HOME - Approfondimenti
 
 
03 Febbraio 2020

La proposta del CIPOOOCMF per dare un futuro all’offerta odontoiatrica nel SSN

Uno studio del CIPOOOCMF propone la via per dare un futuro e potenziare l’offerta odontoiatrica nel servizio sanitario pubblico


Nella suggestiva cornice di San Martino di Castrozza (TN), si è svolto il tradizionale Tavolo Tecnicoorganizzato dal Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri di Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale (CIPOOOCMF). Per il Collegio, appartenente all’Associazione Nazionale Primari Ospedalieri (ANPO), è stata l’occasione per un confronto sulle iniziative sviluppate nel 2019 e sulle proposte per il 2020 con particolare riguardo all’offerta assistenziale nel settore della odontoiatria pubblica. 

L’attività del 2019

Nella presentazione delle iniziative sviluppate nel 2019 è stata richiamata l’attività svolta dal Collegio in seno al “Gruppo tecnico sull’odontoiatria” (GTO), presso il Segretariato Generale del Ministero della salute.
Nel febbraio 2019, il Collegio ha presentato al GTO una proposta di abrogazione del requisito della specializzazione per l’accesso dei laureati in odontoiatria ai concorsi del Servizio sanitario nazionale (SSN) sviluppata nel documento “Proposta di abrogazione della lettera b) del primo comma dell’art. 28 del DPR 10.12.1997 n. 483 – Regolamento recante la disciplina concorsuale per il personale dirigenziale del Servizio Sanitario Nazionale”. 

I componenti del Gruppo tecnico hanno fatto proprio detto documento approvandolo nella seduta del 2 dicembre us. .

La presentazione al GTO di questa iniziativa del Collegio ha anche rappresentato lo stimolo e il contributo alla formulazione della proposta di legge “Disposizioni in materia di accesso ai concorsi pubblici per dirigente medico odontoiatra e alle funzioni di specialista odontoiatra ambulatoriale del Servizio sanitario nazionale” presentata alla Camera dei Deputati il 25 luglio 2019. 

Il Collegio ha elaborato la citata proposta ritenendo che il superamento del requisito della specializzazione per accedere ai concorsi pubblici dovrebbe facilitare il potenziamento dell’offerta assistenziale nel settore della odontoiatria pubblica e consentire di  approntare – in coerenza con le Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali – le modalità organizzative minime ed essenziali (modello, strutture, operatori) per assicurare l’assistenza odontoiatrica pubblica. 

Nell’ultima seduta del GTO del 2 dicembre 2019, il Collegio ha presentato, al riguardo, un documento di indirizzo – “Indicazioni per la presa in carico odontostomatologica del paziente pediatrico nel Servizio Sanitario Nazionale” nel quale – per assicurare la fruizione dei livelli essenziali di assistenza odontoiatrici ai soggetti in età 3-14 obiettivo ritenuto prioritario in un’ottica di sostenibilità – si analizzano i criteri di appropriatezza per l’erogazione delle prestazioni, si propongono le modalità di presa in carico odontostomatologica del paziente pediatrico, si individuano i requisiti strutturali, strumentali, professionali ed organizzativi e si stabiliscono gli standard minimi necessari.

 Il documento di indirizzo – una volta che sarà sottoposto alla valutazione da parte dei Componenti del Gruppo tecnico, prevista in una prossima riunione, e che sarà eventualmente emendato, condiviso e approvato – potrà essere inviato all’attenzione del Sig. Ministro per il successivo iter di approvazione.

Il Collegio ha elaborato il citato documento con l’intento di contribuire a superare una certa genericità nella formulazione dei LEA odontoiatrici per l’età evolutiva e, contestualmente, di fornire un riferimento programmatorio e organizzativo per i responsabili politici e aziendali. Di fronte alle problematiche generali di accesso alle cure e alla necessità di offrire interventi preventivi di tipo estensivo, è strategico, per l’organizzazione sanitaria, individuare modalità operative in grado di assicurare una offerta odontoiatrica pubblica di qualità, appropriata e sostenibile (sotto il profilo dell’utilizzo efficiente delle risorse finanziarie, organizzative, professionali). 


Le proposte per il 2020

Il Collegio ritiene indispensabile proporre, nel corso del 2020, una riflessione complessiva sul futuro dell’offerta odontoiatrica del Servizio sanitario nazionale nel decennio a venire e, allo scopo, al termine dei lavori del 6° tavolo tecnico, i Primari ospedalieri hanno elaborato, condiviso e sottoscritto il documento finale “Quale futuro per l’offerta odontoiatrica nel servizio sanitario nazionale?” scaricabile dal link sotto.

A cura di: Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri di Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale 

Articoli correlati

cronaca     25 Febbraio 2020

SIOH in udienza dal Santo Padre

Il Presidente Magi consegna a Papa Francesco una copia del Manuale di Odontoiatria Speciale edito da Edra


Il presidente Magi illustra l’attività ricordando le finalità della Società Italiana di Odontostomatologia per l’Handicap. Primo appuntamento venerdì 7 febbraio a Riccione


Il progetto dell’Usl Sud–Est della Regione Toscana consente di ottimizzare le risorse offrendo un servizio di assistenza mirato e puntuale


Il presidente CAO Firenze Peirano: ‘’i progetti e la volontà della professione non manca, serve però una volontà politica che ad oggi sembra latitare’’


E’ sempre difficile commentare le notizie di cronaca locale dai soli articoli pubblicati sui giornali.Qualche giorno fa, su Il Gazzettino nell’edizione di Padova, vene pubblicato un...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Antonio De Falco

De Falco (CIMO): i medici nelle ore che dovrebbero dedicare alla formazione, devono svolgere le funzioni aziendali per sopperire alle carenze di personale


Landi (CAO Lodi): inconcepibile escludere i dentisti dalla distribuzione degli strumenti di protezione, si mette a rischio la loro salute e quella dei pazienti


Lo racconta via Skype Matteo Groppi, odontoiatra titolare di studio a Codogno. Queste le criticità sociali e professionali, ma c'è anche qualche aspetto positivo


Il SIASO rassicura i colleghi: sicure le normali procedure adottate dagli studi per la sicurezza sul lavoro. Ecco i casi in cui ci si può assentare dal lavoro e quelli non consentiti


Ai medici e dentisti sussidio sostitutivo e sospensioni dei contributi previdenziali. Intanto anche il Governo proroga i versamenti per i tributi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ecco come vive un dentista nella Zona Rossa del Coronavirus