HOME - Approfondimenti
 
 
13 Febbraio 2020

ECM: operativo il Gruppo di lavoro sulla revisione del Sistema

Prima riunione già operativa, l’obiettivo è cercare di capire come riuscire a rimodulare il sistema: revisione o riforma? Il commendo del presidente Nisio

Nor. Mac.

Ieri 12 febbraio si è insidiato presso il Ministero della Salute il Gruppo di Lavoro per la revisione e la valorizzazione del sistema della formazione continua nel settore salute, istituito dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua lo scorso dicembre. 

Obiettivo del Gruppo di lavoro quello di procedere alla formulazione di proposte per procedere alla revisione ed alla valorizzazione del sistema ECM. Fanno parte del Gruppo di lavoro rappresentanti della Conferenza Stato-Regioni, degli Ordini di numerose professioni (Farmacisti, Infermieri, Tecnici Sanitari di Radiologia-Riabilitazione-Prevenzione). Per la FNOMCeO sono stati nominati Segretario Roberto Monaco(che è anche il coordinatore del Gruppo) e di Roberto StellaIn rappresentanza degli odontoiatri il presidente Alessandro Nisio (nella foto), componente della CAO Nazionale

“Questa prima riunione d’insediamento si è subito tramutata in una riunione operativa”, dice ad Odontoiatria33 il presidente Nisio. “La prima riflessione espressa da più componenti è stata quella di voler studiare il più possibile l’attuale sistema, anche confrontandolo con le altre realtà europee, per poi valutare se gli obiettivi che vogliamo raggiungere sono previsti nell’attuale accordo Stato-Regione o se invece, come pensiamo noi, debba essere proprio rivista ‘l’impalcatura’ del Sistema. Cosa che prevede, però, una strada più lunga e faticosa da percorrere, dovendo passare dall’inevitabile ‘forca caudina’ della Politica e di Decreti ministeriali, e quindi attraverso una riforma e non una semplice revisione”.  

“L’altra volontà comune emersa sia in Commissione che nel primo incontro del Gruppo di lavoro –continua il presidente Nisio- è di chiedere formalmente ad AGENAS più ‘trasparenza’ sui bilanci e sulla gestione economica delle entrate che derivano dal sistema ECM, soprattutto nell’ottica di un investimento stabile sulle ‘forze’ e le risorse umane che devono lavorare per il Sistema. E ci riferiamo anche agli amministrativi interni, giovani ottimamente preparati e molto propositivi”.    

Presidente Nisio che si dice, però, “fiducioso sull’interesse dalla politica” verso una riforma dell’ECM, forte delle recenti dichiarazioni del Ministro Speranza che più di una volta “ha manifestato la sua ferma volontà di cambiare il Sistema puntando sugli uomini e su importanti risorse economiche”. 

Infine il presidente Nisio rilancia l’appello già avanzato in un recente intervento, chiedendo ai colleghi dentisti di avanzare proposte e suggerimenti anche attraverso Odontoiatria33, e conferma la disponibilità a rispondere ai quesiti e dubbi (come già più volte fatto) che verranno posti.   

Articoli correlati

Antonio De Falco

De Falco (CIMO): i medici nelle ore che dovrebbero dedicare alla formazione, devono svolgere le funzioni aziendali per sopperire alle carenze di personale


Dopo circa vent’anni sembra impossibile riuscire, ancora, a scoprire sull’ECM situazioni decisamente “difficili da capire”. Ed invece sembra chi si possa riuscire, e senza neppure impegnarsi...

di Norberto Maccagno


Abbiamo sottoposto al componente odontoiatra della Commissione nazionale ECM Alessandro Nisio alcuni dubbi e quesiti posti dai nostri lettori. Ecco le sue indicazioni e i consigli


Sul sito la delibera che “allunga” di un anno la possibilità di raccogliere i crediti formativi necessari per i trienni scorsi ed indica il numero di quelli previsti per il 2020-2022


Alcune riflessioni dell’odontoiatra nominato nella Commissione che dovrà occuparsi di riformare il sistema, che invita i colleghi a segnalare proposte e criticità 


Altri Articoli

Antonio De Falco

De Falco (CIMO): i medici nelle ore che dovrebbero dedicare alla formazione, devono svolgere le funzioni aziendali per sopperire alle carenze di personale


Landi (CAO Lodi): inconcepibile escludere i dentisti dalla distribuzione degli strumenti di protezione, si mette a rischio la loro salute e quella dei pazienti


Lo racconta via Skype Matteo Groppi, odontoiatra titolare di studio a Codogno. Queste le criticità sociali e professionali, ma c'è anche qualche aspetto positivo


Il SIASO rassicura i colleghi: sicure le normali procedure adottate dagli studi per la sicurezza sul lavoro. Ecco i casi in cui ci si può assentare dal lavoro e quelli non consentiti


Ai medici e dentisti sussidio sostitutivo e sospensioni dei contributi previdenziali. Intanto anche il Governo proroga i versamenti per i tributi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ecco come vive un dentista nella Zona Rossa del Coronavirus