HOME - Approfondimenti
 
 
18 Novembre 2020

SUMAI: maggiore attenzione all’odontoiatria sociale

Attanasi: Tavolo Tecnico importante iniziativa da parte del Ministero per la gestione e la presa in carico dei pazienti fragili, sociali e sanitari 


Il coordinatore della commissione odontoiatrica del SUMAI sottolinea l’importanza della scelta del ministero di istituire un Tavolo per l’odontoiatria pubblica e sociale. Attanasi definisce “importante questa iniziativa da parte del ministero della Salute per la gestione e la presa in carico dei pazienti fragili, sociali e sanitari”.  

In un contesto di difficoltà socioeconomiche e di tenuta del SSN stesso, accentuate dall’emergenza COVID – dichiara Pio Attanasi (nella foto) coordinatore della commissione odontoiatrica del SUMAI – si ritiene assai importante questa iniziativa da parte del ministero della Salute per la gestione e la presa in carico dei pazienti fragili, sociali e sanitari. Il periodo che stiamo vivendo ha evidenziato come il SSN ha retto meglio in quelle realtà dove la rete territoriale era più organizzata. È dunque essenziale che il SSN possa, anche in momenti come questo, consentire la presa in carico dei molti pazienti affetti da patologie croniche, a volte complesse e pluripatologiche, e di poter continuare le attività di prevenzione e di screening per evitare l’aggravamento dei quadri clinici o l’insorgenza di patologie prevenibili o neoplastiche in fase avanzata”.  

In questo – aggiunge Attanasi – la specialistica ambulatoriale interna tutta, compresa la componente odontoiatrica, può dare un importante contributo insieme agli altri professionisti del territorio (medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, medici dei servizi, medici di continuità assistenziale, medici USCA, infermieri ed altri professionisti sanitari, ecc.) gestendo il paziente a domicilio, nelle strutture intermedie, nelle RSA e nelle strutture distrettuali (poliambulatori, consultori, ecc.). Ciò eviterà processi di aggravamento dei quadri clinici o riacutizzazioni e quindi la necessità di rivolgersi alle strutture ospedaliere”. 

Entrando nello specifico dell’odontoiatria, prendendo esempio dalle molte realtà virtuose presenti in diverse Regioni a livello universitario, ospedaliero e distrettuale si potrà pensare di esportare e proporre questi modelli, ovviamente adattabili alle diverse esigenze territoriali nel rispetto del titolo V della Costituzione. Questo consentirà anche in previsione della revisione dei LEA, di renderli tutti, compresi quelli odontoiatrici, accessibili ed esigibili in tutte le realtà del territorio nazionale. A questo scopo è già previsto dai DPCM di marzo ed agosto scorso e dall’ACN l’incremento del monte ore della specialistica ambulatoriale interna”. 

Questo strumento – conclude Attanasi – sarà molto importante per poter garantire nelle strutture del SSN in maniera omogenea una adeguata risposta anche per la prevenzione e per le cure delle patologie orali alle fasce più deboli della popolazione. Il SUMAI è pronto a collaborare col tavolo tecnico e a mettere a disposizione le proprie esperienze e professionalità”. 

A cura di: Ufficio Stampa

Articoli correlati

Fondi sanitari, su convenzioni dirette possibile svolta Antitrust. E un parere cristallino della Commissione deontologica OMCeO Udine. I commenti del presidente Fiorile e del segretario Savini


Una ricerca dell’Università di Palermo e di Foggia analizza la situazione ed ipotizza le scelte e le strategie da apportare sulla base delle peculiarità professionali. I commenti delle...


L’obiettivo, anche in periodo di pandemia, garantire che i futuri dentisti siano preparati a curare le persone. Lo Muzio (CPCLOPD): gli atenei italiani stanno con mille difficoltà lavorando in tal...


Secondo una nuova guida emessa dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) degli Stati Uniti, le mascherine facciali possono proteggere chi le indossa e gli altri dall'infezione da...


Revisione della letteratura sull'efficacia dei protocolli adottati dal Team odontoiatrico in tema di prevenzione della trasmissione del Covid-19


Altri Articoli

Anche le spese per le cure odontoiatriche concorreranno al numero di acquisti minimi necessari per ottenere il contributo del 10%. Al via la sperimentazione per il periodo natalizio. 


Rinnovati i componenti della Commissione Albo Odontoiatri della provincia di Trento, questi gli eletti. 


Il Consiglio dell’Ordine ha dato mandato ad un pool di avvocati guidato dal presidente Catricalà per sostenere le limitazioni in tema di pubblicità commerciali in sanità


Partecipa al webinar gratuito in programma sabato 5 dicembre alle ore 10.00. con il dott. Flavio Frisardi e la Dott.ssa Serena Pizzagalli


I dentisti di Italia, Spagna, Inghilterra lamentano cali di pazienti simili. Una ricerca ADA indica dentisti in affanno per riduzione del numero di pazienti assistiti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali