HOME - Approfondimenti
 
 
11 Marzo 2020

SIdP ai pazienti: andate dal dentista solo per le urgenze

Luca Landi: i dentisti adottano tutte le precauzioni, ma riteniamo essenziale limitare l’accesso alle cure odontoiatriche ai soli pazienti che presentino necessità urgenti. Queste le 5 regole per i pazienti

Nor. Mac.

L’appello è lanciato dalla Società italiana di parodontologia e implantologia (SIdP) attraverso le agenzie stampa è chiaro: andate dal dentista solo per le urgenze. 

“Lo scrupoloso rispetto delle norme di sicurezza da parte di tutti è indispensabile per arginare i contagi e il nostro primo obiettivo è la sicurezza dei pazienti” dice Luca Landi (nella foto), presidente SIdP.

“Dal momento che la saliva è uno dei veicoli principali di contaminazione e diffusione del virus sia per inalazione, ingestione o contatto diretto con le goccioline, sia per contatto mucoso con saliva che si trovi su mani, oggetti e superfici rimasti a contatto col virus fino ai 9 giorni precedenti, riteniamo essenziale –continua Landi- limitare l’accesso alle cure odontoiatriche ai soli pazienti che presentino necessità urgenti, differendo per la durata del regime di emergenza sanitaria, le terapie ordinarie". 

Presidente SIdP che precisa, anche, come “gli sciacqui con collutori antibatterici non sembrerebbero essere in grado di eliminare il virus nella saliva prodotta successivamente agli sciacqui stessi”, ma ricorda che è “necessario mantenere un elevato standard di igiene dentale e gengivale con l’uso costante di spazzolino, dentifricio e scovolino”.

Per le patologie cliniche che possono essere considerate come urgenze, il presidente SIdP indica i dolori acuti, le infezioni quali un ascesso gengivale, traumi o esiti di eventi accidentali. L’invito, anche per non affollare la sala d’attesa dello studio è qullo di, prima, “contattare il proprio dentista per stabilire con lui la regola di comportamento e di eventuale accesso alle cure per ogni singolo caso”.
 


SIdP consiglia ai pazienti cinque regole da seguire nel recarsi dal dentista 


Gli studi odontoiatrici sono sicuri e in grado di affrontare l’emergenza coronavirus, ricordano da SidP, ma per contenere i rischi derivanti da contagio gli esperti hanno stilato anche 5 regole rivolte ai pazienti per limitare al massimo la possibile diffusione di Covid-19:

1) Lasciare cappotti, giacche, borse e zaini in salda d’attesa;
2) Ove possibile indossare copriscarpe;
3) Rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro all’interno della sala d’attesa
4) Tenere cellulari e tablet fuori dall’area clinica
5) Lavarsi le mani per almeno 20 secondi e non scambiarsi strette di mano con medici e altri operatori 

Articoli correlati

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni