HOME - Approfondimenti
 
 
19 Novembre 2020

Assicurazioni e “modifica” del piano di trattamento prescritto dal clinico. Negli USA una legge potrebbe vietarlo

Il Senato valuta un disegno di legge per modificare i divieti assicurativi ai piani di copertura sanitaria delle cure dentali e oftalmiche

Cristoforo Zervos

L'ADA (American Dental Association) sta sostenendo un nuovo disegno di legge bipartisan presentato al Senato degli Stati Uniti che proibirebbe le esclusioni di copertura assicurativa dei piani di cura dentali prescritti dal medico al paziente non condivisi dall’Assicurazione. In sostanza serberebbe che anche nel Paese dove il sistema sanitario si basa sul finanziamento dalle Assicurazioni, si voglia porre freno alla possibilità dell’Assicurazione di mettere in discussione il piano di trattamento prescritto dall’odontoiatra.

L’appoggio ed il ringraziamento istituzionale di ADA è stato reso pubblico tramite una lettera mandata pochi giorni fa ai legislatori Joe Manchin e Kevin Cramer, rispettivamente senatori del partito Democratico e Repubblicano, ringraziando dell’appoggio al “Dental and Optometric Access Act” del 2017 promosso dalla stessa ADA, che appunto prevede l’impossibilità per i piani assicurativi di prevedere esclusioni di coperture su piani di cura consigliati dall’odontoiatria.

"Offriamo il nostro forte sostegno a questa legge bipartisan poiché riteniamo che i pazienti siano notevolmente sfavoriti dai piani di assicurazione dentale vigenti”, ha scritto il presidente dell'ADA Daniel J. Klemmedson.
"Proprio per questo già 40 Stati hanno emanato leggi che vanno in questa direzione, limitando l'interferenza nel rapporto medico-paziente, quando il medico prescrive servizi che gli assicuratori non coprono".
Tuttavia – ha specificato Klemmedson - è necessario uno sforzo del governo federale, dato che molti piani dentali sono regolamentati a livello centrale e non statale".

Klemmedson ha osservato che l'attuale situazione ha un impatto negativo sulla concorrenza nel mercato dei piani assicurativi dentali, che "è dominato solo da pochi grandi provider nazionali in molti Stati, e sposta i costi sui pazienti che pagano la copertura di tasca propria o si fanno curare da dentisti fuori rete”.  

Per il Presidente di ADA, il DOC Access Act fornirà un maggiore accesso a cure di alta qualità, aiutando il paziente e bloccando le pratiche anticoncorrenziali nell’offerta dei piani di assicurazione dentale.

"Questa legislazione -spiega Klemmedson - sarà fondamentale per portare l'equilibrio necessario alle trattative contrattuali tra le piccole agenzie assicurative e le grandi compagnie". 

La legge del DOC Access Act porterebbe equità nella fornitura di contratti assicurativi a livello federale -conclude il Presidente – oltre a portare un reale beneficio ai pazienti”. 

Articoli correlati

Fondi sanitari, su convenzioni dirette possibile svolta Antitrust. E un parere cristallino della Commissione deontologica OMCeO Udine. I commenti del presidente Fiorile e del segretario Savini


Una ricerca dell’Università di Palermo e di Foggia analizza la situazione ed ipotizza le scelte e le strategie da apportare sulla base delle peculiarità professionali. I commenti delle...


L’obiettivo, anche in periodo di pandemia, garantire che i futuri dentisti siano preparati a curare le persone. Lo Muzio (CPCLOPD): gli atenei italiani stanno con mille difficoltà lavorando in tal...


Secondo una nuova guida emessa dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) degli Stati Uniti, le mascherine facciali possono proteggere chi le indossa e gli altri dall'infezione da...


Revisione della letteratura sull'efficacia dei protocolli adottati dal Team odontoiatrico in tema di prevenzione della trasmissione del Covid-19


Altri Articoli

Anche le spese per le cure odontoiatriche concorreranno al numero di acquisti minimi necessari per ottenere il contributo del 10%. Al via la sperimentazione per il periodo natalizio. 


Rinnovati i componenti della Commissione Albo Odontoiatri della provincia di Trento, questi gli eletti. 


Il Consiglio dell’Ordine ha dato mandato ad un pool di avvocati guidato dal presidente Catricalà per sostenere le limitazioni in tema di pubblicità commerciali in sanità


Partecipa al webinar gratuito in programma sabato 5 dicembre alle ore 10.00. con il dott. Flavio Frisardi e la Dott.ssa Serena Pizzagalli


I dentisti di Italia, Spagna, Inghilterra lamentano cali di pazienti simili. Una ricerca ADA indica dentisti in affanno per riduzione del numero di pazienti assistiti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali