HOME - Approfondimenti
 
 
29 Settembre 2020

TARI per gli studi professionali: dubbi interpretativi su possibili aumenti o riduzioni

Normativa in contraddizione: a seconda delle scelte dei Comuni possibili riduzioni delle tariffe. Intanto utile ricordare le possibilità per chiedere la riduzione per le aree dove si producono i rifiuti speciali


L’evoluzione del quadro normativo di questi mesi concernente la TARI, e nello specifico il trattamento tariffario destinato alla categoria degli studi professionali, necessita di un intervento chiarificatore, richiesto da numerosi Comuni, volto a risolvere quello che costituisce un obiettivo contrasto normativo tra quanto disposto dal Legislatore in conseguenza dell’emergenza Covid e quanto invece previsto dalla normativa ordinaria, che deve essere contemperata con le subentrate novità normative”.

A sottolinearlo è INFEL (L’Istituto per la Finanza e l’Economia Locale) in una nota nella quale evidenza il contrasto normativo tra quanto disposto dal Legislatore in conseguenza dell’emergenza Covid-19 e quanto previsto dalla normativa ordinaria.

Da una parte –evidenza l’INEFL- la normativa emergenziale accorda ai Comuni la possibilità di confermare per il 2020 le tariffe TARI adottate nel 2019 (ex articolo 107, co. 5 del D.L. n. 18/2020). Dall’altra, le disposizioni recate dall’art. 58 quinquies del D.L. 124/2019, prevedono l’istituzione, a decorrere dal 2020, della categoria, non prevista nel 2019, delle “banche, istituti di credito e studi professionali”. 

Contraddizione normativa che deriva dalla vigenza delle due norme pone, per INEFL, “il problema di come considerare nell’anno 2020 la categoria degli studi professionali nel caso di provvisoria conferma delle tariffe 2019”.  

La scelta che i Comuni andranno a fare potrà portare alla conferma delle tariffe del 2019 oppure alla riduzione delle stesse derivante dall’accorpamento tariffario in questione. 


Riduzioni per gli studi odontoiatrici e laboratori odontotecnici 

In attesa che si chiariscano le questioni poste dall’INEFL ed i decreti attuativi che dovranno essere approvati chiariscano le implicazioni della nuova normativa dei rifiuti su studi odontoiatrici e laboratori odontotecnici, può essere utile ricordare le agevolazioni a disposizione per vedersi ridotta la TARI.

In linea generale, ma molto è demandato ai singoli regolamenti comunali, studi e laboratori che producono rifiuti speciali non assimilabili agli urbani possono chiedere per i locali dove vengono prodotte l’esenzione dal pagamento della TARI in questo quei rifiuti vengono conferiti ad aziende private per la raccolta e lo smaltimento. Ovviamente si dovrà dimostrare al Comune di farlo. 

A questo link un nostro approfondimento sul tema.   

_____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Nelle superfici in cui si producono rifiuti speciali non è dovuta la TARI ma incombe sul contribuente l’onere della prova.È questa la sintesi delle indicazioni del Ministero della Finanze rese...


Grazie al nostro lavoro, odontoiatri e medici hanno ottenuto l'agevolazione


Una Circolare chiude a favore degli odontoiatri una querelle durata anni


cronaca     16 Luglio 2018

Normativa sui rifiuti a Roma.

Ricorso AIO Roma contro il nuovo regolamento TARI


Ha lasciato un bidone con all'interno "calchi per le protesi dentali" vicino al cassonetto della raccolta dei rifiuti, si legge sulla stampa locale, e per questo il titolare di un laboratorio...


Altri Articoli

Aziende     15 Gennaio 2021

Il 2021 visto dal Phibo

L’odontoiatria digitale, le nuove acquisizioni, il CEO ed il Direttore dell'Innovazione del  Gruppo Phibo svelano i progetti futuri


L’obiettivo è fare in modo che la pensione spettante a vedove e orfani sia calcolata sull’importo a cui il familiare deceduto avrebbe avuto diritto al termine della propria carriera


Il neo assessore Moratti conferma il ruolo degli Ordini provinciali nella raccolta dei nominativi degli aderenti 


Assunzione a tempo indeterminato, la candidatura al concorso deve pervenire entro l’11 febbraio 2021


Rispondendo ad Odontoiatria33 il Commissario Straordinario conferma che non è possibile modificare in questa fase le priorità indicate nel piano vaccinale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta