HOME - Approfondimenti
 
 
11 Maggio 2020

Disinfettanti e detergenti per i pazienti in sala d'attesa: quale percentuale di alcol?

Federfarma ha chiesto chiarimenti in merito ad una comunicazione del Ministero su disinfettanti da utilizzare anche in sala d’attesa. Quale deve essere la percentuale corretta di etanolo (alcol) per il lavaggio delle mani?

Lorena Origo

Tra le procedure indicate come necessarie da attivare in studio in fase di accoglienza del paziente, ma anche in quella di dimissione, vi è il lavaggio delle mani.
La bozza delle Indicazioni ministeriali ufficializzate virtualmente dal Vice Ministro alla Salute Paolo Sileri, prevede due possibilità: o con soluzione alcolica, anche in gel, o con acqua e sapone. Per entrambe serve un dispenser per l’erogazione ed il rispetto del protocollo previsto dal WHAO nel 2009, (riprodotto anche graficamente nelle Indicazioni ministeriali).

Ma per la soluzione alcolica, quali devono essere le percentuali di alcol: tra il 60 ed il 70% o non inferiore al 70%.

A porre la questione è stata nei giorni scorsi Federfarma ponendo anche un problema di reperibilità dei prodotti e di costo.

Rivolgendosi al Ministero della Salute, all’Istituto Superiore di Sanità e al Comitato Tecnico-Scientifico della Protezione Civile, Federfarma ha chiesto alcuni chiarimenti in merito a quanto apparso relativamente ai disinfettanti facendo riferimento alla comunicazione apparsa sul sito del Ministero riguardante le indicazioni aggiornate sui prodotti disinfettati e detergenti, in particolare sulle modalità d’uso e sulle percentuali di efficacia dei prodotti da utilizzare, per esempio, in sala d’attesa, dove viene indicato che “per il lavaggio delle mani, la percentuale di etanolo (alcol) non deve essere inferiore al 70%”.

“Sul punto” scrive Federfarma “occorre preliminarmente rilevare che l’indicazione di cui parliamo – quella appunto che indica una percentuale non inferiore al 70% di alcol – si pone in contrasto con quelle fornite dall’Istituto Superiore della Sanità (ISS), che indicano una concentrazione compresa tra il 60 e il 70%. Infatti:

  • sul sito dell’ISS, sezione EpiCentro, è presente tra i materiali divulgativi l’opuscolo curato dalla ‘Task Force Comunicazione ISS’ del 28 febbraio che al punto 1 riporta è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol al 60%’ ;
  • sempre sul sito dell’ISS, sezione EpiCentro ‘Informazioni Generali’, sono pubblicate le FAQ aggiornate al 26 marzo che riportano l’indicazione ‘è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol con almeno il 60% di alcol’; questa informazione è presente anche su altre FAQ del sito dell’ISS consultabili a questo link:  (Il lavaggio e la disinfezione delle mani sono la chiave per prevenire l’infezione. Bisogna lavarsi le mani spesso e accuratamente con acqua e sapone per ameno 20 secondi, meglio 40-60. Se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol con almeno il 60% di alcol’);
  • sul sito del Governo accanto all’infografica sui comportamenti da seguire, è presente la frase ‘è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol al 60%’.”

“Questa palese difformità di indicazioni” prosegue la Federazione Unitaria dei Titolari di Farmacia Italiani “evidenzia profili critici che impongono un immediato pronunciamento da parte delle amministrazioni".

"È appena il caso di sottolineare -continua Federfarma- l’incertezza derivante dall’aver dispensato, fino ad oggi, prodotti (legittimamente contenenti le percentuali di alcol indicate da parte pubblica) la cui efficacia anti-COVID risulta da verificare. Parimenti, occorre stabilire la sorte dei numerosi prodotti di origine industriale che contengono concentrazioni di alcol comprese tra il 60 e il 70 per cento, che risulterebbero a questo punto inidonei a un’azione anti-COVID".

"A tale ultimo riguardo, si evidenzia che – al di fuori dell’intervenuta esigenza di strutturare misure di contrasto all’emergenza sanitaria in atto, in termini di lex specialis – i prodotti che vantano attività disinfettante ricadono, a regime, in due distinte tipologie: presidi medico chirurgici e biocidi. L’immissione in commercio di tali prodotti risponde, in via ordinaria, a normative specifiche di settore che prevedono il rilascio di autorizzazione/registrazione da parte del Ministero della salute, all’esito di opportuni controlli che ne valutino la sicurezza per il consumatore e per l’ambiente nonché l’efficacia nelle condizioni di uso indicate e autorizzate. Non sembrerebbe dunque coerente con tali normative di settore, in via ordinaria, l’indicazione di una percentuale minima di alcol etilico quale parametro discriminante per garantirne l’efficacia".

"Sotto un profilo tecnico-scientifico – viene precisato nel rappresentare l’esigenza di conoscere su quali evidenze scientifiche si basi la nuova informazione – occorre poi segnalare che il dato pubblicato sul sito del Ministero della Salute non chiarisce se la previsione di una ‘percentuale di etanolo (alcol etilico) non inferiore al 70%’ si riferisca alla percentuale in volume. E, anzi, si evidenzia che il dato pubblicato non solo non specifica se peso su peso o volume su volume, ma non riporta neanche il valore di concentrazione massima, il che potrebbe indurre a utilizzare, inefficacemente, alcol puro".

"Non potrà certo sfuggire -conclude la nota- che l’effetto delle indicazioni di innalzamento della percentuale di alcol nei prodotti di cui trattasi potrebbe essere quello di determinare una carenza di gel o soluzioni sull’intero territorio nazionale e un conseguente aumento dei prezzi, dal momento che la maggior parte dei prodotti ha concentrazioni superiori al 60% ma inferiori al 70%”.

Photo Credit: Fotoracconti.it

_______________________________________________________________________ 

EDRA spa (editore di Odontoiatria33), per favorire l’informazione in questo momento particolare anche per il settore, ha deciso di lasciare fruibili a tutti i contenuti prodotti. Se volete comunque sostenere la qualità dell’informazione di Odontoiatria33 

Articoli correlati

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


INAIL attiva un’applicazione web per richiedere la sorveglianza sanitaria e gestire tutte le fasi della richiesta


Governo presenta emendamento che annullerebbe la tassazione del Bonus ENPAM, intanto sarà possibile richiederlo anche per pensionati e chi è in ritardo sui pagamenti dei contributi


Da un gruppo di ricercatori italiani l’ipotesi della correlazione tra parodontite e evoluzione clinica da Covid-19

di Lara Figini


Un’indagine SIdP rileva che un italiano su 5 tra i 35 e i 70 anni teme che non potrà permettersi le cure odontoiatriche e vede a rischio le sue condizioni di salute orale


Altri Articoli

Fiorile: confermate le posizioni di AIO, adesso via dal Registro delle imprese le altre società odontoiatriche


Pubblicato finalmente il modulo per presentare la richiesta per il credito, ma ci sono limiti e tetti di spesa. I consulenti fiscali AIO ci spiegano quando e come richiederlo


Utilizzare strumenti di telemedicina per “visitare” a distanza i propri pazienti può costituire una violazione della privacy, servono ulteriori consensi? Il parere del Garante 


In serata dovrebbe essere approvato il DCPM che proroga le misure già adottate fino al 31 luglio, obbligo di rispettare i protocolli nei luoghi di lavoro compreso


Straumann Group, azienda leader nel settore odontoiatrico, annuncia la nomina di Davide Marchini in qualità di General Manager e Amministratore Delegato di Straumann Group...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION