HOME - Approfondimenti
 
 
13 Novembre 2019

Registratore di cassa e fattura elettronica per gli studi odontoiatrici, l’Agenzia delle Entrate precisa

Un approfondimento dell’Agenzia delle Entrate chiarisce le finalità della norma. Conferma anche il divieto di invio di fattura elettronica per le prestazioni sanitarie per tutto il 2020


Registratore di cassa si, registratore di cassa no. E' questo il dubbio che alcuni analisti si sono posti leggendo il testo dell’articolo 15 del decreto fisale, evidenziando come, così come formulato, avrebbe potuto essere interpretato come un obbligo per tutti i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria, di adottare un registratore telematico.

Dubbio ripreso da alcune testate, tra cui anche Odontoiatria33 che ricordava, anche, come l'interpretazione sarebbe stata in contrasto con quella che regolamenta l’emissione di fattura o ricevuta da parte dei professionisti.

Probabilmente, per dissipare anche questi dubbi, l’Agenzia delle Entrate, attraverso la sua rivista on-line Fisco Oggi, ha pubblicato un approfondimento precisando quando indica la norma sul tema. 

In un primo passaggio viene ribadito che l’articolo 15 della legge di Bilancio conferma “per il periodo d’imposta 2020 l’esonero ovvero, per meglio dire, il divieto, già in vigore quest’anno, di emettere fatture elettroniche in relazione alle prestazioni sanitarie effettuate nei confronti delle persone fisiche. La disposizione riguarda sia i soggetti tenuti a trasmettere i dati al Sistema tessera sanitaria ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata (aziende sanitarie locali, aziende ospedaliere, istituti di ricovero e cura, policlinici universitari, farmacie, iscritti all’Albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri, presidi e strutture per l’erogazione dei servizi sanitari) sia gli altri operatori per i quali tale obbligo non sussiste (ad esempio, podologi, fisioterapisti, logopedisti)”.

Inoltre, continua l’approfondimento delle Entrate, sempre nell’articolo 15 viene stabilito che “a decorrere dal 1° luglio 2020, i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria adempiono all’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi ai corrispettivi esclusivamente mediante l’invio dei corrispettivi giornalieri al Sistema TS, utilizzando strumenti tecnologici che garantiscono l’inalterabilità e la sicurezza dei dati, ossia i registratori telematici”

Per meglio chiarire viene anche indicata la finalità della norma che è quella, si legge sempre sulla testata dell’Agenzia delle Entrate, di “razionalizzare per gli esercenti che effettuano prestazioni sanitarie (ad esempio, le farmacie) e per l’amministrazione finanziaria, rispettivamente, l’invio e l’acquisizione dei flussi informativi relativi ai dati necessari per la dichiarazione precompilata, ai dati dei corrispettivi giornalieri e a quelli necessari per partecipare alla lotteria nazionale degli scontrini. In tal modo, gli esercenti potranno inviare tutti i dati richiesti con un’unica operazione effettuata tramite il registratore telematico”. 

Sull’argomento anche ANDI, con una nota pubblicata oggi sul proprio sito, ribadisce che “l’attività degli studi odontoiatrici non è dunque interessata all’adempimento” bollando come fake-news i dubbi interpretativi. 

“Si tratta di una evidente fake news, in quanto l’obbligo di certificazione dei corrispettivi tramite memorizzazione e trasmissione telematica degli stessi interessa unicamente coloro che effettuano “operazioni di commercio al minuto ed attività assimilate” di cui all’art. 22 del DPR 633/72 (con particolari esoneri)”, motiva la nota di ANDI.

Articoli correlati

Si riduce anche l’entità rispetto al recedente bonus. Possibile richiederlo per le spese sostenute nel terzo trimestre 2021, da giugno ad agosto, potrà essere inviata dal 4 ottobre al 4 novembre


Sono lontani dal punteggio premiante. Circa 9mila quelli che hanno inviato la dichiarazione ISA nel 2020, oltre 16 mila gli addetti occupati


In media hanno un indice di affidabilità inferiore ad 8. Queste le specifiche dell’attività svolta stando a quando indicato nella dichiarazione 2020, anno imposta 2019


Secondo le denuncie ISA scompare più del 14% delle partite iva singole ed il 2,5% degli studi associati. Crescono solo le società. Cresce il fatturato denunciato, in particolare, dagli studi...


Quelli con il solo titolare calando quasi del 50%, cresce ma di poco il fatturato rispetto alla denuncia 2018


Altri Articoli

Stimata ed apprezzata, fino all’ultimo ha lavorato per il bene della professione con tenacia, impegno ed entusiasmo. Molti i messaggi di ricordo delle sue colleghe e dei dirigenti delle...


Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


Oltre a quelli italiani ne hanno parlato il New York Times, Al Jazeera, siti spagnoli e degli altri Paesi europei. Sileri: sarebbe una macchietta se non fosse un odontoiatra


Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open, potrebbero contribuire a migliorare la comunicazione con pazienti con problemi di udito ma non solo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi