HOME - Approfondimenti
 
 
24 Febbraio 2021

Covid-19 e trasmissione tramite superfici

Su Nature si ipotizza che la trasmissione attraverso le superfici non sia più un rischio significativo come ad inizio pandemia


Il contagio da Sars-CoV-2 avviene principalmente tramite l'emissione di droplet di grandi dimensioni e piccole particelle di aerosol da parte di persone infette, e la trasmissione attraverso le superfici, sebbene sia teoricamente possibile, non è considerata al momento un rischio significativo come lo era all'inizio della pandemia.  

Questo, in sostanza, quello che emerge da un articolo pubblicato su Nature, a firma di Dyani Lewis, editorialista di Melbourne, che chiarisce come questo non significhi che pulire le superfici sia inutile, ma solo che non debba essere una priorità.  Nell'articolo si parla del lavoro di approfondimento di Emanuel Goldman, della Rutgers New Jersey Medical School di Newark, che ritiene che ci siano poche prove a sostegno dell'idea che Sars-CoV-2 passi da una persona all'altra attraverso le superfici. 

Molti altri scienziati sono ormai giunti a conclusioni simili, tanto che i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) non ritengono al momento la trasmissione attraverso le superfici un modo comune in cui il Covid-19 si diffonde.

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) afferma che ci sono prove limitate di trasmissione tramite fomiti; tuttavia, questa è considerata possibile, dato il riscontro costante di contaminazione ambientale. L'Oms raccomanda quindi di utilizzare le pratiche di disinfezione per ridurre il potenziale di contaminazione da virus Covid-19.

Poiché le autorità non possono escludere il contagio e le persone si aspettano che ci sia sanificazione, si continuano a investire enormi quantità di tempo e denaro in sforzi di pulizia profonda.  “L'attenzione ai fomiti piuttosto che agli aerosol è emersa all'inizio dell'epidemia di coronavirus a causa di ciò che era noto su altre malattie infettive. Ma la contaminazione con Rna virale non è necessariamente motivo di allarme” afferma Goldman.  

I ricercatori hanno dimostrato che il coronavirus può sopravvivere sulle superfici, ma Goldman e altri scienziati avvertono che la maggior parte degli studi su questo argomento ha utilizzato per testare la sopravvivenza condizioni che non esistono al di fuori del laboratorio, e che dopo un anno di studi sui casi di coronavirus, ritengono che sia chiaro che sono le persone, non le superfici, la principale causa di preoccupazione.  Goldman conclude che secondo lui è importante indossare la mascherina e che, per evitare il contagio tramite superficie, la cosa fondamentale e sufficiente sia il lavaggio delle mani. 




____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Mentre continua a crescere l'incidenza delle varianti Covid ei laboratori arriverà test veloce per scoprire se il positivo è stato infettato da una variante


Indagine SIdP conferma: i protocolli adottati anti Covid sono efficaci, meno dell’1% il tasso di contagio. L’odontoiatra informato si sente più sicuro sul luogo di lavoro


In attesa dell’approvazione definitiva, ed il conseguente rimborso delle ritenute versate agli iscritti, AIO ed ANDI plaudono la decisone del Parlamento


Non saranno tassati gli aiuti Covid attivati dall’ENPAM. Oliveti: il Parlamento ha fatto giustizia, non aveva senso che i professionisti in difficoltà pagassero le tasse sugli aiuti


ANDI e SISOPD commentano i risultati di uno studio delle Università di Ferrara e Milano. Ghirlanda: “Sicurezza sì, sovrastrutture no.”


Altri Articoli

Stimata ed apprezzata, fino all’ultimo ha lavorato per il bene della professione con tenacia, impegno ed entusiasmo. Molti i messaggi di ricordo delle sue colleghe e dei dirigenti delle...


Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


Oltre a quelli italiani ne hanno parlato il New York Times, Al Jazeera, siti spagnoli e degli altri Paesi europei. Sileri: sarebbe una macchietta se non fosse un odontoiatra


Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open, potrebbero contribuire a migliorare la comunicazione con pazienti con problemi di udito ma non solo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi