HOME - Approfondimenti
 
 
30 Marzo 2021

Tasso di infezione da COVID-19 tra gli igienisti dentali americani

Un sondaggio della US Occupational Safety and Health Administration fatto negli Stati Uniti evidenzia come protocolli e DPI hanno contenuto il contagio pandemico tra gli igienisti dentali


Anche se il loro lavoro è considerato ad alto rischio, tra gli igienisti dentali si è registrato un basso tasso di infezione al COVID-19. È quanto emerge da un sondaggio che l’US Occupational Safety and Health Administration ha condotto nei 50 stati federati americani e in Puerto Rico.

Inviatati a rispondere a 30 domande via web, 4776 igienisti dentali hanno contribuito a tracciare un profilo dell’andamento della pandemia nella categoria.

Il lavoro è stato pubblicato sul Journal of Dental Hygiene nel febbraio 2021 (vol. 95, n.1), a firma di Cameron G. Estrich et al.

Dai risultati, relativi all'8 ottobre 2020, emerge che un significativo numero degli intervistati ha riportato elevati sintomi di ansia e depressione. Il 3,1% (n = 149) non era mai risultato positivo e solo il 3,1% aveva ricevuto una diagnosi di COVID-19. Il tasso registrato è molto simile a quello tra i dentisti ed è inferiore rispetto a quello di altri professionisti sanitari, anche se leggermente superiore a quello della popolazione generale.

La maggior parte degli intervistati (99,1%; n = 3328) che ha continuato a lavorare ha affermato che lo studio dentistico dove praticavano primariamente ha potenziato le misure per prevenire le infezioni e i protocolli di sicurezza in risposta alla pandemia.

La maggior parte degli igienisti indossava protezioni per gli occhi, mascherine, coperture protettive e guanti durante le procedure dentistiche.

L’uso dei DPI è stato significativamente associato agli anni di esperienza come igienista dentale, al livello di preoccupazione per il COVID-19 e al livello di forniture di DPI disponibili (valori p <0,01), dato questo che potrebbe certamente migliorare grazie a un maggiore accesso ai dispositivi di protezione, ma non al tipo di studio dentistico (valore p 0,1).

Questi risultati dimostrano che misure di sicurezza e DPI si sono rivelati validi strumenti per contenere i contagi nella categoria e che le prestazioni sanitarie odontoiatriche possono essere erogate in modo sicuro.

Uno studio correlato ha rilevato che l’8% degli igienisti dentali statunitensi ha lasciato il lavoro dall’inizio della pandemia: di questi, quasi il 60% volontariamente, citando come motivo le preoccupazioni per la loro sicurezza, nonché problemi generati dal dover gestire dei bambini.

____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 


Articoli correlati

Scoperti complessivamente 305 medici, odontoiatri e sanitari non vaccinati irregolarmente al lavoro. A Torino sequestrati due studi odontoiatrici


Le considerazioni del prof. Burioni sull’importanza della vaccinazione anche se i protocolli di prevenzione adottati dagli odontoiatri si sono rivelati estremamente efficaci 


Un sondaggio SIdP e CAO ha valutato l’impatto del Covid negli studi, soprattutto sul fronte sicurezza. Nisio: efficaci i protocolli indicati, gli odontoiatri hanno dimostrato resilienza ed...


Un studio pubblicato sul British Medical Journalha osservato un graduale aumento del rischio di infezione nelle persone che avevano ricevuto la seconda dose di vaccino(Pfizer-BioNTech) da almeno 90...


Sulla pandemia, quanto tutto sarà passato e sedimentato, credo che un ragionamento sull’informazione la si dovrà fare. L’eccezionalità e drammaticità della situazione ha portato...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


Non cambia la sede, sempre Bologna, le iscrizioni (gratuite) entro il 25 marzo. Queste le nuove scadenze per invio abstract e poster


Firmato il DPCM sulle attività essenziali, non servirà il Green pass per accedere a cure e visite neppure per gli accompagnatori, fermo restando il rispetto delle regole sul triage


Il 7,2% di medici ed odontoiatri che, sulla piattaforma del Green pass, risultano ‘inadempienti’ e da verificare. Anelli: “si tratta di un dato grezzo che non fotografa la situazione reale”


ANSOC scrive al Ministero chiedendo un incontro insieme alle altre Associazioni di riferimento. Di Fulvio: “Inspiegabile ed assurda la riduzione di rimborso da somme già insufficienti a coprire i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi