HOME - Approfondimenti
 
 
10 Settembre 2021

Vaccini a confronto, la risposta varia in base al farmaco somministrato e all'età

Su JAMA i ricercatori hanno confrontato le risposte anticorpali in una coorte di pazienti in cui sono stati somministrati Pfizer/Biontech e Moderna


In una lettera di ricerca pubblicata su Jama Network Open, gli esperti hanno rilevato che il vaccino Pfizer/Biontech (BNT162b2) ha sollecitato livelli anticorpali relativamente più bassi negli anziani rispetto ai giovani adulti, mentre non vi era alcuna differenza nei livelli anticorpali negli adulti più anziani rispetto ai giovani adulti che hanno ricevuto il vaccino Moderna (mRNA-1273).

"Sebbene i due vaccini condividano caratteristiche simili ed entrambi abbiano mostrato una forte efficacia negli studi clinici, esistono delle differenze tra loro, e c'è stata poca valutazione diretta delle risposte anticorpali" afferma Nathan Richards, dell'University of Virginia, Charlottesville, autore principale dello studio. 

Per meglio chiarire l'argomento i ricercatori hanno confrontato le risposte anticorpali in una coorte di dipendenti dell'università in cui sono stati somministrati Pfizer/Biontech e Moderna.

L'analisi ha incluso gli individui che hanno ricevuto due dosi di Pfizer/Biontech o Moderna, e gli esperti hanno prelevato a tutti un campione di sangue da sette a 31 giorni dopo la seconda dose, mentre ad alcuni anche entro sette giorni prima del primo vaccino o subito prima del secondo vaccino. L'età media dei 167 soggetti era di 42 anni, e 63 (38%) avevano un'età pari o superiore a 50 anni; 120 (72%) erano donne. Non c'erano differenze di età, sesso o razza tra coloro che hanno ricevuto Pfizer/Biontech (n=79) o Moderna (n=88). Solo sei (4%) dei partecipanti avevano prove sierologiche di aver contratto COVID-19 in precedenza. Ebbene, i livelli di IgG erano più bassi nei riceventi di Pfizer/Biontech rispetto a quelli di Moderna sia al prelievo di sangue prima della seconda dose che a quello successivo.

I soggetti di età pari o superiore a 50 anni che avevano ricevuto Pfizer/Biontech avevano livelli di IgG precedenti alla seconda dose inferiori ai livelli dei soggetti di età inferiore a 50 anni che avevano ricevuto lo stesso vaccino, e anche rispetto ai coetanei che avevano ricevuto Moderna. 

Le persone di età pari o superiore a 50 anni che avevano ricevuto Pfizer/Biontech avevano livelli di IgG dopo la seconda dose inferiori ai livelli dei destinatari più giovani di Pfizer/Biontech e dei coetanei di età simile che avevano ricevuto Moderna.

"Una spiegazione per la differenza nell'immunogenicità osservata negli anziani potrebbe riguardare la quantità di mRNA utilizzata nei rispettivi vaccini, con 30 ìg contenuti in Pfizer/Biontech e 100 ìg in Moderna", concludono gli autori. 

Per approfondire:

JAMA Network Open 2021. Doi: 10.1001/jamanetworkopen.2021.24331


Articoli correlati

Chi deve controllare, quali le sanzioni e come deve essere “gestito” il dipendente sprovvisto, ed i collaboratori non dipendenti?


In uno studio pubblicato su Lancet Infectious Diseases, i ricercatori della Yale School of Medicine hanno esaminato le infezioni da Covid-19 "breakthrough", ovvero che si verificano in persone...


Lo chiarisce il Ministero con una circolare evidenziando i rischi della mancata vaccinazione anti influenzale per i soggetti a rischio


Entrerà in vigore tra un mese e tocca tutti i luoghi di lavoro, anche quelli privati e professionali. Chi non lo avrà sarà sanzionato, sospeso dal lavoro ma non licenziato


La sospensione non è disciplinare ma ha finalità cautelare e non disciplinare, avendo l’unico scopo di prevenire la diffusione del contagio e di proteggere i pazienti


Altri Articoli

Venerdì 1 ottobre ad Asti al Dental Forum odontoiatri ed odontotecnici potranno esercitarsi con stanner e sotware giudati dagli esperti del team Grow Up


Sono stati gli agenti della polizia di Stato a denunciare un uomo di 53 anni per esercizio abusivo della professione medica. Secondo la stampa locale gli agenti del Commissariato di Secondigliano e...


Chi deve controllare, quali le sanzioni e come deve essere “gestito” il dipendente sprovvisto, ed i collaboratori non dipendenti?


In uno studio pubblicato su Lancet Infectious Diseases, i ricercatori della Yale School of Medicine hanno esaminato le infezioni da Covid-19 "breakthrough", ovvero che si verificano in persone...


L’obiettivo è sensibilizzare un numero sempre maggiore di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori al seno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio