HOME - Approfondimenti
 
 
28 Maggio 2020

Bonus ENPAM i chiarimenti sulle mancate erogazioni e le scadenze per richiederlo

La Fondazione spiega il perché a chi non è riuscito ad ottenere il bonus. Le scadenze per richiedere il saldo o l’intera somma


In questi giorni, ENPAM, ha inviato una comunicazione agli iscritti che non hanno potuto beneficiare del sussidio di 3mila euro messo a disposizione per medici ed odontoiatri.In totale sarebbero (fonte ENPAM) 49mila i pagamenti già effettuati e 32mila quelli che “stanno per partire”. 


Chi è rimasto fuori

“Per il momento”, precisa ENPAM, sono rimasti fuori i pensionati in attività, e i camici bianchi che verseranno la Quota B per la prima volta nel 2020 (sul reddito libero professionale del 2019) o che riprenderanno a pagare la Quota B nel 2020 (e hanno versamenti relativi ai redditi del 2016 e del 2017). Per loro, la possibilità di riceverlo è legata al via libera da parte dei Ministeri vigilanti al piano Bonus Plus, deliberata dal CdA della Fondazione a fine aprile. Esclusi, ma anche loro con la possibilità di rientrare se ci arriverà il disco verde dai Ministeri, i medici e i dentisti liberi professionisti che non risultano in regola con i contributi. “Anche per loro sarà possibile accedere al Bonus ENPAM Plus a condizione che si attivino per mettersi in regola”, viene precisato aggiungendo che, “chi non è nelle condizioni di affrontare l’intera spesa, al momento di fare domanda per il Bonus ENPAM Plus troverà online una procedura guidata per richiedere la regolarizzazione”.


Chi ha già ricevuto parte del bonus e chi deve ancora richiederlo interamente 

Il bonus ENPAM viene erogato per tre mesi, partendo dal 21 febbraio 2020 nella misura di mille euro al mese (frazionato al giorno) per i contribuenti che pagano integralmente il contributo previdenziale, mentre coloro che pagano l’aliquota dimezzata potranno ottenere il 50% del contributo previsto.L’importo da assegnare viene calcolato in base ai giorni che intercorrono dal 21 febbraio alla data di presentazione della domanda. Se il contribuente ha presentato domanda il 26 aprile riceverà il contributo sulla base di 65 giorni.  

Per ottenere l’intero importo previsto alla data del 21 maggio, l’iscritto dovrà presentare una nuova domanda. Per presentare la nuova domanda, o se non l’ha ancora presentata per ricevere in una unica soluzione l’intero importo, gli iscritti ENPAM hanno tempo fino al 31 luglio 2020. Per presentare domanda si deve accedere alla propria area riservata sul sito ENPAM, a questo link le istruzioni.  

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


INAIL attiva un’applicazione web per richiedere la sorveglianza sanitaria e gestire tutte le fasi della richiesta


Governo presenta emendamento che annullerebbe la tassazione del Bonus ENPAM, intanto sarà possibile richiederlo anche per pensionati e chi è in ritardo sui pagamenti dei contributi


Da un gruppo di ricercatori italiani l’ipotesi della correlazione tra parodontite e evoluzione clinica da Covid-19

di Lara Figini


Un’indagine SIdP rileva che un italiano su 5 tra i 35 e i 70 anni teme che non potrà permettersi le cure odontoiatriche e vede a rischio le sue condizioni di salute orale


Altri Articoli

Il presidente Alessandro Nisio con alcune riflessioni su numero programmato, odontoiatria pubblica, futuro e gli sbocchi professionali dei giovani odontoiatri, apre il dibattito sulle riforme da...


Per il prof. Gagliani si guarda al problema come meri sostenitori dei propri interessi mentre manca non solo una programmazione ma anche una visione futura “delle professioni” di odontoiatra


Dentisti, igienisti dentali ed odontotecnici li tengono sotto “pressione” per l’intera giornata. I consigli degli esperti per prendersene cura


Ridurre i laureati in Italia aumenterebbe quelli all’estero. Queste le iniziative dell’Università italiane per garantire una formazione anche pratica di alto livello


Il dott. Calderoli ci aiuta a ricordare la nascita del Corso di Laurea in Odontoiatria e le reticenze e polemiche del tempo, già “caratterizzato” dalla pletora odontoiatrica


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION