HOME - Approfondimenti
 
 
17 Febbraio 2021

Covid-19, ecco perchè la variante inglese potrebbe presto essere dominante

Una ricerca californiana ha studiato la prevalenza e le dinamiche di crescita di questa variante con conseguenze devastanti sulla mortalità


Anche negli Stati Uniti presto la "variante inglese" di Sars-CoV-2 potrebbe diventare la forma dominante del virus in circolazione, proprio come sta succedendo in altri paesi, e per questo è necessaria un'azione immediata e decisiva per ridurre al minimo la morbilità e la mortalità da Covid-19, secondo quanto conclude uno studio pubblicato su medRxiv e non ancora sottoposto a peer-review.  Sin dall'inizio della pandemia di Covid-19, gli esperti si sono preoccupati per la possibile comparsa di varianti più facilmente trasmissibili.

"A partire da gennaio 2021, la variante B.1.1.7 di Sars-CoV-2, nota come "variante inglese", perché identificata per la prima volta nel Regno Unito, e che sembra essere altamente trasmissibile, ha guadagnato una solida posizione in tutto il mondo" esordisce Nicole Washington, della Helix di San Mateo, in California, prima autrice dello studio.

I ricercatori, vista l'improvvisa e rapida diffusione di B.1.1.7, hanno studiato la prevalenza e le dinamiche di crescita di questa variante negli Stati Uniti, rintracciandola fino alla sua prima comparsa e alla successiva trasmissione locale. Ebbene, gli esperti hanno scoperto che una particolare caratteristica al test RT-qPCR, osservata per la prima volta nel Regno Unito, si è mostrata un proxy affidabile per il rilevamento di B.1.1.7, e hanno sequenziato 212 genomi B.1.1.7 Sars-CoV-2 in varie strutture negli Stati Uniti da dicembre 2020 a gennaio 2021. I ricercatori hanno scoperto che il rilevamento della variante è aumentata a un ritmo simile a quelli osservati altrove, con un tasso di raddoppio di poco più di una settimana e un aumento della velocità di trasmissione del 35-45%.

Eseguendo analisi filodinamiche bayesiane sensibili al tempo, gli autori hanno rilevato diverse introduzioni indipendenti di B.1.1.7 negli Stati Uniti già alla fine di novembre 2020, e sostengono dell'ipotesi che la trasmissione comunitaria ha consentito alla variante di diffondersi in almeno 30 stati a partire da gennaio 2021.

"L'aumento della velocità di trasmissione di questi lineaggi e il conseguente numero di riproduzione più elevato avranno probabilmente conseguenze devastanti sulla mortalità e sulla morbilità da Covid-19 negli Stati Uniti in pochi mesi, se non viene intrapresa immediatamente un'azione decisiva" concludono i ricercatori. 

Per approfondire:

Genomic epidemiology identifies emergence and rapid transmission of SARS-CoV-2 B.1.1.7 in the United States

Articoli correlati

Un studio pubblicato sul British Medical Journalha osservato un graduale aumento del rischio di infezione nelle persone che avevano ricevuto la seconda dose di vaccino(Pfizer-BioNTech) da almeno 90...


Sulla pandemia, quanto tutto sarà passato e sedimentato, credo che un ragionamento sull’informazione la si dovrà fare. L’eccezionalità e drammaticità della situazione ha portato...

di Norberto Maccagno


E’ successo in provincia di Reggio Calabria. I carabinieri lo hanno trovato in studio a lavorare nonostante il provvedimento dell’ASL


Uno studio francese ha indagato l’efficacia di quelli contenente ß-ciclodestrina e ingredienti a base di acidi organici e bioflavonoidi


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


Oltre a quelli italiani ne hanno parlato il New York Times, Al Jazeera, siti spagnoli e degli altri Paesi europei. Sileri: sarebbe una macchietta se non fosse un odontoiatra


Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open, potrebbero contribuire a migliorare la comunicazione con pazienti con problemi di udito ma non solo


Il Viminale pubblica una utile tabella per capire cosa si può fare a seconda del tipo di certificazione posseduta ed il colore della regione. Le regole per datori di lavoro e lavoratori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi