HOME - Approfondimenti
 
 
21 Giugno 2021

Nuovo Regolamento dispositivi medici e rischio aumento dei costi

Tra le criticità del sistema, quello dell’aggravio degli adempimenti burocratici che per le imprese produttrici di dispositivi medici si traducono in più costi. Il parere di UNIDI e Confindustria 


Il nuovo Regolamento europeo dei dispositivi medici (2017/745), in vigore dal 26 maggio, amplia il concetto di sicurezza dei prodotti ed impone una maggiore verifica e tracciabilità da parte dei produttori e dei fabbricanti. 

La tracciabilità dei dispositivi è uno dei più rilevanti”, spiega a F-Online Ferdinando Capece, responsabile area Quality & Regulatory Affairs di Confindustria Dispositivi Medici. “Tale concetto si basa su un sistema di identificazione unica del dispositivo (sistema UDI), basato su linee guida internazionali, il quale dovrebbe rafforzare considerevolmente l'efficacia delle attività legate alla sicurezza dopo la commercializzazione per i dispositivi, grazie a una migliore segnalazione degli incidenti, ad azioni correttive mirate di sicurezza e a una migliore sorveglianza da parte delle autorità competenti. Dovrebbe inoltre contribuire a ridurre gli errori medici e a lottare contro i dispositivi falsificati”. 

Obiettivo che sarà centrato quando sarà operativa la banca la Banca dati europea dei dispositivi medici (Eudamed) con il compito di raccogliere ed elaborare le informazioni riguardanti i dispositivi presenti sul mercato e gli operatori economici, taluni aspetti della valutazione della conformità, gli organismi notificati, i certificati, le indagini cliniche, la vigilanza e la sorveglianza del mercato, spiega Capece. 

Tra le criticità del sistema, quello dell’aggravio degli adempimenti burocratici che per le imprese produttrici di dispositivi medici si traducono in più costi. 

Per soddisfare le nuove regole dell'Ue –dice Capece- le aziende devono investire molto per adeguare l'organizzazione e rivedere il portafoglio prodotti, riadattando i dispositivi, la documentazione e i processi. Inoltre, considerata la delicata fase di transizione e di emergenza sanitaria, si ravvisa una mancanza di conoscenza dell'argomento da parte di varie parti interessate tra cui istituzioni sanitarie, fornitori, aziende che, unita alla mancanza di esperienza legata a un sistema nuovo, pone anche le autorità competenti e gli organismi di certificazione in una posizione di incertezza”. 

Sulla stessa linea il presidente UNIDI Gianfranco Berrutti sentito da Odontoiatria33. 

Per quanto riguarda le aziende del settore dentale e di quello medicale, il nuovo regolamento introduce delle regole che vanno ad integrare quelle già in vigore finora”, dice. “Come sottolineato, sicuramente ciò comporta un ulteriore aggravio di costi legati alla realizzazione ed al mantenimento di procedure e controlli per garantire la conformità dei prodotti e dei processi produttivi ai requisiti richiesti”. 

Un aumento dei requisiti e della burocrazia che tocca tutta la filiera. 

Occorre mettere in evidenza il fatto che con le nuove regole –spiega il presidente Berrutti- al fine di garantire una più completa tracciabilità dei dispositivi medici, si estendono anche ai distributori molti degli obblighi che prima erano in capo ai soli produttori. Anche in questo caso con aumento dei costi necessari ad implementare queste procedure”. 

Per il presidente UNIDI è però difficile stabilire quanto e come ciò avrà un impatto sui prezzi dei prodotti.  

Occorre considerare che l’incidenza dei costi è inversamente proporzionale alla dimensione delle aziende”, spiega. “Le aziende di medie o grandi dimensioni hanno già a disposizione personale qualificato e dedicato al rispetto della conformità dei prodotti classificati come dispositivi medici. Sono le aziende più piccole, invece, che hanno le difficoltà maggiori ad affrontare i costi necessari al rispetto delle nuove regole”.  

UINDI negli scorsi mesi ha cercato di supportare le aziende associate a formare il proprio personale per affrontare nel migliore dei modi le nuove incombenze.  

Articoli correlati

Distinzione tra quelli che sanificano l’aria e quelli destinati alla pulizia, alla disinfezione e alla sterilizzazione dei dispositivi medici


Il Ministero pubblica il report “Rapporto sulle attività di vigilanza sui dispositivi medici” del 2019 e ricorda l’importanza della vigilanza ed il ruolo degli operatori sanitari in questo


Campagna informativa di Confartigianato odontotecnici e SNO-CNA per informare il cittadino sul nuovo Regolamento sui dispositivi medici e sensibilizzarlo sulla protesi di qualità 


Video intervista all’avvocato Stefanelli sulle implicazioni odontoiatriche per i dispositivi medici su misura, adattabili e personalizzabili: chi può fare cosa e quali le documentazioni necessarie


Può essere anche il titolare del laboratorio a patto che ne abbia i requisiti, oppure può essere responsabile di più fabbricanti  


Altri Articoli

Immagine d'archivio

Operava direttamente sui pazienti, denunciato e sequestrato il laboratorio. Utilizzava anche personale in nero. Garda il video della perquisizione


Pur legittimando l’obbligo vaccinale, i Giudici rilevano differenti trattamenti tra chi svolge l’attività come autonomo e chi come dipendente. Dubbi anche sulla sospensione dall’Albo


La pandemia ha ampliato gli adempimenti burocratici per lo studio odontoaitrico, per il dott. Cirulli la morte da burocrazia si evita con strategia mirate ed efficaci


L’odontoiatria digitale vista dal prof. Stefano Patroni, uno dei protagonisti del prossimo Congresso della Digital Dental Academy


Il 22 febbraio è possibile aggiudicarsi i 115 beni delle cliniche di Perugia e Foligno. Possibile partecipare a distanza così come visionare i beni online


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi