HOME - Approfondimenti
 
 
23 Aprile 2020

Dalla Spagna, Linee Guida per la gestione del COVID-19 nello studio odontoiatrico

Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione attuale e quella futura

Lorena Origo

Nell’attuale situazione legata alla pandemia da COVID-19 tutte le nazioni sostengono la necessità di limitare l’attività clinica odontoiatrica esclusivamente alle cure di emergenza. In parallelo, è necessario prepararsi per il periodo successivo: attualmente non esistono protocolli ufficiali specifici, nazionali o internazionali, che affrontino in modo chiaro come il dentista debba procedere, nella pratica quotidiana e nella fase post-confinamento, per lavorare con le migliori garanzie di tutela dei pazienti e del team dello studio dentistico.

Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione attuale e il futuro, caratterizzato da un elevato grado di incertezza dovuto alla percentuale di pazienti asintomatici, all’evoluzione della pandemia, alle incognite legate alle vie di trasmissione. Ad oggi, infatti, tutti gli studi effettuati confermano, come vie di contagio: le gocce respiratorie (attraverso starnuti, tosse); il contatto diretto, con le mani per esempio; quello mucosale (bocca, naso, occhi).

A questi si affiancano alcune ipotesi di trasmissione del virus formulate recentemente, quella attraverso le microparticelle durante il discorso, che possono rimanere sospese nell’aria, e per via fecale-orale e, di coseguenza, le procedure che provocano aerosol.

Tutti i protocolli attuali, si legge nel documento dell'Ordine spagnolo, raccomandano l’uso di maschere filtranti di tipo FFP2 (UNE-EN 149:2001 +A1:2009) in quanto la professione odontoiatrica è considerata a rischio a causa della regolare generazione di aerosol. In nessun caso è prevista una valvola di espirazione, poiché in questo caso l’aria viene espirata direttamente nell’ambiente senza alcun tipo di ritenzione e la diffusione del virus sarebbe favorita. Queste maschere hanno un’efficienza di filtraggio del 92%. È autorizzato anche l’uso delle cosiddette semimaschere con filtro antiparticolato P2 (norma UNE-EN 140:1999).

Gli FFP2 sono progettati per il solo uso singolo, ma molte associazioni mediche li utilizzano per un massimo di 4 ore. Recentemente, sono stati pubblicati degli studi sull’efficacia della loro sterilizzazione utilizzando vari metodi (sterilizzazione con vapore di perossido di idrogeno, utilizzando calore secco a 70 °C per 30 minuti, o con calore umido a 121 °C e un piano di sterilizzazione di 15 minuti). Due o tre sterilizzazioni sarebbero possibili (quindi 3-4 usi della maschera) a condizione che la maschera sia pulita e non rotta. La semimaschera con filtro può essere pulita e disinfettata dopo l’uso. Non esistono studi definitivi che dimostrino che le maschere FFP3 (98% di efficienza di filtraggio) proteggano meglio dai coronavirus.

Il protocollo spagnolo suggerisce anche una comparazione “distanza-tipo di mascherina” da utilizzare in presenza di persona sintomatica: per esempio, mantenendo una distanza di 1-2 metri è consigliata la mascherina chirurgica mentre per distanze inferiori al metro è utile la FFP2. Per una distanza superiore ai 2 metri non è consigliato l’uso della protezione.

Tutti gli interventi che generano aerosol sono considerati ad alto rischio; in questi casi è opportuno l’uso delle mascherine FFP2 e FFP3. Inoltre, durante questi trattamenti si consiglia di mettere una protezione per gli occhi sul paziente e l’uso dell’aspirazione ad alto flusso perché conveniente per diminuire la carica virale generata dagli aerosol. Sempre per ridurre la generazione di aerosol, ogni volta che è possibile evitare l’uso della siringa aria-acqua.

Oltre alle mascherine è consigliato l’utilizzo di altri DPI: i guanti, che devono essere sempre indossati come al solito nell'attività clinica quotidiana e, quando c'è il rischio di contaminazione degli occhi a causa di schizzi o gocce, protezioni che possono essere occhiali integrali o schermi facciali.

A questo link il documento originale prodotto dall'Ordine spagnolo, sotto due tabelle estratte dalla pubblicazione che riassumono le indicazioni sull'utilizzo delle mascherine e quelle della vestizione e vestizione dell'operatore.


_______________________________________________________________________ 

EDRA spa (editore di Odontoiatria33), per favorire l’informazione in questo momento particolare anche per il settore, ha deciso di lasciare fruibili a tutti i contenuti prodotti. Se volete comunque sostenere la qualità dell’informazione di Odontoiatria33 

Articoli correlati

Dato ormai per assodato che SARS CoV-2 (Covid-19) è trasmissibile attraverso aerosol, gli studi dentistici di tutto il mondo devono affrontare sfide per controllare la...

di Lara Figini


Studi clinici promossi da Colgate, in fase di validazione, rilevano l’efficacia dei prodotti per l’igiene orale nel ridurre la quantità di virus in bocca, potenzialmente rallentando la...


Una ricerca dell'Università di Ferrara e di Milano ha valutato l’efficacia di differenti DPI e di una soluzione a base di perossido di idrogeno nel contrastare la diffusione mediante aerosol di...

di Lara Figini


L’utilità della saliva come biofluido nella diagnosi e nel monitoraggio di Covid-19 rispetto ai tamponi naso faringei. Uno studio di prossima pubblicaizone su Journal of Dental Research ha...

di Lara Figini


Numerose sono le procedure odontoiatriche in grado di creare un aerosol capace di trasportare batteri, virus e particelle inquinate nell’ambiente circostante.L’utilizzo di...


Altri Articoli

Il Consigliere ligure sostituisce l’On. Sandra Zampa che raccoglie il grazie della FNOMCeO. Nel segno della continuità la conferma di Sileri


Superato lo scoglio del percorso di studio per accedere ai corsi, ecco cosa dovrebbe cambiare dopo il passaggio in Stato Regione e la successiva approvazione in Consiglio dei Ministri


Richiesta laurea e diploma di specialità. Le domande dovranno pervenire entro il 10 marzo


La CAO segnala, “la dimenticanza” all’ISS chiedendo di intervenire al fine di non precludere agli odontoiatri la possibilità di essere somministratori


Su Nature si ipotizza che la trasmissione attraverso le superfici non sia più un rischio significativo come ad inizio pandemia


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP