HOME - Approfondimenti
 
 
19 Ottobre 2021

Criticità della Legge Gelli - Bianco su consulenti tecnici accreditati

La Corte Costituzionale dichiara incostituzionale il comma 4 dell’art. 15 ritenendo la norma visibilmente contraria ai principi di equità ed eguaglianza previsti dalla Costituzione. Il commento della SIOF


L’art.15 della Legge 8 marzo 2017 n.24 in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie prevede nella nomina del collegio peritale la presenza della figura del medico legale e di uno o più specialisti come consulenti tecnici, e ciò in omaggio al rigore valutativo richiesto nei casi di responsabilità professionale medica. 

Contemporaneamente, il comma 4 del medesimo articolo, per motivi di contenimento delle spese peritali, vieta drasticamente l’aumento nella misura del 40 % del compenso spettante al singolo per ogni componente del collegio, misura prevista dall’art. 53 del DPR 115/02 per la quasi totalità degli incarichi peritali. 

Questa misura ha dunque creato una situazione ben diversa dal rigore valutativo auspicato in quanto ha di fatto allontanato i consulenti tecnici più accreditati dall’accettare un incarico. Inoltre, appariva inaccettabile che la stessa attività peritale trovasse limitazione retributiva solo in casi di responsabilità medica e non in discipline diverse o comunque in altre tipologie di controversie, anche se di interesse medico, ad esempio in casi di valutazione di lesioni in infortunistica stradale, quasi l’attività peritale in tema di responsabilità medica presentasse una minore difficoltà rispetto a consulenze tecniche espletate in campi diversi. 

Tale disparità di trattamento viola l’art. 3 della Costituzione (principio di uguaglianza) e contrasta con quanto riportato nel decreto del Ministero della Salute 165 del 7/2016 che prevede la facoltà del giudice di raddoppiare il compenso per unico a fronte dell’incarico collegiale qualora conferito a medici ed esercenti professioni sanitarie. 

La citata limitazione degli onorari dei CTU prevista nella Legge 24/17 è apparsa peraltro oltremodo ingiustificata in ragione della inadeguatezza dei compensi previsti per incarichi nel campo della responsabilità medica, stabiliti nelle tabelle presenti nel decreto del Ministero della Giustizia, Economia e Finanze del maggio 2002 art. 20 e 21, in alternativa a cui il giudice può legittimamente fare ricorso al criterio delle vacazioni, con ulteriore contrazione retributiva. La contrazione delle competenze voluta dalla L. 24/17 è apparsa quindi particolarmente iniqua nei casi in cui la complessità dell’incarico richieda la presenza nel collegio peritale di più consulenti tecnici risultando gli onorari ulteriormente contratti per ogni altra presenza in veste di consulente. In questo panorama è quindi intervenuta la pronuncia della Corte Costituzionale n. 102/2021, la quale ha dichiarato l’illegittimità del comma 4 dell’art. 15 della 24/17 rendendo ragione di questa norma visibilmente contraria ai principi di equità ed eguaglianza previsti dalla Costituzione nell’art.3, inefficace nel richiamare consulenti tecnici di alta professionalità e limitativa per la dignitosa retribuzione dei consulenti. 

A cura di: Franco Pittoritto (nella foto), odontologo forense; Francesca Pittoritto, avvocato  

Approfondimento in collaborazione con SIOF, Società Italiana di Odontoiatria Forense 

Articoli correlati

Eseguire trattamenti ortodontici a distanza o rilevare impronte a pazienti inviati da terzi senza poi continuare e seguire la terapia. Abbiamo chiesto agli esperti SIOF i rischi legali e deontologici


Dal Congresso politico AIO le declinazioni delle responsabilità dell’odontoiatra. Fiorile: si deve però partire dall’essenza del nostro essere professionisti


Gli odontoiatri forensi: presenta ancora dei punti oscuri che evidenziano prospettive di timide innovazioni di diritto e di tutela, soprattutto in tema di formazione specifica


Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Può un odontoiatra non solo curare il proprio paziente ma anche tutelarlo dal punto di vista medico legale come Consulente Tecnico di Parte? A porre il dubbio, anzi a ricordare il divieto, è...


Altri Articoli

Stimata ed apprezzata, fino all’ultimo ha lavorato per il bene della professione con tenacia, impegno ed entusiasmo. Molti i messaggi di ricordo delle sue colleghe e dei dirigenti delle...


Scoperti a Torino ed in provincia di Piacenza. L’Ordine di Brescia invia gli elenchi dei sospesi al NAS per effettuare verifiche


Circolare della FNOMCeO agli Ordini provinciali con le prime indicazioni sui passaggi per ottemperare a quanto disposto con il nuovo Decreto su estensione dell’obbligo vaccinale 


Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi