HOME - Approfondimenti
 
 
26 Gennaio 2021

Il rifiuto alla vaccinazione anti Covid-19 nella professione sanitaria odontoiatrica

Riflessioni del presidente SIOF Claudio Buccelli di ordine etico, deontologico, giuridico e normativo sul rifiuto alla vaccinazione  


I vaccini rappresentano, allo stato e nelle prospettive future, l’arma vincente nei confronti del Covid-19, nella ormai storicamente provata capacità di impedire l’impianto e lo sviluppo di malattie infettive anche ampiamente contagiose e letali.Il rapporto benefici/rischi nel loro impiego è elevatissimo, posto che essi (1) sono sottoposti a studi di sicurezza ed efficacia ancora più severi che per i farmaci prima della loro approvazione da parte delle autorità competenti. Ciò nondimeno sappiamo bene, anche per lunghe discussioni contrarie al loro impiego –addirittura approdate, nel nostro Paese, in Parlamento- prima della pandemia da SARS COV-2, che esiste una quota di persone (no-vax, stimate tra il 3 e il 5%) che li rifiuta con posizioni radicalizzate, negativamente incidendo su una quota molto più ampia di cittadini, superiore al 30%, incerti nella necessità a vaccinarsi.

L’avversione ai vaccini è strutturata (2) sulla paura dell’ignoto, la sfiducia nelle istituzioni, la tendenza al complottismo, il sospetto verso gli esperti e l’autorità, ed è amplificata dal veleno della disinformazione. 

Tutto ciò apre delicate problematiche di ordine etico, deontologico e giuridico sulla possibilità di imposizione di un obbligo generale o, in taluni casi, privatistico di vaccinazione anti covid-19 in riferimento all’ipotesi del perdurare dello stato di emergenza pandemica non altrimenti efficacemente affrontabile sul piano nazionale. Tanto soprattutto nell’ambito delle attività professionali maggiormente esposte all’infezione e alla trasmissione della malattia e quindi particolarmente in quelle volte alla tutela della salute dei cittadini, in termini di protezione individuale dei sanitari circa il rischio infettivo diretto da contrazione dell’infezione ed indiretto di trasmissione di questa ai pazienti. 

Tali rischi appaiono particolarmente consistenti in odontoiatria, in cui i sanitari (odontoiatri, igienisti dentari, assistenti di studio) hanno abituali reiterati e protratti rapporti di vicinanza con la bocca dei pazienti sfornita di mascherina o dispositivo di protezione equivalente, non sempre con efficace aspirazione di aerosol prodotto durante l’impiego di strumenti rotanti ed oscillanti e comunque nelle più varie fasi di terapie proprie delle diverse branche della disciplina. 

Orbene, a nostro avviso, pur non ricorrendo un obbligo normativo specificamente espresso di vaccinazione per tali sanitari ai fini del legittimo espletamento della loro attività professionale, sussiste di fatto l’imperativo a sottostarvi sia pure non coattivamente che, a ben vedere, non incide sulla libertà di auto-determinazione dell’individuo in materia di tutela della salute.  Come, giova anticiparlo, affermato dalla Consulta (sent. 137/19) a proposito della possibilità regionale (con riferimento alla legge della Regione Puglia 19 giugno 2018, n. 27 in tema di “Disposizioni per l’esecuzione degli obblighi di vaccinazione degli operatori sanitari”) di individuare reparti e ambiti di assistenza dove consentire l’accesso ai soli operatori che si siano attenuti al Piano nazionale di prevenzione vaccinale vigente, al fine di prevenire la diffusione di patologie infettive in ambito nosocomiale.

fondamenti etici delle vaccinazioni risultano efficacemente evidenziati nell’ancor attuale autorevole parere del CNB del 1995 (3), che sottolinea per l’obbligo vaccinale l’intreccio costituzionale tra il diritto alla salute (art. 32) e i doveri di solidarietà (art. 2), ponendo nel contempo in rilievo l’esigenza di garantire una corretta informazione sui rischi e i benefici delle vaccinazioni, necessaria anche nei trattamenti sanitari obbligatori e contribuisce a ridimensionare la percezione del pericolo, che a volte porta al rifiuto ingiustificato, soprattutto per quanto riguarda la popolazione infantile.  

Nel parere vengono, peraltro, manifestati dubbi sulla legittimità dell’obiezione di coscienza nei confronti delle vaccinazioni obbligatorie, quando esse siano richieste per la tutela della salute individuale e collettiva e non vi siano altri metodi per tutelare questo bene.  Più recentemente, a proposito dei contratti tempi di sperimentazione dei vaccini contro il Covid-19, pur nella attuale acquisizione della elevata efficacia protettiva (circa il 95%) del vaccino della Pfizer/BioNTech si è delineato un nuovo dilemma sulla necessità o meno di proseguire con la sperimentazione esponendo un numero considerevole di persone per due anni a una pericolosa infezione che potrebbe essere prevenuta se venisse loro somministrata la vaccinazione invece del placebo. 

L’obbligo vaccinale è imposto per legge in casi specificamente previsti, rientrando nei cosiddetti Trattamenti Sanitari Obbligatori (TSO). In tal senso il comma 2 dell’art. 32 Cost. prevede un contemperamento tra il diritto personalissimo alla libera autodeterminazione alle cure (e quindi anche al loro rifiuto) e la serrata tutela della pubblica salute (interesse della collettività), che può giustificare, quando necessario, la loro imposizione attraverso, appunto, i TSO, che lo Stato prevede ed attua invocando i doveri di solidarietà e responsabilità della convivenza civile nei limiti imposti dal rispetto della persona umana.   In tal senso si sarebbe portati a ritenere che se una determinata vaccinazione –nella fattispecie quella contro il Covid-19- non è prevista quale obbligo di legge non è possibile imporla

Si tratta, però, di una desunzione superficiale, perché alla obbligatorietà, ancorchè non coattiva, si giunge di fatto, specie per gli operatori sanitari, in quanto l’eventuale rifiuto opposto non incide sugli ordinari obblighi ricadenti sul datore di lavoro in tema di sicurezza come delineati dalla disciplina statale sul punto, dettata in primo luogo dalla clausola generale di cui all’art. 2087 del codice civile e dalle previsioni contenute nel DLgs. 81/08 (Attuazione dell’art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro) e, nell’ambito di queste, in particolare per quanto qui interessa, dagli art. 266, 271 e 279 in combinato disposto con gli artt. 17 (obblighi del datore di lavoro non delegabili), 18 (obblighi del datore di lavoro e del dirigente), 28 (valutazione dei rischi), 41(sorveglianza sanitaria), 42 (provvedimenti in caso di inidoneità alla mansione specifica), 55 (sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente). 

In particolare l’art. 2087 c.c. fa obbligo al datore di lavoro di adottare tutte le misure idonee a prevenire sia i rischi insiti all'ambiente di lavoro, sia quelli derivanti da fattori esterni e inerenti al luogo in cui tale ambiente si trova, atteso che la sicurezza del lavoratore è un bene di rilevanza costituzionale che impone al datore di anteporre al proprio profitto la sicurezza di chi esegue la prestazione. Il DLgs 81/08, nella sua complessità, impone di valutare tutti i rischi che possono ricorrere durante l’attività lavorativa e pertanto comprende anche quello da SARS COV-2 estendendo le misure di prevenzione al rischio derivante da tale patogeno per l’uomo secondo quanto previsto dalla direttiva UE 2020/739 del 3 giugno 2020 recepita dal nostro Paese (4).

 Si aggiunga, poi, che la recente L. 24/17 all’art. 1, a fine di protezione dei pazienti, riconosce che la sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute e si realizza anche mediante l'insieme di tutte le attività finalizzate alla prevenzione e alla gestione del rischio connesso all'erogazione di prestazioni sanitarie attraverso il doveroso concorso di tutto il personale sanitario, compresi i liberi professionisti che vi operano in regime di convenzione con il Servizio sanitario nazionale. 

Per effetto di tutto quanto sopra il datore di lavoro (quindi anche l’odontoiatra libero professionista nei confronti di se stesso e dei propri dipendenti di studio) deve sottoporsi a vaccinazione contro il Covid-19 a tutela della sua persona, dei pazienti e dei suoi dipendenti (del cui operato risponde) e curare che questi gli comunichino, una volta chiamati dal SSN, se si sono sottoposti al vaccino.  Nell’ipotesi di avvenuto rifiuto o di documentata impossibilità sanitaria alla somministrazione, se da ciò discende, secondo quanto valutato dal medico competente, una inidoneità alla mansione specifica che non possa essere superata mediante l’adozione di misure tecniche, procedurali ed organizzative contro il rischio del covid-19 il datore di lavoro adibisce il lavoratore, ove possibile, ad altra mansione compatibile con il suo stato di salute, garantendogli la retribuzione corrispondente alle mansioni precedentemente svolte, nonché la qualifica originaria.
Qualora ciò non fosse effettivamente possibile per incompatibilità con il concreto assetto  organizzativo e strutturale dell’ambiente di lavoro potrebbe giungersi al licenziamento

Va peraltro tenuto presente che l’omissione dei suddetti doverosi comportamenti da parte dell’odontoiatra nei confronti dei propri dipendenti cui consegua al paziente e/o al dipendente stesso una malattia da coronavirus (covid-19) in riconosciuto rapporto causale lo espone ad addebiti di natura penalistica e civilistica. L’obbligo del medico/odontoiatra di agire nei confronti dei propri assistiti nel rispetto del principio di sicurezza delle cure  assume anche rilievo deontologico in quanto ripetutamente espresso in molteplici articoli del codice di deontologia medica, costituendo preciso richiamo ad una correttezza comportamentale professionale in cui può certamente farsi rientrare in maniera implicita anche un responsabile approccio alla pratica vaccinale quale prevenzione di danni ai suoi pazienti. 

Personalmente siamo convinti dell’assoluta sicurezza ed efficacia dei vaccini e quindi della indispensabilità del loro impiego anche nei confronti della pandemia da SARS COV-2. 

 Il rifiuto ad assumerli da parte del personale sanitario contraddice la loro cultura e l’essenza stessa della professione, ma qualora ci si imbattesse in casi del genere si è dell’avviso che più che ogni forma di pressione persuasiva può sortire utile effetto una leale attività di convincimento all’accettazione spontanea della vaccinazione attraverso corretta informazione e comunicazione che sia, come indicato dal Comitato Nazionale per la Bioetica (5), sinceramente trasparente, chiara, comprensibile, consistente e coerente, basata su dati scientifici sempre aggiornati.   

A cura di: Prof. Claudio Buccelli Presidente Società Italiana Odontoiatria Forense 


Riferimenti bibliografici   

1) Roberto Villa, Le Scienze, 38, 626, (ottobre 2020)     

2) Chiara Lalli, L e Scienze, 42, 626, (ottobre 2020)     

3) CNB, Le vaccinazioni, (27 settembre 1995)    

4) Raffaele Guariniello, IPSOA, (23 gennaio 20215)     

5) CNB, I vaccini covid-19: aspetti etici per la ricerca, il costo e la distribuzione, (27 novembre 2020    

Articoli correlati

Per le varie ATS sono i datori di lavoro che devono comunicare la volontà di farsi vaccinare dei propri dipendenti. SIASO raccoglie le adesioni per “evitare esclusioni”


Lo ha chiarito il Cdc, centro di controllo e prevenzione delle malattie degli Stati Uniti


Palozzi (Cambiamo con Toti): per rendere sicuri gli studi è insufficiente vaccinare in questa prima fase solamente odontoiatri e medici


Può invece imporre l’utilizzo dei sistemi di protezione. L’Autority interviene anche sulla possibilità di verificare se il dipendente si è sottoposto a vaccinazione oppure si è rifiutato


L’annuncio dalla CAO di Milano che informa che sarà il datore di lavoro a dover candidare la propria ASO certificando che sia realmente assunta


Altri Articoli

Rimangono in vigore sia le indicazioni operative che quelle per prevenire la legionella nei riuniti. Fino al 6 aprile stretta sulla scuola, si attendono interventi sui congedi parentali anche per i...


UNID Lazio: siamo operatori sanitari ma dimenticati dal piano vaccinale anti Covid-19 della Regione 


Per la Corte europea la direttiva 2005/36/CE, come modificata dalla direttiva 2013/55/UE, non osta a una normativa che ammette la possibilità di un accesso parziale ad una delle professioni...


Il Ministero ha indicato le date di svolgimento dei test d’ingresso alle facoltà con numero programmato. Ecco il quadro completo, compresi gli atenei privati


Con una lettera al Ministero vengono offerti ambulatori e personale per far fronte all’emergenza sanitaria in corso e viene chiesto di autorizzare gli odontoiatri a somministrare le dosi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP