HOME - Approfondimenti
 
 
17 Aprile 2020

Le indicazioni di AIDI agli igienisti dentali per riprendere in sicurezza

In attesa delle linee guida ministeriali, sul sito dell’Associazione Igienisti Dentali Italiani la guida pratica per la prevenzione dell’infezione da coronavirus


In attesa delle Linee guida “ufficiali” che daranno le indicazioni da rispettare nella fase di riapertura per gli studi odontoiatrici, AIDI ha deciso di pubblicare una guida per consentire agli igienisti dentali di cominciare a organizzare la riapertura. 

“Non vogliamo sovrapporci o scavalcare quanto verrà deciso nei Tavoli ministeriali –dice ad Odontoiatria33 Antonia Abbinante, presidente AIDI- ma dare delle indicazioni ai colleghi in modo che possano cominciare ad organizzarsi prontamente per la ripartenza che, pur non sapendo ancora quando, certamente arriverà”. 

“Le indicazioni che abbiamo inserito nel documento –dicono Viviana Cortese Ardizzone, tesoriere AIDI e Mariateresa Agneta, consigliere Nazionale che hanno collaborato alla loro stesura-  non sono definitive e saranno aggiornate di pari passo con le conoscenze sull’evoluzione della malattia da Covid-19 e, ovviamente anche in funzione delle regole che le Istituzioni governative e sanitarie ci daranno”. 

Il documento prodotto da AIDI si compone di tutta una serie di informazioni legate al virus ed alle implicazioni odontoiatriche, considerando che è tra le professionalità quella a più alto rischio aerosol. 

Tra le indicazioni, quelle sul triage da effettuare prima di trattare il paziente per capire se è potenzialmente a rischio coronavirus e, quindi, non trattabile. Accettato il paziente seguono le indicazioni per l’accoglienza in sala d’attesa, in segreteria, le protezioni individuali da fornire e ovviamente quelle per trattarlo in sicurezza, elencando anche i DPI da utilizzare, come utilizzarli e per quali tipologie di prestazioni utilizzarli: mascherine, schermi facciali, cuffie, guanti, copri calzari, camici tra quelli indicati.Altro tema affrontato quello della vestizione e svestizione dell’operatore. 

Questa la sintesi delle fasi operative che l’igienista dentale dovrebbe mettere in atto durante una seduta di igiene: 

  • ridurre la nebulizzazione extra-orale; 
  • 
allungare i tempi tra una seduta e l’altra; 

  • preferire la strumentazione manuale rispetto a quella meccanica e/o ridurre al minimo la 
nebulizzazione con dispersione di aerosol nell’ambiente, abbassando la potenza e la 
quantità di irrigazione dei dispositivi ultrasonici; 
  • 
evitare le procedure di air-polishing; 
  • 
utilizzare sempre doppia aspirazione ad alta velocità o dispositivi aspiranti di recente 
introduzione (da testare). 



Per quanto riguarda la necessità di ridurre la produzione di aerosol viene consigliato di: 

1. adottare barriere di protezione personale come camici/cuffie/tute monouso idrorepellenti, maschere filtranti, guanti, occhiali di sicurezza e schermi facciali; 


2. fare effettuare al paziente risciacquo sia prima che durante il trattamento con collutori antisettici; 


3. utilizzare doppia aspirazione ad alta velocità(HVE).




E le raccomandazioni

  • Indossare sempre i DPI: guanti puliti, mascherina, occhiali o schermo, cuffia.
  • Aerare sempre il locale.
  • Raccogliere la strumentazione contaminata in contenitori rigidi e possibilmente chiusi, pertrasferirla nel locale di sterilizzazione in vasca di decontaminazione.
  • Rimuovere l’inserto degli ultrasuoni con il relativo manipolo e il manipolo contrangolo dopoaver effettuato il flussaggio. 

Infine vengono poi elencate tutte quelle procedure per il riordino dello studio, la detersione e decontaminazione delle superfici prima di accogliere un nuovo paziente.


_______________________________________________________________________ 

EDRA spa (editore di Odontoiatria33), per favorire l’informazione in questo momento particolare anche per il settore, ha deciso di lasciare fruibili a tutti i contenuti prodotti. Se volete comunque sostenere la qualità dell’informazione di Odontoiatria33 

Articoli correlati

Fra le principali richieste dell'Associazione: protezione legale e miglioramento al programma di protezione dei compensi


Rimangono in vigore sia le indicazioni operative che quelle per prevenire la legionella nei riuniti. Fino al 6 aprile stretta sulla scuola, si attendono interventi sui congedi parentali anche per i...


Per stimare la diffusione in Italia delle tre varianti di coronavirus attivata un'indagine rapida coordinata dall'Istituto Superiore di Sanità


Prof. Lior Shapira, presidente dell’European Federation of Periodontology: “La cura orale dovrebbe far parte delle raccomandazioni sanitarie per ridurre il rischio di gravi esiti legati al...


Durante il periodo di lockdown da pandemia da Covid-19 i dentisti, in qualità di operatori sanitari, hanno continuato a esercitare garantendo però il trattamento esclusivamente...

di Lara Figini


Altri Articoli

La medicina è donna, l’odontoiatria ci sta arrivando ma la politica della professione è ancora in mano solo agli uomini con il rischio che le scelte che saranno fatte,...

di Norberto Maccagno


Il rapporto WHO che riconosce la salute orale come "parte integrante del benessere generale della persona"


Fra le principali richieste dell'Associazione: protezione legale e miglioramento al programma di protezione dei compensi


Introdotti nel nuovo impianto contrattuale strumenti capaci di fronteggiare la continua evoluzione del mercato del lavoro 


Fondazione ANDI organizza lunedì 8 marzo un webinar sull’importanza della prevenzione e dell’intercettazione precoce del fenomeno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP