HOME - Approfondimenti
 
 
19 Novembre 2019

La prescrizione penale non compromette il risarcimento e il procedimento disciplinare

Un fatto di cronaca consente di approfondire sul tema. I pareri dell’avvocato Giungato e del presidente CAO Guarnieri 

Nor. Mac.

E’ notizia di qualche settimana fa della decisione della Corte di Appello di Catanzaro che ha dichiarato non doversi procedere nei confronti del dentista per intervenuta prescrizione. 
Condannato in primo grado dal Tribunale di Cosenza, il dentista si è visto dichiarare estinto il reato di concorso nell’esercizio abusivo della professione dalla Corte d’Appello, che ha dichiarato non doversi procedere in ordine al reato per intervenuta prescrizione. Il professionista era stato condannato in primo grado per aver agevolato e consentito l’esercizio della professione odontoiatrica da parte di un odontotecnico, con condanna anche al risarcimento dei danni in favore dell’Ordine dei Medici chirurghi e degli odontoiatri di Cosenza costituitosi parte civile.
Dopo la condanna in primo grado contro la sentenza il professionista aveva proposto appello, che si è concluso con la prescrizione del reato.

Nel procedimento si era costituito parte civile l’OMCeO di Cosenza, su richiesta della CAO di Cosenza, che aveva anche aperto nei confronti dell’iscritto un procedimento disciplinare, subito sospeso in attesa della conclusione dell’iter giudiziario.
La Corte d’Appello di Catanzaro ha, nei giorni scorsi, dichiarato estinto il reato, confermando le statuizioni civili in favore dell’Ordine nonché il suo diritto a vedersi rimborsare le spese di giudizio.   

“Se la sentenza della Corte di Appello di Catanzaro chiude verosimilmente il caso dal punto di vista penale, essendo alquanto improbabile che l’odontoiatra promuova ricorso per cassazioneper ottenere un’assoluzione nel merito, la vicenda resta aperta per le statuizioni civili - e quindi per il recupero delle somme liquidate a titolo di risarcimento e di spese di lite - e per i profili deontologici ”, spiega ad Odontoiatria33 l’avvocato Maria Maddalena Giungato (nella foto). 
“Gli effetti della costituzione di parte civile non vengono minimamente inficiati dalla prescrizione, perché questa deriva unicamente dalla mancata conclusione del processo penale nei tempi previsti dalla legge e non già da un accertamento di innocenza dell’imputato” continua l’avvocato Giungato. “Il valore culturale ed ideologico della costituzione di parte civile permane, quindi, inalterato e anche l’effetto risarcitorio. ovvero l’obbligo di pagamento del danno riconosciuto in favore dell’Ordine oltre che il diritto alla refusione delle spese di costituzione di parte civile del primo e del secondo grado di giudizio”. 

Stesso discorso per il procedimento disciplinare che riprende il suo iter, precisa l’Avvocato Giungato, per la valutazione deontologica dei fatti. In particolare, conclude l’avvocato, “con la chiusura del procedimento penale per prescrizione l’Ordine prosegue il procedimento disciplinare precedentemente sospeso in attesa della definizione del giudizio in sede penale”.  

Il presidente CAO di Cosenza Giuseppe Guarnieri aggiunge: “L’Ordine, com’è consuetudine in questi casi, si è costituito parte civile nel procedimento che ha visto l’odontotecnico, già nelle fasi iniziali, avvalersi della possibilità del patteggiamento. La CAO, per opportunità, aveva sospeso il procedimento disciplinare in attesa di quello penale. Ora attenderemo le motivazioni della sentenza anche se, all’esito del dispositivo comunicatoci dal nostro legale avv. Giungato, il procedimento disciplinare ha già ripreso il suo iter.  Sarà compito della CAO valutare gli atti e prendere le decisioni del caso”.    

Articoli correlati

Valutare, documentare e in caso di dubbi meglio richiedere una consulenza ad un odontologo forense, i consigli della prof.ssa Vilma Pinchi 


Per evitare di incorrere in responsabilità non si deve garantire un “rischio zero”, ma adottare le misure previste, dice l’avvocato Maria Maddalena Giungato 


Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Venerdì 8 e sabato 9 novembre 2019 si terrà a Bologna, presso Zanhotel Europa, l’VIII Congresso Nazionale dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Legale, alla guida di...


Dall’Università di Torino parte la campagna informativa iDENTIficami per sensibilizzare l’opinione pubblica al processo di identificazione personale attraverso la raccolta di informazioni di...


Altri Articoli

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


L’85% dei titoli sono conseguiti da cittadini italiani. Stabile anche il numero dei riconoscimenti dei titoli di residenti stranieri 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION