HOME - Approfondimenti
 
 
06 Dicembre 2019

Le applicazioni digitali che hanno e rivoluzioneranno il settore

Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


Il 57% della popolazione mondiale, l’80% in Europa e nord America, possiede uno smartphone che risponde alle domande, consente di ordinare cibo o accendere il riscaldamento prima di rientrare a casa. Non dobbiamo quindi affatto stupirci se i sistemi digitali hanno e stanno trasformando anche l’odontoiatria. Dopo i primi passi con François Duret negli anni ottanta del secolo scorso, lo sviluppo del digitale nel settore ha seguito tre direttrici: i sistemi CAD CAM per la restaurativa, l’imaiging digitale (fotografia, diagnostica CBCT, etc) e i software gestionali cardini del management nello studio dentistico.

In quarant’anni la restaurativa, la diagnostica, l’approccio e la gestione del paziente sono notevolmente mutati. All’ultimo IDS di Colonia nel marzo scorso, sono stati 252 gli espositori con prodotti o servizi legati al CAD CAM.  Gli scanner intraorali hanno ridotto dimensioni, peso, tempi di ripresa e prezzi e hanno accresciuto l’accuratezza e la precisione delle immagini 3D catturate. La maggior parte dei software sta andando verso architetture aperte.  

La gamma dei materiali a disposizione del clinico è accresciuta e i restauri hanno raggiunto un grado di precisione clinicamente sovrapponibile alle metodiche convenzionali. Negli ultimi anni le pubblicazioni scientifiche su temi di odontoiatria digitale apparse su fonti peer-reviewed e non-peer review sono cresciute del 200%. Segnali di grandissima vitalità del settore che negli ultimi anni si sta sviluppando verso nove direttrici.  

E. Dianne Rekow, odontoiatra e ingegnere dei materiali, ricercatrice presso l’Università del Maryland (USA) in un recente articolo su sciencedirect.com sostiene che i nuovi campi di sviluppo del digitale passano attraverso il digital virtual patient (DVP) che nasce su apposite piattaforme che integrano dati provenienti da CBCT, scansioni  3D intra ed extraorali, fotografie.  

Il DVP offre oggi alternative alla chirurgia guidata convenzionale con i surgical-navi, chirurgia assistita da una navigazione chirurgica dinamica.   Possiamo immaginare il DVP come una mappa del paziente e il surgical-navi la route che guida la mano del chirurgo quando prepara in sito implantare. I sistemi robotizzati sono presenti in medicina dagli anni 90 e si stanno testando anche in odontoiatria. Ad oggi in commercio Yomi® Robotic Dental System  è un dispositivo robotizzato approvato dalla FDA per la chirurgia implantare, svolge una azione di supporto alla mano del chirurgo  durante l’intervento rendendo più predicibile il risultato. Firstfit® guided prosthetics delivery system è un sistema di restaurativa guidata che riduce i tempi della classica restaurativa in giornata; in prima seduta si eseguono gli esami per la realizzazione del DVP, si invia al laboratorio  Firstfit ® con prescrizione che rimanda una dima di preparazione e il restauro finito  da  inserire in bocca a preparazione avvenuta.Partendo dal DVP è possibile disegnare e produrre in 3D gli scaffolds in biomateriali, protesi maxillo faciali e impianti customerizzati.  

Altre applicazioni digitali che influenzano il dentale, conclude la Rekow sono: 

1) Dental augmented reality app, applicativi a realtà aumentata  che consente al dentista di  mostrare la forma o la posizione dei denti che può creare.

2) Gli App collegati agli spazzolini elettrici per monitorare il corretto utilizzo.

3) La telemedicina utilizzata da alcune compagnie assicurative USA che nello screening a distanza hanno inserito anche alcuni selfie della bocca del cliente.

4) La medicina forense che utilizza i dati di DPV per l’identificazione delle salme.

5) L’educazione e la motivazione del paziente.

6) UberHealth è il nuovo servizio di trasporto pazienti presso le cliniche dentali gestito da Uber.  

Articoli correlati

Pratica, utile e praticabile avendo presente le norme ed adottando alcune accortezze. Questi i consigli dell’avvocato Stefanelli che ricorda come a guidare deve essere etica e buonsenso


A pochi giorni dal primo congresso virtuale di AIOP, con il presidente Poggio proviamo a capire quali possano essere gli sviluppi in protesi


Rispettare la distanza sociale ed abbattere quasi completamente la produzione dell’aerosol, per l’ortodontista è già possibile. L’esperienza del prof. Levrini.


Il monitoraggio a lungo termine delle condizioni dei tessuti molli e duri perimplantari è una parte cruciale nel raggiungimento del successo implantare. La precisa valutazione...

di Lara Figini


Con lo sviluppo della sistematica CAD/CAM, oggi i materiali più utilizzati nei campi protesici sono zirconia e disilicato di litio. In particolare, in una review pubblicata nel...

di Simona Chirico


Altri Articoli

Alessandro Baj

Test sierologici fine a se stessi o studi multicentrici di ricerca? Ne abbiamo parlato con il professor Alessandro Baj


Il Tavolo tecnico modifica il testo su mascherine e camici ed il CTS approva. Il prof Gherlone ci spiega le modifiche e parla del futuro del Tavolo Tecnico 


Alcune considerazioni del dott. Dario Bardellotto sulle possibili soluzioni per combattere gli inquinanti indoor chimici, fisici e biologici di uno studio dentistico


La Società spagnola per il diabete (SED) e la Società spagnola di parodontologia portano l’attenzione sul malato diabetico ed i rischi in questo periodo di Covid-19. Raccomandata la massima...


L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni