HOME - Approfondimenti
 
 
13 Gennaio 2020

L’ADA chiede il divieto totale di “svapo” dei prodotti non approvati dalla FDA

L’American Dental Association sollecita un’azione normativa, per la vendita e la distribuzione di sigarette elettroniche e chiede di finanziare ricerche per studiarne i loro effetti sulla cavità orale

Lorena Origo

L’American Dental Association sollecita con urgenza un’azione normativa, legislativa e/o legale a livello federale e/o statale per vietare la vendita e la distribuzione di sigarette elettroniche e prodotti per lo “svapo”, che vengono proposti come strumenti per aiutare le persone a ridurre il consumo di tabacco, a eccezione di quelli approvati dalla FDA e chiede di destinare finanziamenti per la ricerca per studiarne la sicurezza e l’efficacia e i loro effetti sulla cavità orale.

Richiede, inoltre, che i prodotti alternativi approvati siano disponibili al pubblico solo su presentazione di ricetta medica.

Questo passo arriva dopo le recenti azioni intraprese dall’American Medical Association ed è un invito all’azione con l’obiettivo di garantire la salute e la sicurezza dei consumatori; l'ADA aveva già emesso lo scorso ottobre una dichiarazione contro l’uso delle sigarette elettroniche e dei prodotti di “svapo” a causa del crescente numero di segnalazioni di lesioni a loro correlate emerse negli ultimi mesi.

“Mentre gli effetti a lungo termine sulla salute orale del vaping sono sottoposti a revisione scientifica, in quanto professionisti della salute dobbiamo essere prudenti e proteggere i consumatori da prodotti potenzialmente dannosi” ha affermato il presidente dell’ADA Chad Gehani. “Continueremo a sostenere ulteriori ricerche, ma prima di tutto dobbiamo proteggere la salute dei nostri pazienti. Questo divieto garantirebbe la loro sicurezza e ci consentirebbe di esplorare l’impatto di questi prodotti sulla salute orale.”

Per ulteriori informazioni sulle attività e iniziative ADA in merito allo svapo e ai prodotti legati al tabacco, visitare ADA.org/vaping.

Articoli correlati

chirurgia-orale     12 Novembre 2008

Irradiare con cautela

Soppesare rischi e benefici di ciascun trattamento è compito quotidiano per gli odontoiatri, e questo spesso vale anche per gli interventi più piccoli o quelli di routine: un esempio di ciò è la...


Le radiografie sono ormai entrate stabilmente nella pratica odontoiatrica e ben pochi dubbi sono stati finora sollevati sulla loro possibile pericolosità, in termini di azione mutagena. Ora però...


Lo scorso 12 settembre è stata celebrata in sordina la prima Giornata mondiale della salute orale. Un giorno per ricordare al mondo l’importanza della salute dei denti e dei tessuti orali infatti...


Il colpo di frusta, pur non coinvolgendo apparentemente il cavo orale, può davvero comprometterne la funzionalità: una persona su tre riporta disturbi o disfunzioni localizzate nelle articolazioni...


farmacologia     30 Settembre 2007

"Linee guida" sui collutori

Le "linee guida" italiane sull'utilizzo dei colluttori per la salute orale (Italian Mouthwash Guidelines o Img), presentate recentemente a Roma, sono una novità assoluta e in qualche modo sanciscono...


Altri Articoli

Rinnovati i componenti della Commissione Albo Odontoiatri della provincia di Trento, questi gli eletti. 


Il Consiglio dell’Ordine ha dato mandato ad un pool di avvocati guidato dal presidente Catricalà per sostenere le limitazioni in tema di pubblicità commerciali in sanità


Partecipa al webinar gratuito in programma sabato 5 dicembre alle ore 10.00. con il dott. Flavio Frisardi e la Dott.ssa Serena Pizzagalli


I dentisti di Italia, Spagna, Inghilterra lamentano cali di pazienti simili. Una ricerca ADA indica dentisti in affanno per riduzione del numero di pazienti assistiti


Si chiama Marketing Automation lo strumento che consente di capire l’efficacia della propria campagna di comunicazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali