HOME - Approfondimenti
 
 
05 Febbraio 2020

Sviluppato un chip dentale per personalizzare i trattamenti

Una scoperta USA potrebbe permettere ai dentisti di identificare i materiali di restauro più adatti ai tessuti e al microbioma orale di ciascun paziente.

Lorena Origo

Un team di ricercatori dell’Università americana dell’Oregon Health Sciences (OHSU), diretto dal dottor Luiz Bertassoni, ha sviluppato un “chip dentale” che apre le porte allo sviluppo di un’odontoiatria sempre più personalizzata in cui i dentisti possono identificare i materiali di restauro più adatti ai tessuti e al microbioma orale di ciascun paziente.

Mini-organi di questo tipo erano già stati sviluppati a scopo di ricerca in relazione ai tessuti del fegato e dei polmoni, ma è la prima volta che l'idea è stata applicata nel campo odontoiatrico, come spiegato dai responsabili del lavoro nel numero dello scorso dicembre sulla rivista di chimica Lab on a Chip.

“Le otturazioni della cavità di oggi non sono efficaci come dovrebbero, poiché durano in media solo cinque-sette anni” ha commentato il dottor Bertassoni. “Questo dispositivo può aiutare a risolvere questo problema grazie a una visione ravvicinata di ciò che sta accadendo in tempo reale.”

Il chip è costituito da un sottile foglio di tessuto molare umano situato tra altri due fogli di gomma trasparente incisi con piccoli canali attraverso i quali scorrono i fluidi.

Il dispositivo, che funziona come un’imitazione della superficie di un dente reale con una cavità, consente a fluidi e batteri di circolare tra i diversi strati di tessuto mentre i ricercatori osservano al microscopio come queste superfici interagiscono. In questo modo è possibile valutare come i tessuti biologici rispondono nell’ambiente naturale alle aggressioni e ai trattamenti esterni.

Articoli correlati

I materiali endodontici utilizzati per l'otturazione canalare e per le riparazioni radicolari vengono considerati ottimali qualora posseggano determinate caratteristiche tra cui:- non devono essere...


I restauri dentali tendono ad avere durata limitata e nello specifico i restauri in composito, prevalentemente per la contrazione da polimerizzazione, subiscono col tempo microperdite con la...


Continua l'attenzione del settore sul servizio de Le Iene andato in onda domenica scorsa. Dopo la posizione della CAO arriva anche quella di ANDI che in un articolo a firma del segretario nazionale...


Studiato per essere utilizzato con tutti i metodi di mordenzatura e per tutte le indicazioni cliniche dirette ed indirette, Prime&Bond active si distingue per la brevettata tecnologia...


(1). Tra i principali microorganismi presenti nel cavo orale, lo Streptococcus mutans (S. mutans ) gioca un ruolo chiave nell'eziopatogenesi di questa patologia. In particolare, si è visto che...


Altri Articoli

L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


Si completata l'Assemblea Nazionale ENPAM, a fine giugno l’elezione del nuovo CDA


Banca d’Italia ed Agenzia delle Entrate hanno definito le regole per poter usufruire del credito d’imposta sulle commissioni pagate ai gestori di POS


Le polemiche tra professionisti e Governo con i primi che accusano il secondo di privilegiare le imprese in termini di aiuti economici del post coronavirus, se assolutamente legittime mi sembrano...

di Norberto Maccagno


La norma interessa igienisti dentali e odontotecnici, ecco come avvengono gli accrediti automatici e le modalità per richiedere il bonus da 1.000 euro a maggio


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni