HOME - Approfondimenti
 
 
18 Febbraio 2020

Approccio One Health per una formazione integrata di tutti i professionisti della salute

L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Le organizzazioni professionali e studentesche europee che rappresentano dentisti, medici, farmacisti e veterinari chiedono a politici, accademici e professionisti di promuovere uno scambio interdisciplinare nell’ambito di un approccio One Health in materia di istruzione.

Le organizzazioni europee si impegnano a organizzare tavole rotonde regolari in diverse regioni per discutere della necessità di aggiornare il curriculum attuale e promuovere la collaborazione interdisciplinare nell’istruzione universitaria.

L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di paesi per sensibilizzare e condividere le esperienze.

Nel dicembre 2019, una seconda tavola rotonda ospitata dalla Camera polacca di medici e dentisti a Varsavia ha riunito più di 50 partecipanti provenienti da Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia e Slovacchia.

I rappresentanti dei quattro paesi hanno riconosciuto che l’educazione integrata di tutti i futuri professionisti della salute è fondamentale per affrontare le sfide sanitarie attuali e future.

Hanno altresì concordato sull’importanza di sostenere iniziative congiunte a livello nazionale per attuare ulteriormente l’approccio One Health. Inoltre, dall’incontro è emerso come qualsiasi cambiamento a livello universitario sia possibile solo se gli educatori si impegnano a incoraggiare le interazioni tra gli studenti di diverse discipline.

I rappresentanti dei professionisti e degli studenti europei pertanto sollecitano:

  • l’aggiornamento del curriculum standard per comprendere e promuovere l’educazione interdisciplinare nelle università;
  • la formazione degli educatori per incoraggiare una maggiore interazione tra gli studenti di diversa provenienza;
  • l’avvio e il sostegno di iniziative congiunte per attuare ulteriormente un approccio One Health.

Articoli correlati

Queste le raccomandazioni dell’ISS e quanto contenuto nelle Indicazioni operative per l’attività odontoiatrica durante la Fase 2 


La Società spagnola per il diabete (SED) e la Società spagnola di parodontologia portano l’attenzione sul malato diabetico ed i rischi in questo periodo di Covid-19. Raccomandata la massima...


L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


Confermato quello da 600 euro ma i liberi professionisti vengono esclusi dal più cospicuo contributo a fondo perduto sul calo del fatturato. A maggio per gli igienisti dentali il bonus potrebbe...


Rispetto al testo inviato dal Tavolo ministeriale costituito ad hoc alcune piccole modifiche che riguardano mascherine, camice ed areazione. Ecco il testo


Altri Articoli

I ministeri competenti starebbero lavorando ad un Decreto per poter concedere anche ai professionisti il bonus da 600 euro ad aprile, che potrebbe essere esteso a mille a maggio


Disponibile da oggi il manuale: “Le infezioni nello studio odontoiatrico - manuale operativo di prevenzione del contagio per Odontoiatri, Igienisti e ASO”


Si allarga e semplifica il sistema per richiedere i finanziamenti garantiti dalla Stato. Introdotte più garanzie al datore di lavoro in caso di contagio da Covid-19


Queste le raccomandazioni dell’ISS e quanto contenuto nelle Indicazioni operative per l’attività odontoiatrica durante la Fase 2 


Alessandro Baj

Test sierologici fine a se stessi o studi multicentrici di ricerca? Ne abbiamo parlato con il professor Alessandro Baj


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni