HOME - Approfondimenti
 
 
13 Novembre 2019

Registratore di cassa e fattura elettronica per gli studi odontoiatrici, l’Agenzia delle Entrate precisa

Un approfondimento dell’Agenzia delle Entrate chiarisce le finalità della norma. Conferma anche il divieto di invio di fattura elettronica per le prestazioni sanitarie per tutto il 2020


Registratore di cassa si, registratore di cassa no. E' questo il dubbio che alcuni analisti si sono posti leggendo il testo dell’articolo 15 del decreto fisale, evidenziando come, così come formulato, avrebbe potuto essere interpretato come un obbligo per tutti i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria, di adottare un registratore telematico.

Dubbio ripreso da alcune testate, tra cui anche Odontoiatria33 che ricordava, anche, come l'interpretazione sarebbe stata in contrasto con quella che regolamenta l’emissione di fattura o ricevuta da parte dei professionisti.

Probabilmente, per dissipare anche questi dubbi, l’Agenzia delle Entrate, attraverso la sua rivista on-line Fisco Oggi, ha pubblicato un approfondimento precisando quando indica la norma sul tema. 

In un primo passaggio viene ribadito che l’articolo 15 della legge di Bilancio conferma “per il periodo d’imposta 2020 l’esonero ovvero, per meglio dire, il divieto, già in vigore quest’anno, di emettere fatture elettroniche in relazione alle prestazioni sanitarie effettuate nei confronti delle persone fisiche. La disposizione riguarda sia i soggetti tenuti a trasmettere i dati al Sistema tessera sanitaria ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata (aziende sanitarie locali, aziende ospedaliere, istituti di ricovero e cura, policlinici universitari, farmacie, iscritti all’Albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri, presidi e strutture per l’erogazione dei servizi sanitari) sia gli altri operatori per i quali tale obbligo non sussiste (ad esempio, podologi, fisioterapisti, logopedisti)”.

Inoltre, continua l’approfondimento delle Entrate, sempre nell’articolo 15 viene stabilito che “a decorrere dal 1° luglio 2020, i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria adempiono all’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi ai corrispettivi esclusivamente mediante l’invio dei corrispettivi giornalieri al Sistema TS, utilizzando strumenti tecnologici che garantiscono l’inalterabilità e la sicurezza dei dati, ossia i registratori telematici”

Per meglio chiarire viene anche indicata la finalità della norma che è quella, si legge sempre sulla testata dell’Agenzia delle Entrate, di “razionalizzare per gli esercenti che effettuano prestazioni sanitarie (ad esempio, le farmacie) e per l’amministrazione finanziaria, rispettivamente, l’invio e l’acquisizione dei flussi informativi relativi ai dati necessari per la dichiarazione precompilata, ai dati dei corrispettivi giornalieri e a quelli necessari per partecipare alla lotteria nazionale degli scontrini. In tal modo, gli esercenti potranno inviare tutti i dati richiesti con un’unica operazione effettuata tramite il registratore telematico”. 

Sull’argomento anche ANDI, con una nota pubblicata oggi sul proprio sito, ribadisce che “l’attività degli studi odontoiatrici non è dunque interessata all’adempimento” bollando come fake-news i dubbi interpretativi. 

“Si tratta di una evidente fake news, in quanto l’obbligo di certificazione dei corrispettivi tramite memorizzazione e trasmissione telematica degli stessi interessa unicamente coloro che effettuano “operazioni di commercio al minuto ed attività assimilate” di cui all’art. 22 del DPR 633/72 (con particolari esoneri)”, motiva la nota di ANDI.

Articoli correlati

La Consulta Nazionale dei CAF chiede un intervento del Ministero delle finanze per evitare criticità per contribuenti e prestatori di servizi


Ammessi solo quelli che riguardavano proroghe. L’On leghista prova anche la carta del ricorso ma senza successo. Tenterà altre strade


Per il dott. Mele il tentativo del Governo di risparmiare complicando la vita ai contribuenti è un comportamento “disgustoso”


C’è tempo fino al 31 gennaio, la FNOMCeO sollecita gli iscritti. Quest’anno è la prima volta degli igienisti dentali. Queste le sanzioni per ritardatari e inadempienti 


L’On Boldi presenta un emendamento al decreto mille proroghe che punta ad abolire la norma. Dalle carte emerge che l’obiettivo del Governo era risparmiare e non combattere il nero


Altri Articoli

Un modello riproducibile e sostenibile di umanizzazione dell’assistenza odontostomatologica che parte da una corretta formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra....


A metà febbraio le scadenze: quella sui radiografici che interessa i soli studi odontoiatrici e quella per l’autoliquidazione INAIL che riguarda anche laboratori ed aziende del settore. Per i...


In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


Sono stati in militari del NAS di Bologna, secondo la stampa locale su segnalazione di un paziente, a scoprire a Riccione lo studio di un finto dentista, un diplomato odontotecnico di 69 anni.Secondo...


L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni