HOME - Approfondimenti
 
 
24 Luglio 2020

La malattia parodontale aumenta il rischio di cancro gastrico ed esofageo

I ricercatori hanno esaminato l'associazione tra malattia parodontale e perdita dei denti e il rischio di cancro esofageo e gastrico


Le persone che hanno una malattia parodontale possono essere a rischio più elevato di sviluppare cancro esofageo e gastrico, secondo una lettera di ricerca pubblicata su Gut.

"Gli studi precedenti sulla relazione tra malattia parodontale, perdita dei denti e carcinoma esofageo e gastrico sono stati incoerenti. Per questo abbiamo voluto approfondire la questione" spiega Chun-Han Lo, della Harvard T.H. Chan School of Public Health, a Boston, che ha diretto il gruppo di lavoro. 

I ricercatori hanno esaminato l'associazione tra malattia parodontale e perdita dei denti e il rischio di cancro esofageo e gastrico in 98.459 donne partecipanti al Nurses' Health Study e 49.685 uomini partecipanti allo Health Professionals Follow-up Study. I problemi dentali, i dati demografici, lo stile di vita e la dieta sono stati valutati usando questionari di follow-up e la diagnosi di cancro auto-segnalata è stata confermata tramite le cartelle cliniche. In 22-28 anni di follow-up sono stati registrati 199 casi di carcinoma esofageo e 238 casi di carcinoma gastrico.

Una storia di malattia parodontale è stata associata a un rischio aumentato del 43% di carcinoma esofageo e del 52% di carcinoma gastrico. Rispetto alle persone senza perdita dei denti, i rischi di cancro esofageo e gastrico per coloro che avevano perso due o più denti sono stati rispettivamente del 42% e del 33%. Inoltre, tra gli individui con una storia di malattia parodontale, le persone senza perdita dei denti e quelle con perdita di uno o più denti erano a rischio aumentato del 59% di cancro esofageo rispetto agli individui senza storia di malattia parodontale e con perdita dei denti.

Nello stesso gruppo di individui sono stati registrati aumenti del 50% e del 68%, rispettivamente, di cancro gastrico. Gli autori suggeriscono che in questa associazione possano essere implicati i batteri orali, e che prove di altri studi suggeriscono che la Tannerella forsythia e la Porphyromonas gingivalis, noti patogeni che causano parodontite, siano associati alla presenza o al rischio di cancro esofageo. Un'altra possibile ragione è che la scarsa igiene orale e la malattia parodontale potrebbero favorire la formazione di nitrosammine endogene, già note come causa di cancro.

"Saranno necessari ulteriori studi prospettici che valutino direttamente il microbioma orale per identificare specifici batteri orali responsabili di questa relazione" concludono gli autori. 

Per approfondire
Gut 2020. Periodontal disease, tooth loss, and risk of oesophageal and gastric adenocarcinoma: a prospective study

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Un studio pubblicato sul Journal of Periodontology di settembre 2020, ha valutato la sopravvivenza di impianti dentali in pazienti fumatori (CS) e pazienti non fumatori (NS) con diabete...

di Lara Figini


La parodontite aggressiva (AgP) è una patologia caratterizzata da perdita di tessuto parodontale con esordio precoce e una progressione relativamente rapida in assenza di un...

di Alessandra Abbà


In uno studio, pubblicato su Acta Odontologica Scandinavica, gli autori hanno valutato la consapevolezza dei pazienti circa le proprie recessioni gengivali, l’impatto sulla...

di Lara Figini


La parodontite aggressiva (AgP) è una forma di parodontite progressiva rapida e grave. Si verifica in assenza di malattie sistemiche ed è caratterizzata da familiarità. L’AgP...

di Lara Figini


In uno studio di coorte, pubblicato sul Journal of Dentistry, gli autori hanno valutato se e quanto i costi, per i pazienti, dei trattamenti per la parodontite a lungo termine differiscono tra lo...

di Lara Figini


Altri Articoli

Il JDR pubblica una interessante ricerca che conferma quanto il dentista possa essere utile per effettuare screening sulla popolazione, diventando, lo definisce nel suo Agorà del Lunedì il...

di Massimo Gagliani


Fondi sanitari, su convenzioni dirette possibile svolta Antitrust. E un parere cristallino della Commissione deontologica OMCeO Udine. I commenti del presidente Fiorile e del segretario Savini


Approvato il bilancio preventivo. Oliveti annuncia possibili nuovi interventi Covid a sostegno di medici e dentisti danneggiati


Per gli aiuti, il settore dentale rimane ancora a bocca asciutta. Sostegni per gli organizzatori di eventi e fiere


Una ricerca dell’Università di Palermo e di Foggia analizza la situazione ed ipotizza le scelte e le strategie da apportare sulla base delle peculiarità professionali. I commenti delle...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciali in Evidenza

 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali