HOME - Approfondimenti
 
 
17 Settembre 2020

Mascherine e salute orale, da SIdP i consigli da dare ai pazienti

L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare

Nor. Mac.

Se non vi è evidenza scientifica che possa indicare un rischio per la salute orale legato all’utilizzo prolungato delle mascherine, questo non vuole dire che non si debba prestare attenzione ed il rischio non sia possibile.

“Benché non ci sia ancora un'evidenza scientifica chiara sull'argomento, è piuttosto intuitivo riconoscere come alcuni aspetti di tipo igienico possono condizionare la salute orale e generale a causa della lunga permanenza della mascherina davanti alla bocca", dice Nicola Marco Sforza, presidente eletto della SIdP all’agenzia ANSA aggiungendo.

"Indossare la mascherina protettiva, chirurgica o ancora più performante nella filtrazione come la 'FFP2' rappresenta senza dubbio una misura protettiva nei confronti del Covid e il suo utilizzo è regolamentato in relazione alle diverse condizioni ambientali”.Tra i problemi dovuti all’utilizzo prolungato della mascherina ed alla difficoltà nell’idratarsi, anche quelli legati alla salute orale: tra questi la possibile riduzione della produzione di saliva, la formazione di alito cattivo causato anche dal ristagno di cibo e placca batterica.


SIdP indica semplici regole che possono essere suggerite ai propri pazienti.

Appena possibile bisogna togliere la mascherina, in modalità sicura, e idratarsi correttamente durante la giornata, bevendo una quantità di acqua non inferiore a un 1-1,5litro al giorno”, dice Sforza all’Agenzia stampa spiegando che “ciò consente di mantenere le normali attività cellulari e il benessere generale”.

Dopo ogni pasto è essenziale rimuovere, prima di rimettere la mascherina, i residui di cibo e la placca batterica con una corretta igiene orale domiciliare da svolgersi in un tempo di circa 2 minuti con lo spazzolino da denti, meglio se elettrico; una volta al giorno inoltre è fondamentale eseguire anche una pulizia degli spazi interdentali con scovolini o filo interdentale”. 

“Particolare attenzione –continua Sfrorza- va posta alle mascherine di stoffa, non monouso, che possono avere una moderata attività filtrante ed essere ugualmente protettive in condizioni di normale socialità e non professionali, tuttavia bisogna ricordare che se mantenute per molte ore, possono diventare esse stesse un importante ricettacolo di microrganismi. Quindi cambiare spesso la mascherina che dovrà essere lavata con i detergenti adeguati ed acqua calda”. 

Ma il messaggio finale che il presidente Sforza lancia attraverso l’ANSA è quello che, e soprattutto in epoca Covid, “è fondamentale mantenere una corretta igiene domiciliare e seguire uno stile di vita sano per proteggere il sorriso".  

_____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Pubblicato il fact-sheet INAIL. Il documento illustra nel dettaglio le caratteristiche, le tipologie e le modalità di utilizzo di questi dispositivi


In occasione della prima Giornata nazionale dedicata al personale sanitario. Sarà possibile assistere online 


Una ricerca californiana ha studiato la prevalenza e le dinamiche di crescita di questa variante con conseguenze devastanti sulla mortalità


Dal Ministero della Salute nuova circolare sui test antigenici. Consigliato confermare la positività con test molecolare o altre test antigenico differente


Covid-19: negli Stati Uniti i pazienti tornano negli studi dei dentisti mentre in Uk sette pazienti su dieci non hanno accesso alle cure anche più urgenti


Altri Articoli

Il Consigliere ligure sostituisce l’On. Sandra Zampa che raccoglie il grazie della FNOMCeO. Nel segno della continuità la conferma di Sileri


Superato lo scoglio del percorso di studio per accedere ai corsi, ecco cosa dovrebbe cambiare dopo il passaggio in Stato Regione e la successiva approvazione in Consiglio dei Ministri


Richiesta laurea e diploma di specialità. Le domande dovranno pervenire entro il 10 marzo


La CAO segnala, “la dimenticanza” all’ISS chiedendo di intervenire al fine di non precludere agli odontoiatri la possibilità di essere somministratori


Su Nature si ipotizza che la trasmissione attraverso le superfici non sia più un rischio significativo come ad inizio pandemia


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP