CSS


Nuovo parere sul tema che ribadisce quanto già indicato nel 2014 ma meglio, definendo le aree anatomiche di intervento, auspicando l’inserimento della materia nel percorso formativo.


Altri Articoli

Uscire di casa solo se strettamente necessario. E’ questo l’invito che in questi giorni politica ed esperti stanno diffondendo per cercare di contenere la pandemia.Nonostante i DCPM e le...

di Norberto Maccagno


Intanto FNOMCeO chiede ai presidenti di Ordine di sospendere gli eventi ECM in attesa di chiarimenti


La lista Difendiamo la Professione ottiene il 73% dei voti. Senna anche vice presidente del Consiglio dell’Ordine, Rossi confermato alla presidenza OMCeO


Un sondaggio fra gli odontoiatri USA indica che le attuali misure adottate contro Covid-19 possono essere sufficienti contro il propagarsi dell’infezione


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio