HOME - Approfondimenti
 
 
11 Febbraio 2020

Farmaci venduti on-line: denunce a Torino e Napoli

Quaranta (ANCAD) ricorda che la stessa legge regolamenta anche la vendita di anestetici ad uso odontoiatrico e mette in guardia depositi e dentisti

Nor. Mac.

Il Nucleo Carabinieri AIFA ha denunciato alla Procure competenti 6 persone, tra amministratori e farmacisti, per aver venduto su internet, si legge nel comunicato dell’Arma, farmaci soggetti a prescrizione, quando tale modalità non è permessa dalla normativa vigente. Sarebbero interessate farmacie di Torino e Napoli. 

Sul tema della vendita online di materiale ad uso odontoiatrico e dei farmaci era intervenuto qualche settimana fa Maurizio Quaranta (nella foto), consigliere ANCAD e ADDE, a cui abbiamo chiesto se la notizia, il rispetto delle normative vigenti sulla commercializzazione dei farmaci, potrebbe interessare anche i depisti dentali

“Assolutamente si, nel settore odontoiatrico si vendono gli anestetici ad uso odontoiatrico che altro non sono che farmaci soggetti a prescrizione e che, inopinatamente, vengono commercializzati anche via internet. Alcuni pubblicizzandoli, anche, attraverso prezzi aggressivi, altra cosa non gradita al Ministero della Salute”. 

Ovviamente non potendo avere ulteriori informazioni sull’indagine ancora in corso da parte delle Procure interessate, e quindi non sappiamo nello specifico i dettagli della vicenda, chiediamo a Quaranta perché ritiene che il fatto dovrebbe essere considerato anche dal settore dentale. “Perchè la legge non fa distinzione tra farmacia e deposito dentale ma riguarda la commercializzazione dei farmaci, e spesso i depositi italiani trattano l’argomento con sufficienza”, continua Quaranta che aggiunge.
“Possiamo ignorare la notizia ed aspettare che qualcuno nel dentale venga sanzionato per poi far letteralmente sparire da internet tutta la pletora di anestetici e di altri farmaci soggetti a prescrizione che si trovano, o possiamo intelligentemente decidere di fare una azione preventiva e ripulire internet dalla pubblicizzazione e vendita di questi prodotti”. “

Ovviamente –chiarisce- questo è un mio spassionato consiglio, semplicemente riferito ad un obbligo di legge che ci riguarda non tanto per extensio legis, quanto per analogia legis, visto che anche i depositi dentali che commercializzano anestetici, sono obbligati ad avere il farmacista per avere l'autorizzazione regionale in regola con le vigenti disposizioni di legge”.  

Sulle conseguenze per gli odontoiatri di non poter più comodamente acquistare anestetici attraverso i canali di vendita on-line, Quaranta ritiene che gli stessi odontoiatri capiranno “se vedranno scomparire da internet i prodotti in questione, che potranno sempre essere ordinati presso lo stesso fornitore di fiducia, ma attraverso il solito canale tradizionale”. 

Articoli correlati

Dalla Giornata Mondiale dei Farmacisti un messaggio verso una maggiore collaborazione. SIdP conferma: fondamentale nella gestione dei farmaci e degli ausili per la salute orale prescritti dallo...


L’associazione tra malattie sistemiche (cardiovascolari, diabete mellito, artrite reumatoide, sindrome metabolica) e parodontite è stata ampiamente discussa. Tuttavia, poco si...

di Giulia Palandrani


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


I pazienti adulti in terapia cronica con farmaci antiaggreganti e anticoagulanti, per malattie cardiovascolari o perché a rischio di tromboembolia, stanno aumentando sempre di...

di Lara Figini


Nei giorni scorsi a Verona, stando a quanto ha pubblicato la stampa locale, i genitori di una neonata nata morta avrebbero denunciato che la causa del decesso sarebbe da attribuire all’anestesia a...


Altri Articoli

Cohen (DentalPro): anche le nostre aziende sono penalizzate nonostante le nostre cliniche siano aperte e sicure 


Collaborazione che ha l’obiettivo di preparare gli studenti ad entrare nel mondo del lavoro usufruendo di servizi e attività


Potranno ottenere il 200% di quanto ricevuto con il decreto Rilancio. Stanziati anche 30 milioni per medici e pediatri che si renderanno disponibili a fare i tamponi


Il caso del dentista di Monreale positivo, riapre i dubbi sugli obblighi nei confronti del personale di studio e dei pazienti, ecco una mini guida. I dubbi sulle Aso e personale di segreteria


La CAO La Spezia manifesta la disponibilità a Regione, ASL e Provincia affinché la rete dei medici odontoiatri della provincia sia inserita nel sistema di screening attraverso l’utilizzo dei...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo