HOME - Approfondimenti
 
 
24 Febbraio 2020

Coronavirus, le raccomandazioni per lo studio odontoiatrico

ANDI in collaborazione con AIO, CAO, Fondazione ANDI, diffonde una guida pratica per odontoiatri e personale di studio condivise con il Ministero della Salute


Sei “raccomandazioni” in linea con quanto definito dal Ministero della Salute, sono state diffuse da ANDI e concordate con la Commissione Albo Odontoiatri, l’Associazione Italiana Odontoiatri e Fondazione ANDI Onlus per prevenire il contagio da coronavirus.  

Ricordando che le conoscenze scientifiche sul virus e la sua evoluzione clinica sono in continuo aggiornamento, il documento ricorda che si trasmette principalmente a seguito di contatti stretti e prolungati da uomo a uomo.

I sintomi principali sono febbre, tosse, difficoltà respiratorie, dolori muscolari e mal di gola.    

Queste le indicazioni indicate a prevenzione dell’infezione da Coronavirus COVID-2019, “metodiche di prevenzione”, si legge, che le sigle sindacali e la CAO ritengono “più efficaci senza  incorrere in inutili e anche pericolosi allarmismi”.  

1.     Includere nell’anamnesi medica prossima la richiesta di evidenziare recenti viaggi nelle aree già soggette a quarantena o di frequentazioni con persone provenienti da esse.

2.     Ricambiare l’aria sempre tra un paziente ed un altro e periodicamente anche in sala d’attesa.

3.     Utilizzare costantemente i DPI (dispositivi  di protezione  individuali) mentre si sta lavorando e pretendere massima attenzione nell’uso dei DPI da parte del personale medico e sanitario.

4.     Lavarsi le mani per almeno 20 secondi. L’operazione di lavaggio deve essere preliminare all’uso del disinfettante.

5.     Detergere le superfici di contatto clinico (le superfici che si toccano più frequentemente come le bottoniere e le maniglie) sempre tra ogni paziente e proteggerle con dispositivi da cambiare ogni volta tra i pazienti.

6.     Mettere a disposizione di pazienti e accompagnatori un disinfettante alcolico all’entrata e invitarli a pulire le mani prima di accomodarsi.  

Articoli correlati

Un’indagine SIdP rileva che un italiano su 5 tra i 35 e i 70 anni teme che non potrà permettersi le cure odontoiatriche e vede a rischio le sue condizioni di salute orale


La soluzione allo studio di un gruppo di ricercatori italiani: la possibilità di modificare lo spray prodotto dai manipoli per ridurre la pericolosità degli aerosol nella pratica odontoiatrica


La paura del contagio non frena il ritorno nello studio dentistico dopo il lockdown, 8 pazienti su 10 li reputano sicuri. Le conferme da una ricerca SIdP


Cosa sono e quali gli esami diagnostici che possono indicare la positività di un paziente al Covid-19 e quali le responsabilità ed i doveri del dentista?


Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


Altri Articoli

La notizia è che dopo alcuni anni torna il dibattito sul numero dei posti per l’accesso al corso di laurea in odontoiatria e sugli italiani che si laureano all’estero. Da...

di Norberto Maccagno


Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION