HOME - Approfondimenti
 
 
17 Settembre 2020

ENPAM: le scadenze per liberi professionisti e società odontoiatriche

I liberi professionisti devono indicare il reddito annuo conseguito nel 2019. Le Società devono versare lo 0,5% del fatturato, oltre 4milioni di euro quanto versato lo scorso anno

Norberto Maccagno

L’Ente previdenziale di medici e dentisti chiama, ed entro il 30 settembre gli iscritti alla Quota B, ma anche le società odontoiatriche, dovranno rispondere. Se la scadenza è la stessa gli adempimenti sono diversi ma altrettanto importanti. 

Società odontoiatriche 

Per il secondo anno, le Società odontoiatriche devono versare lo 0,5% del fatturato ad ENPAM alla gestione Quota “B” come previsto dal l'art. 1, comma 442, della legge di bilancio 2018. 

Le società tenute a versare il contributo, secondo l’interpretazione di ENPAM fornita lo scorso anno, sono “le società in qualunque forma costituite e, pertanto, le società di persone (società semplici, società in nome collettivo, società in accomandita semplice), quelle di capitali (società per azioni, società in accomandita per azioni, società a responsabilità limitata), nonché le società cooperative e mutue assicuratrici.  Sono escluse le StP e gli studi associati. 

Per quanto riguarda il fatturato da considerare, sul quale calcolare lo 0,5% da versare, questo dovrà essere quello riferito al 2019 per le sole prestazioni odontoiatriche di cui all'art. 2 della legge n. 409/1985. (a questo link un nostro approfondimento normativo

Secondo quanto riferito ad Odontoiatria33 da ENPAM, al 31 dicembre 2019 hanno versato il contributo 2.420 società per un totale di 4.672.736 euro.

Difficile capire con precisione quale sia il numero delle società interessate dall’obbligo contributivo, stando alla ricerca di Odontoiatria33 presso le Camere di Commercio le società attive iscritte con il codice ATECO 86.23 erano a giugno 2020 5.882 di cui poco meno di 600 StP.

L’Agenzia delle Entrate, nel rapporto sugli studi di settore degli studi odontoiatrici, al 31 dicembre 2019 (redditi 2018), indica in 2.745 le società di capitale attive.  

Per effettuare il versamento la Società deve entrare nell’area riservata del sito ENPAM (se già registrati) ed effettuare la dichiarazione per ottenere gli estremi per effettuare il pagamento. E’ possibile, in alternativa, scaricare un modulo da inviare ad EMPAM, a questo link informazioni e modulistica. Nelle scorse settimane ENPAM ha inviato alle società censite una informativa ricordando la scadenza e le modalità per effettuare il versamento.

Per le società che verseranno oltre la scadenza (30 settembre) saranno soggette alle sanzioni previste in base all’articolo 116, commi 8 e seguenti della legge n. 388 del 23 dicembre 2000: ovvero (il calcolo è un po’ più complicato) il 5% annuo dell’importo dovuto ma non oltre il 40% totale. 

Il contributo, aveva spiegato ad Odontoaitria33 il Vice presidente ENPAM Giampiero Malagnino viene destinato per finanziare le spese del Fondo dei liberi professionisti portando un risparmio ai singoli contribuenti.   


Professionisti e dichiarazione reddito 2019 

Per via della pandemia, la scadenza che solitamente era prevista per il 31 luglio è stata posticipata al 30 settembre. Entro questa data i liberi professionisti iscritti al fondo Quota “B” dovranno compilare il modello “D” indicando il reddito prodotto nel 2019 da lavoro professionale. 

Per chi non effettua l’invio entro la scadenza indicata scatta una sanzione di 120 euro.     

_____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Ampliato l’arco temporale rispetto al passato, da lunedì 26 ottobre la possibilità di presentare le domande


Attraverso la Carta Fondazione ENPAM, la carta di credito che i medici e gli odontoiatri possono ottenere gratuitamente, è possibile pagare ratealmente i contributi


Bilancio dell’Ente previdenziale di medici e dentisti sugli aiuti erogati ed alcune precisazioni utili per chi non li ha ricevuti ma ancora potrebbe


L’obiettivo: individuare le soluzioni e far funzionare al meglio l’odontoiatria italiana, rendendo un migliore servizio per tutti i cittadini e i professionisti coinvolti


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Altri Articoli

Partendo dalla fotografia della salute orale degli anziani, il prof. Gagliani nel suo Agorà del Lunedì si chiede se non sia ora di pensare ad una assistenza odontoiatria domiciliare


Uscire di casa solo se strettamente necessario. E’ questo l’invito che in questi giorni politica ed esperti stanno diffondendo per cercare di contenere la pandemia.Nonostante i DCPM e le...

di Norberto Maccagno


Intanto FNOMCeO chiede ai presidenti di Ordine di sospendere gli eventi ECM in attesa di chiarimenti


La lista Difendiamo la Professione ottiene il 73% dei voti. Senna anche vice presidente del Consiglio dell’Ordine, Rossi confermato alla presidenza OMCeO


Un sondaggio fra gli odontoiatri USA indica che le attuali misure adottate contro Covid-19 possono essere sufficienti contro il propagarsi dell’infezione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio