HOME - Approfondimenti
 
 
03 Settembre 2020

L’uso della mascherina non causa patologie orali

Le rassicurazioni dell'Ordine spagnolo dei dentisti ai pazienti preoccupati per i presunti effetti dell'uso prolungato delle mascherine su respirazione e salute orale, alitosi in particolare 


Alitosi, bocca secca, denti macchiati sono alcuni disturbi orali che alcune persone attribuiscono all'uso della mascherina: non esistono però prove scientifiche che dimostrino la sua relazione con la comparsa di tali patologie orali e pertanto, nell’attuale situazione pandemica, il Consejo General de Dentistas spagnolo raccomanda alla popolazione di continuare a indossarla.

Nella bocca convivono milioni di batteri appartenenti a circa 300 famiglie diverse. La mancanza di ossigeno potrebbe alterare l’equilibrio, chiamato simbiosi, e provocare uno squilibrio (disbiosi) in cui alcuni batteri orali più patogeni possono svilupparsi e predominare. Tuttavia, è altamente improbabile che questa situazione di mancanza di ossigeno si verifichi nelle normali condizioni d’uso delle mascherine.

A tal proposito, Óscar Castro Reino, presidente del Consejo General de Dentistas, assicura che l’uso della mascherina e la presunta mancanza di ossigeno non sono le cause dell’alitosi: “Indossando la mascherina, una parte dell’aria che espiriamo rimane a lungo in contatto con il nostro sistema olfattivo. Per questo motivo, alcune persone pensano di avere sviluppato questo problema adesso, ma in realtà era già presente precedentemente solo che non lo avevano mai rilevato”.

Va altresì ricordato che le mascherine con l’uso si deteriorano; quelle chirurgiche, per esempio, dovrebbero essere eliminate dopo 4 o 6 ore perché in caso contrario accumuleranno saliva, perdendo la loro efficacia e aumentando il cattivo odore.

L'importanza dell’igiene e del mantenimento di sane abitudini
Il fatto di indossare la mascherina e di non mostrare quindi la bocca non deve portare ad abbandonare le buone abitudini di igiene orale. Uno spazzolamento adeguato deve essere eseguito almeno 2 volte al giorno con dentifricio fluorurato, associato all’utilizzo del filo interdentale. “Dobbiamo ricordare” prosegue Óscar Castro Reino “che la mucosa orale è una delle vie di ingresso del coronavirus. Mantenere una bocca sana è pertanto essenziale”.

Inoltre, ora più che mai è essenziale che lo spazzolino da denti dopo l’uso venga pulito, sciacquato e asciugato, protetto con il coprispazzolino, mai condiviso e conservato separatamente dagli altri accessori della toilette. Alla fine di questa procedura, lavarsi bene le mani.

È altresì necessario mantenere sane abitudini alimentari, ridurre il consumo di prodotti zuccherati ed evitare alcol e tabacco.

Infine, il Presidente Castro raccomanda di rivolgersi al proprio dentista per qualsiasi disturbo della cavità orale in modo da affrontare il problema il prima possibile: “La maggior parte delle patologie orali necessita di un trattamento semplice se viene diagnosticata precocemente”.

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


I liberi professionisti devono indicare il reddito annuo conseguito nel 2019. Le Società devono versare lo 0,5% del fatturato, oltre 4milioni di euro quanto versato lo scorso anno


La Federazione Europea di Parodontologia lancia la campagna "ritorno al buon senso", per promuovere la salute orale anche nell'era Covid. Graziani: non sono stati provati rischi per chi rivolge al...


Secondo il Consejo General de Dentistas il 25% dei giovani adulti spagnoli di età compresa tra 35 e 45 anni necessita di un trattamento ortodontico


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio