HOME - Approfondimenti
 
 
04 Giugno 2021

Obbligo di vaccinazione per gli operatori sanitari: la questione etica

Un articolo pubblicato sul Journal of Medical Ethics pone la questione ed esorta a trovare un equilibrio tra i vari principi etici in gioco, suggerendo gli interventi possibili


La possibilità di lavorare in prima linea per gli operatori sanitari dovrebbe essere subordinata alla vaccinazione contro Covid-19, escludendo solamente chi ha una ragione medica per evitare l'immunizzazione. Questo è quanto riferisce un team di esperti in un articolo pubblicato sul Journal of Medical Ethics, in cui si suggerisce che chi rifiuta il vaccino venga almeno temporaneamente spostato ad altre mansioni. 

Tuttavia, una regolamentazione eccessivamente coercitiva potrebbe promuovere il risentimento, l'opposizione e la sfiducia, in particolare perché questi lavoratori sperimentano già tassi più elevati di depressione, ansia, insonnia, disturbo da stress post-traumatico ed esaurimento delle attività con la tragica realtà di questa pandemia.  Pertanto, qualsiasi politica deve trovare un sottile equilibrio tra i vari principi etici in gioco.  

Utilizzando il principio dell'alternativa meno restrittiva, gli autori hanno quindi sviluppato una scala di intervento per le politiche di vaccinazione Covid-19 per gli operatori sanitari che hanno un contatto diretto con i pazienti.

La gamma di opzioni potrebbe includere dalla meno alla più coercitiva delle opzioni: campagne educative o attività di sviluppo professionale; richieste agli operatori sanitari in prima linea di firmare una dichiarazione che spieghi perché rifiutano la vaccinazione; identificare i team con prestazioni vaccinali insufficienti; togliere l'accesso ai privilegi dei dipendenti per i non vaccinati.  

Ancora, si può pensare a una ridistribuzione a mansioni non cliniche, lavoro da casa, o lavoro clinico diretto limitato con pazienti anziani, vulnerabili e immunocompromessi.  

Sempre in crescendo, gli esperti parlano di sospensione del lavoro, congedo forzato, perdita di stipendio per giornate non lavorate, multe o reclusione, termine dell'impiego, cancellazione dell'iscrizione professionale, vaccinazione forzata.

A giustificazione della necessità di intervenire in qualche maniera, gli autori sottolineano che, mentre gli operatori sanitari in prima linea possono scegliere tra la vaccinazione e il loro lavoro, i pazienti non possono scegliere se ammalarsi o meno, né possono scegliere chi si prende cura di loro quando questo succede.  Pertanto, la restrizione alla scelta sperimentata dai pazienti nel caso in cui non venga imposta alcuna vaccinazione obbligatoria agli operatori sanitari in prima linea potrebbe essere maggiore della restrizione sperimentata dal personale se viene imposta una tale politica. 

Per approfondire:
J Medical Ethics 2021. Doi: 10.1136/medethics-2020-107175

_____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Il Viminale pubblica una utile tabella per capire cosa si può fare a seconda del tipo di certificazione posseduta ed il colore della regione. Le regole per datori di lavoro e lavoratori


Da lunedì le nuove norme su green pass e obbligo vaccinale anche per il personale non sanitario che opera negli ambulatori pubblici e privati. Ma la vera scadenza è quella del 15 dicembre


La posizione della Federazione in merito a lettere di diffida di iscritti non vaccinati che vorrebbero decaduta la sospensione in quanto il nuovo Decreto ha modificato l’articolo 4 della 44/2021


Controlli negli studi trentini. negli ultimi giorni sono 4 i titolari di studio sanzionati per inosservanza delle norme anti Covid sui luoghi di lavoro. Sanzionate e denunciate le ASO


Una circolare del Ministero aggiorna le indicazioni su intervallo temporale tra somministrazione della dose booster e completamento del ciclo primario


Altri Articoli

Stimata ed apprezzata, fino all’ultimo ha lavorato per il bene della professione con tenacia, impegno ed entusiasmo. Molti i messaggi di ricordo delle sue colleghe e dei dirigenti delle...


Scoperti a Torino ed in provincia di Piacenza. L’Ordine di Brescia invia gli elenchi dei sospesi al NAS per effettuare verifiche


Circolare della FNOMCeO agli Ordini provinciali con le prime indicazioni sui passaggi per ottemperare a quanto disposto con il nuovo Decreto su estensione dell’obbligo vaccinale 


Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi