HOME - Approfondimenti
 
 
19 Febbraio 2021

Covid-19, Cdc: no quarantena dei vaccinati dopo contatto con positivo

Lo ha chiarito il Cdc, centro di controllo e prevenzione delle malattie degli Stati Uniti


Le persone che sono state "pienamente vaccinate" contro il coronavirus (ossia che hanno ricevuto le due dosi del vaccino Pfizer o Moderna) possono saltare la quarantena prevista in caso di contatto con un positivo. Lo ha chiarito il Cdc, centro di controllo e prevenzione delle malattie degli Stati Uniti. Specificando però che questo non significa che i vaccinati possono smettere di adottare le precauzioni stabilite.  

Un punto condiviso da Massimo Galli primario infettivologo dell'ospedale Sacco di Milano, riporta Doctor33. “Sarei propenso a codificare un sistema che gestisca diversamente la quarantena nei vaccinati. Credo che il vaccino debba essere uno strumento che ci riporta il più rapidamente possibile verso una normalità. E la possibilità di infezione tra i vaccinati è estremamente inferiore” sottolinea. 

In prospettiva, la quarantena per i vaccinati “credo debba essere, almeno gradualmente, abbandonata. La valutazione di un tampone resta un criterio prudenziale anche per il vaccinato. Ma essere messi in quarantena come prima della vaccinazione credo costituisca un ostacolo anche alla ripresa delle attività. Ma è una posizione sulla quale sono aperto al confronto”, dice Galli.

Per l'esperto “sarebbe utile, anche se complessa da attuare, la determinazione della presenza degli anticorpi nei vaccinati. Tra i medici questo si sta facendo. Generalizzarlo è più complicato, ma dobbiamo usare la vaccinazione anche in funzione della ripresa, ma ora siamo in una fase di transizione, valutiamo bene la questione”.  

Il Cdc, non essendo ancora chiaro quanto duri la protezione, avverte che se la persona vaccinata ha ricevuto il richiamo più di tre mesi prima dovrebbe per precauzione mettersi in quarantena in caso di contatti a rischio, o di sintomi sospetti.  

Questa raccomandazione di rinunciare alla quarantena per le persone con immunità derivata dal vaccino è in linea con le raccomandazioni di quarantena per quelle con immunità naturale, il che ne facilita l'attuazione", ha spiegato il Cdc. 

_____________________________________________________________________
Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Per le varie ATS sono i datori di lavoro che devono comunicare la volontà di farsi vaccinare dei propri dipendenti. SIASO raccoglie le adesioni per “evitare esclusioni”


Palozzi (Cambiamo con Toti): per rendere sicuri gli studi è insufficiente vaccinare in questa prima fase solamente odontoiatri e medici


Può invece imporre l’utilizzo dei sistemi di protezione. L’Autority interviene anche sulla possibilità di verificare se il dipendente si è sottoposto a vaccinazione oppure si è rifiutato


L’annuncio dalla CAO di Milano che informa che sarà il datore di lavoro a dover candidare la propria ASO certificando che sia realmente assunta


Covid-19: negli Stati Uniti i pazienti tornano negli studi dei dentisti mentre in Uk sette pazienti su dieci non hanno accesso alle cure anche più urgenti


Altri Articoli

Richiesta laurea e diploma di specialità. Le domande dovranno pervenire entro il 10 marzo


La CAO segnala, “la dimenticanza” all’ISS chiedendo di intervenire al fine di non precludere agli odontoiatri la possibilità di essere somministratori


Su Nature si ipotizza che la trasmissione attraverso le superfici non sia più un rischio significativo come ad inizio pandemia


L’avvocato Montaldo: attenzione all’utilizzo che se ne fa. La fotografia è anche un dato personale e, nel caso in specifico, un dato sanitario


Chiarello: alla luce delle scarse scorte di vaccini inconcepibile pensare di voler nuovamente posticipare la somministrazione agli odontoiatri


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP