HOME - Approfondimenti
 
 
14 Novembre 2019

A Vicenza gli odontotecnici parlano del loro futuro

Le nuove tecnologie e la professione odontotecnica: un focus a 360° tra clinica e rivendicazioni sindacali nell’evento ANTLO organizzato a Vicenza

Nor. Mac.

Un settore in mutamento per via dei cambianti in atto e per questo si devono sostenere le imprese odontotecniche. In questo momento di trasformazione occorrono nuove risposte e nuove soluzioni preservando, però, la specifica della professione. A dirlo è stata la presidente di Confcommercio Professioni Anna Rita Fioroni nell’indirizzo di saluto con il quale si è aperta la due giorni del “1° Evento Nuove Tecnologie – innovazione e condivisione” organizzate da ANTLO a Vicenza lo scorso fine settimana. Due giorni di approfondimento e studio sulle nuove tecnologie in ambito protesico, con relazioni, workshop e mostra merceologica. 

Cambiamento che passa indubbiamente dall’evoluzione che la professione ha dal punto di vista della fabbricazione di dispositivi protesici, ma anche come le norme la regolano o regoleranno. 

Per questo il presidente nazionale ANTLO Mauro Marin, ha voluto organizzare una tavola rotonda dal titolo “Digitale opportunità per il futuro o fine della professione odontotecnica”.

Un titolo certamente provocatorio che, però, tocca il sentore che oggi gli odontotecnici vivono: da una parte le opportunità che le nuove tecnologie offrono alla produzione, dall’atro i rischi che le stesse nuove tecnologie comporteranno e la necessità di regole nuove o per certi versi la necessità che vengano fatte rispettare quelle già esistenti. Come hanno spiegato i partecipanti: oltre al presidente ANTLO Mauro Marin, quello SNO/CNA Luigi Cleri, il presidente Gennaro Mordenti di Confartigianato odontotecnici e quello dei CIOD Luigi Benvegnu. A portare la visione “laica” il presidente UNIDI Gianna Pamich.

Una tavola rotonda che ha ritrovato la volontà di unitarietà di intenti delle 4 Associazioni presenti, unitarietà che era stata ribadita qualche mese fa attraverso un comunicato stampa.  

Molti i temi toccati a cominciare, ovviamente, dalla quasi “centenaria” questione del profilo professionale legato ad una norma del 1928 che l’avvento delle nuove tecnologie sembra porre, oggi, ulteriori punti di riflessione, soprattutto sulla formazione e di conseguenza anche sull’aera professionale di appartenenza: ingegneristica/tecnologica o sanitaria. Poi ci sono i problemi strutturali che da sempre interessano il comparto (principalmente la micro dimensione dei laboratori italiani), oggi acuiti dagli investimenti per l’adeguamento tecnologico del laboratorio, come ha indicato Simone Gala di Key-Stone attraverso i dati di una ricerca che ha fotografato il settore odontotecnico dal punto di vista delle nuove tecnologie digitali. E quelli che toccano molte imprese, difficoltà di ricevere i pagamenti, la concorrenza che con il digitale oggi arriva non solo facilmente da competitor interinazionali ma anche dagli stessi studi odontoiatrici che realizzano in proprio i dispositivi medici (peraltro i dati portati da Key-Stone ridimensionano molto il fenomeno) e dai service che sempre più spesso sono in mano alle aziende che producono impianti o attrezzature Cad-Cam.

E dallo scenario emerso durante la tavola rotonda, oggi per l’odontotecnico la battaglia politica verso un nuovo profilo e la sua area professionale di appartenenza, forse, può anche passare in secondo piano rispetto alla vera battaglia che potrà garantire la sopravvivenza della professione: quella sulle competenze

Altro aspetto forse poco approfondito nel dibattito è anche quello della formazione. Se è vero che il nuovo Regolamento europeo sui dispositivi medici, in vigore dal prossimo anno, indica chiaramente chi è il fabbricante e quali sono i suoi doveri, è anche vero che a seconda di come queste regole verranno fatte rispettare, si potrà garantire la sopravvivenza o meno degli odontotecnici.  

Ma al termine della discussione, tra i temi rimasti aperti, c’è quello forse più pratico: la lotta contro il rischio di estinzione gli odontotecnici dovranno farla da soli o deve interessare tutto il comparto odontoiatrico, odontoiatri in primis? 


Nel video sotto l’intervento del presidente di Confcommercio Professioni Anna Rita Fioroni.     

Articoli correlati

Dal presidente ANTLO Mauro Marin le previsioni per il futuro della professione che è a rischio sopravvivenza a seconda delle scelte che verranno o non verranno prese


Per Daniele Benatti serve un salto culturale che possa “rimettere speranza in un segmento, quello odontotecnico, che rischia davvero l’estinzione”


Una serie di considerazioni del decano dell’odontotecnica, Rodolfo Timiani, su quale sia il reale ed attuale ruolo dell’odontotecnico nel Team odontoiatrico 


Nota di precisazione su articolo Odontoiatria33 del 27 luglio 2019 


“L’accresciuta capacità professionale messa in campo dagli odontotecnici costituisce una garanzia per la salute degli utenti finali a cui sono destinati i dispositivi su misura da essi...


Altri Articoli

Un passo importante nella forte espansione dell'attività in segmenti strategici del mercato odontoiatrico


Presentato a Milano l’edizione 2020. Sempre più evento a 360° per l’intero comparto: merceologia, eventi scientifici, odontoiatria digitale e quest’anno anche medicina estetica


Marco Esposito ci parla di quanto la ricerca è indispensabile per guidare il clinico nella pratica quotidiana. L’occasione è la presentazione di Clinical Trials in Dentistry


Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta (ANCAD) che denuncia: il commercio elettronico nel settore odontoiatrico rischia di ignorare leggi e controlli e favorire abusi


L’On Boldi presenta un emendamento al decreto mille proroghe che punta ad abolire la norma. Dalle carte emerge che l’obiettivo del Governo era risparmiare e non combattere il nero


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni