HOME - Approfondimenti
 
 
28 Febbraio 2020

Quando l’assenza dal lavoro è o non è giustificata dal Coronavirus

Il SIASO rassicura i colleghi: sicure le normali procedure adottate dagli studi per la sicurezza sul lavoro. Ecco i casi in cui ci si può assentare dal lavoro e quelli non consentiti

Nor. Mac.

L’emergenza Coronavirus pone per lo studio odontoiatrico, anche, dubbi sulla gestione e sulla tutela dei dipendenti. Dal punto di vista della sicurezza dal lavoro lo studio odontoiatrico deve, a prescindere dal Coronavirus, “proteggere” la salute del lavoratore a cominciare dal rispetto di quanto previsto dalla 81/08. 

“Da una settimana, ogni giorno, come Sindacato riceviamo molte telefonate e mail di colleghi preoccupati perché non si sentirebbero sicuri sul posto di lavoro”, ci racconta Fulvia Magenga, segretario generale del SIASO.
“Da sempre lo studio odontoiatrico deve adottare procedure che tutelino anche il lavoratore e quindi ogni allarmismo è fuori luogo”, dice il Segretario SIASO. 

Ma quali sono gli obblighi de datore di lavoro, e del lavoratore, nelle varie situazioni che possono essere causate dal Coronavirus?
Ad aiutarci a capire è lo stesso SIASO, attraverso una nota informativa dei consulenti del lavoro che supportano il Sindacato

“Indubbiamente -spiegano- la repentina diffusione del contagio del Coronavirus crea situazioni particolari anche nella gestione delle assenze dei lavoratori. Il decreto legge ‘Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19’ ha incrementato le occasioni in cui le attività lavorative possono essere particolarmente condizionate da interventi di Pubbliche Autorità”. Vediamo di ipotizzare alcuni casi.  


Il lavoratore in quarantena va retribuito?  

Se il lavoratore risiede nella “Zona Rossa” oppure è stato posto in quarantena o soggetto a rispettare ordinanze che gli impediscano di spostarsi, “in questa situazione si realizza la sopravvenuta impossibilità a recarsi al lavoro per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore, che resterà, dunque, a casa ma con la retribuzione pagata”, spiegano i consulenti SIASO in una nota.  “È questo uno dei casi per i quali è stata richiesta l’emanazione di un provvedimento normativo che preveda la Cassa Integrazione Ordinaria per queste tipologie di eventi”, aggiunge Fulvia Magenga. Altra situazione analoga è quella vede la sede dell’azienda ad essere in una zona oggetto di ordinanza restrittiva. Anche in questo caso, essendo il lavoratore impossibilitato a recarsi sul posto di lavoro, è legittimato a stare a casa continuando ad essere retribuito. 


Lavoratore in auto quarantena?  

Il lavoratore che decide di mettersi autonomamente in quarantena, perché proveniente da zone a rischio oppure perché venuto in contatto con un soggetto malato, può essere legittimato a farlo solamente nel caso venga comunicato al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria competente per territorio, che provvede a comunicarlo all’Autorità Sanitaria competente per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva. Se questa viene attivata rientra di fatto tra coloro che sono sottoposti ad un provvedimento amministrativo.  


Lavoratore non si reca al lavoro per timore di contagio 

Se invece il lavoratore non si reca sul luogo di lavoro perché ha timore dell’epidemia ma senza una giustificazione documentata da provvedimenti di Pubbliche Autorità o certificati di malattia, sarà considerato in assenza ingiustificata e passibile di procedimenti disciplinari. Per evitare questo potrebbe richiedere giorni di ferie. 

Ovviamente rimane la possibilità che il lavoratore, indisposto o malato, possa assentarsi dal luogo di lavoro attraverso la certificazione medica che, in questo periodo di emergenza, in alcuni casi può essere redatto anche telefonicamente dal proprio medico di base. 


Sull’argomento leggi anche: 

27 Febbraio 2020: DPI e studio odontoiatrico, cosa c’è da sapere  

27 Febbraio 2020: Coronavirus, queste le tutele ed i doveri per il lavoratore dello studio odontoiatrico 

Articoli correlati

Sarà possibile richiedere fino al 15% della pensione annua. Come per il contributo dei mille euro, si dovrà attendere il via libera dei Ministeri vigilanti


Statement delle organizzazioni europee delle professioni sanitarie in cui si chiede all’Europa di tutelare chi è è in prima linea contro Covid-19


Una Circolare inviata ai presidenti di Ordine e CAO ribadisce che l’attività odontoiatrica deve limitarsi alle urgenze indifferibili


Il sito FNOMCeO ricorda, in tempo reale, i medici e gli odontoiatri deceduti in questa epidemia da coronavirus


L’Associazione chiede interventi urgenti per la categoria ricordano come, in queste settimane, i dentisti risposto all’appello di stare a casa


Altri Articoli

Il presidente Fiorile scrive a Conte ed ai ministeri vigilanti: “congiuntura grave impedisce voto sereno” 


Corso online in diretta con il prof. Marco Esposito suddiviso in tre giornate. Si parte il 30 marzo, ancora disponibili dei posti


Sarà possibile richiedere fino al 15% della pensione annua. Come per il contributo dei mille euro, si dovrà attendere il via libera dei Ministeri vigilanti


Statement delle organizzazioni europee delle professioni sanitarie in cui si chiede all’Europa di tutelare chi è è in prima linea contro Covid-19


La comunicazione ai convenzionati: ‘’definito un piano di azione congiunto finalizzato a garantire il completo riallineamento dei pagamenti degli Estratti Conto Previmedical’’


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP