HOME - Approfondimenti
 
 
10 Novembre 2020

Il CED ai dentisti europei: continuate a tutelare la salute orale

L’esortazione del presidente Marco Landi a rimanere aperti per garantire le cure, ribadendo come gli studi dentistici siano luoghi sicuri per pazienti e operatori

Lorena Origo

La pandemia da COVID-19 ha avuto un pesante impatto sull’odontoiatria: dall’inizio della crisi, i governi europei hanno introdotto una serie di misure di contenimento, inclusi blocchi locali e nazionali, obbligo di soggiorno a casa, quarantene, coprifuoco e restrizioni di viaggi e spostamenti.

In tutta Europa, la fornitura di cure orali è stata notevolmente ridotta poiché alla maggior parte dei dentisti è stato consigliato di garantire solo i trattamenti di emergenza.

Il recente aumento dei casi in Europa e la crescente evidenza della sicurezza della fornitura di cure odontoiatriche hanno motivato il Council of European Dentists (CED) a raccomandare la continuità dei servizi odontoiatrici durante la recrudescenza della pandemia.

Le prove, infatti, dimostrano che gli studi odontoiatrici sono in grado di garantire la sicurezza per i pazienti, i membri del team odontoiatrico e gli stessi dentisti grazie all’utilizzo di dispositivi di protezione individuale efficaci e la messa in atto dei protocolli appropriati.

La sicurezza del paziente è uno degli obiettivi primari della professione e, anche quando il team odontoiatrico si attiene alle linee guida esistenti e nuove, la mancanza di raccomandazioni chiare e di dati scientifici relativi al settore potrebbero ostacolare il mantenimento della salute orale e generale di tutti gli europei.

Le cure orali – comprese non solo le cure odontoiatriche urgenti ed essenziali, ma anche quelle preventive e conservative – dovrebbero essere considerate cure sanitarie essenziali e non dovrebbero essere posticipate fino a quando la pandemia COVID-19 sarà risolta.

Il presidente del CED, dott. Marco Landi (nella foto) ha commentato: “I dentisti europei si sono sempre impegnati a fornire trattamenti orali aggiornati, sicuri e di qualità, oltre a ridurre al minimo i rischi. Dall’inizio della pandemia, i dentisti sono stati in prima linea, insieme ad altri professionisti sanitari, fornendo cure sicure, e impegnandosi per il benessere dei loro pazienti, e dovrebbero continuare a fornire le normali terapie nonostante le circostanze”.

Articoli correlati

Sarà il Governo a decidere la data. Rimane l’obbligo in caso di assembramenti, al chiuso e negli ambienti sanitari secondo i protocolli previsti


Tra le criticità del sistema, quello dell’aggravio degli adempimenti burocratici che per le imprese produttrici di dispositivi medici si traducono in più costi. Il parere di UNIDI e...


Riflessioni e consigli del prof. Checchi in tema di salute orale e alimentazione, da condividere con i propri pazienti ma non solo


L’esperto ricorda la manutenzione periodica soprattutto in periodo Covid. Ecco i 3 passaggi che possono essere effettuati da soli


Ricercatori UK e giapponesi ipotizzano che la perdita dei denti può anche ostacolare le interazioni sociali e quindi peggiorare la qualità della vita in generale e non solo la salute


Altri Articoli

Albonetti (EDRA): “è stato associato impropriamente il nostro logo ad una iniziativa che ci vede totalmente estranei, valuteremo azioni legali” 


Esercitava da anni in un uno studio in cattive condizioni igieniche. Sanzionato anche per mancato rispetto delle norme anti Covid. Guarda il video


Sarà il Governo a decidere la data. Rimane l’obbligo in caso di assembramenti, al chiuso e negli ambienti sanitari secondo i protocolli previsti


Per il 2021 sono cambiate le scadenze, diventano semestrali per poi passare mensili nel 2022. Ecco cosa è bene ricordare


I consigli di Andrea Grassi, fondatore dell’Accademia per lo Sviluppo Imprenditoriale dello Studio Dentistico. Scarica gratuitamente il video corso


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi