HOME - Approfondimenti
 
 
14 Febbraio 2020

Bocciatura degli emendamenti su pagamenti spese sanitarie, la reazione di AIO

Fiorile: scelta grave che non frena l’evasione fiscale e crea una situazione paradossale tra chi si rivolge al pubblico e i pazienti che si rivolgono ad un dentista privato


“Siamo venuti a conoscenza del fatto che nemmeno una piccola proroga di tre mesi è stata concessa riguardo alla detraibilità delle spese sanitarie pagate in contanti dai nostri pazienti. Si tratta di una scelta grave”. Non usa mezze parole il presidente di Associazione Italiana Odontoiatri Fausto Fiorile nel commentare la bocciatura alla Camera degli emendamenti proposti al decreto Milleproroghe, a firma di Raffaele Nevi ed Andrea Mandelli (FI), che chiedevano di rinviare la possibilità di detrarre dall’Irpef 2021 le spese del dentista o del medico privato. 

“Anche l’ultimo tentativo dell’onorevole Mandelli, volto a far decorrere dal 1° aprile anziché dal 1° gennaio 2020 l’obbligo di pagare le spese sanitarie con mezzi tracciabili (assegni, moneta elettronica, bonifici) è stato dichiarato inammissibile alle commissioni Affari Costituzionali e Bilancio. Gli italiani – dice Fiorile – dovranno soggiacere senza sconti a una situazione paradossale. Un ordinamento che permette di portare ancora in detrazione molte spese “cash”, nega però l’uso del contante proprio a chi deve pagarsi le cure per stare bene. Stiamo parlando di prestazioni trasparenti, perché normalmente e fiscalmente quietanzate e comunicate all’Agenzia delle Entrate da tutti i professionisti ogni 31 gennaio!”.

“La nuova normativa, illogica e certo inutile in chiave anti-evasione è fortemente stigmatizzata da AIO perché colpisce in modo particolare i cittadini più poveri”, afferma il Segretario dell’Associazione Danilo Savini

“Non ci sfuggono infatti le difficoltà attraversate in questi giorni da molti nostri pazienti che difficilmente possono accedere sia al credito sia agli enti creditori per appoggiarsi – beninteso a titolo oneroso – a un conto corrente o ad una carta di credito. AIO lotterà in ogni sede e con ogni forza perché il diritto alla salute torni tutelato come la Costituzione del 1948 ce lo aveva consegnato”.  

Articoli correlati

Una ricerca dell'Università di Ferrara e di Milano ha valutato l’efficacia di differenti DPI e di una soluzione a base di perossido di idrogeno nel contrastare la diffusione mediante aerosol di...

di Lara Figini


Precisazioni su quali sono i dati delle fatture da comunicare attraverso il STS e come comportarsi se la fattura viene o non viene pagata con il POS dell’intestatario della fattura


Compositi nanoriempiti/nanoibridi vs compositi ibridi: dati di una recente revisione sistematica


Nonostante i materiali compositi abbiano molti vantaggi – tra cui rapida polimerizzazione, buona adesione al tessuto dentale, facile manipolazione, facilità di riparazione,...

di Lara Figini


CR7, l’otturazione, la scelta tra indiretta e diretta, l’influenza del materiale sul risultato e della differenza tra la realizzazione manuale e quella attraverso una macchina. Tutto...

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Partendo da una ricerca italiana il prof. Gagliani pone alcune riflessioni sul ruolo centrale dell’odontoiatra nel “monitoraggio della salute del cittadino e quello della...

di Massimo Gagliani


Il presidente Filippo Anelli: vaccinare subito contro il Covid-19 tutti i medici libero professionisti e soprattutto anche gli odontoiatri


Una riforma da sempre richiesta dal settore odontoiatrico per evitare le attuali differenti regole normative tra Regioni su temi come autorizzazioni sanitarie e ASO


Sono giovani, prevalentemente donne che esercitano al Nord. Lombardia, Lazio, Veneto le regioni con il maggior numero di iscritti


In Europa si fa strada l'idea di un certificato europeo, una sorta di passaporto dei vaccini, per tornare a viaggiare nei prossimi mesi 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta