HOME - Approfondimenti
 
 
14 Ottobre 2021

L'uso di collutorio e riduzione della carica virale nella saliva da SARS-CoV-2

Uno studio francese ha indagato l’efficacia di quelli contenente ß-ciclodestrina e ingredienti a base di acidi organici e bioflavonoidi

Cristoforo Zervos

Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che il virus SARS-COV-2 può essere trasmesso dalla saliva quando le persone sono a stretto contatto (da 1 a 3 metri) o anche per aerosol su maggiori distanze.
Sulla base di queste osservazioni è stato pubblicato sulla rivista scientifica CMI (Clinical microbiology and infection) uno studio francese, condotto dalla dott.ssa Florence Carrouel dell'Università di Lione, che afferma che l’uso di collutori contenenti ß-ciclodestrina e ingredienti a base di acidi organici e bioflavonoidi aiuterebbe a ridurre la carica virale di SARS-CoV-2 nella saliva.

Questo, secondo i ricercatori, aiuterebbe, oltre ai vaccini e le terapie ad oggi consentite, ad evitare futuri lockdown (anche parziali) evitando il contagio fra la popolazione.  

Per dimostrarlo gli autori dello studio hanno preso in carico 176 pazienti, selezionati da quattro ospedali francesi, di età compresa tra 18 e 85 anni risultati positivi al Covid-19 da meno di 8 giorni o con sintomi clinici asintomatici o con lievi sintomi da Covid-19. Per sette giorni, hanno eseguito tre risciacqui al giorno utilizzando collutori, con o senza antivirali (placebo). 

Dopo l'analisi dei risultati, lo studio clinico ha dimostrato che il collutorio contenente ß-ciclodestrina e biflavonoidi ha avuto un effetto significativo sulla riduzione della carica virale salivare da SARS-CoV-2, circa il 71% in meno quattro ore dopo la dose iniziale. Allo stesso modo i tre risciacqui giornalieri hanno avuto un effetto benefico nel 50% degli adulti più gravi e hanno ridotto la carica infettiva salivare sette giorni dopo l'assunzione iniziale. 

Per approfondire:
Use of an antiviral mouthwash as a barrier measure in the SARS-CoV-2 transmission in adults with asymptomatic to mild COVID-19: a multicentre, randomized, double-blind controlled trial.

Articoli correlati

Un studio pubblicato sul British Medical Journalha osservato un graduale aumento del rischio di infezione nelle persone che avevano ricevuto la seconda dose di vaccino(Pfizer-BioNTech) da almeno 90...


Sulla pandemia, quanto tutto sarà passato e sedimentato, credo che un ragionamento sull’informazione la si dovrà fare. L’eccezionalità e drammaticità della situazione ha portato...

di Norberto Maccagno


E’ successo in provincia di Reggio Calabria. I carabinieri lo hanno trovato in studio a lavorare nonostante il provvedimento dell’ASL


In uno studio in vitro, pubblicato sul Journal of Oral Microbiology, gli autori hanno valutato l’efficienza dell’acqua ossigenata 0,5 vol%, inserita nei circuiti idrici di riuniti...

di Lara Figini


Altri Articoli

Stimata ed apprezzata, fino all’ultimo ha lavorato per il bene della professione con tenacia, impegno ed entusiasmo. Molti i messaggi di ricordo delle sue colleghe e dei dirigenti delle...


Scoperti a Torino ed in provincia di Piacenza. L’Ordine di Brescia invia gli elenchi dei sospesi al NAS per effettuare verifiche


Circolare della FNOMCeO agli Ordini provinciali con le prime indicazioni sui passaggi per ottemperare a quanto disposto con il nuovo Decreto su estensione dell’obbligo vaccinale 


Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi