HOME - Approfondimenti
 
 
16 Settembre 2013

Istruttoria dell'Antitrust nel confronti della FNOMCeO

Renzo (CAO): un problema che può diventare un'occasione

di Dott. Giuseppe Renzo: Presidente Nazionale CAO


La decisione dell'apertura di una istruttoria da parte dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nei confronti della FNOMCeO per quanto riguarda la presunta violazione della normativa sulla libera concorrenza che deriverebbe dall'applicazione degli articoli del Codice Deontologico e delle linee guida sulla pubblicità dell'informazione sanitaria costituisce senz'altro un momento di criticità ma può divenire un momento di chiarezza per il futuro della professione.

Durante l'istruttoria infatti, potrà finalmente essere valutata la riconducibilità di tutta l'attività dei professionisti della sanità alle normative sull'impresa e sull'azienda facendo finalmente chiarezza su una questione che appare fondamentale per delineare il quadro normativo nell'ambito del quale devono operare i nostri professionisti.

Se la giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea riconduce, almeno per certi limitati aspetti, la figura del professionista a quello dell'imprenditore, la giurisprudenza e la dottrina italiana hanno sempre distinto le due figure anche da un punto di vista normativo: si pensi ad es. agli specifici articoli del Codice Civile dedicati al contratto d'opera professionale.

L'istruttoria che si apre sarà anche occasione di chiarire compiti e ruoli degli Ordini professionali e dell'Antitrust per quanto riguarda il controllo e l'eventuale azione disciplinare relativa alla pubblicità dell'informazione sanitaria svolta in modo scorretto e/o ingannevole.

La Corte di Cassazione anche recentemente ha più volte ribadito che gli Ordini hanno piena competenza disciplinare ad intervenire in questo campo nei confronti degli iscritti confermando anche la piena vigenza nel nostro Ordinamento dei principi del rispetto del decoro e della dignità della professione.
Di fronte, quindi, ad un atto per molti versi "dovuto" da parte dell'Antitrust si pone responsabilmente la FNOMCeO ed in particolare la rappresentanza odontoiatrica che ritiene di poter, nella massima serenità chiarire, eventualmente anche in contradditorio, tutti gli aspetti di questioni che da troppo tempo rendono difficile lo svolgimento delle attività di informazione e di "pubblicità da parte dei nostri professionisti.
Nessuna contrapposizione polemica improntata a logiche di conservazione ma la volontà di chiarire e finalmente di superare problemi che non possono ulteriormente disturbare l'attività dei professionisti italiani che hanno come diretti interlocutori in primis i cittadini di cui deve essere tutelata al meglio la salute.

Un'ultima considerazione è quella relativa alla necessità di chiarire che la c.d. sanità low cost di cui la Groupon è "portabandiera" può trasformarsi in una trappola per la salute dei cittadini: riesce difficile equiparare la prenotazione di una camera d'albergo o di un viaggio alla fruizione di attività diagnostiche terapeutiche senza la necessaria la garanzia di un preliminare rapporto di fiducia con il medico e con l'odontoiatra.

Per concludere l'istruttoria che si apre non deve essere volta alla contrapposizione delle idee spesso pre-concette ma deve orientarsi nel senso della garanzia della tutela della salute che costituisce il vero obiettivo della nostra professione e , crediamo, anche dell'Antitrust.
Giuseppe Renzo: Presidente Nazionale Commissione Albo Odontoiatri

Articoli correlati

Le STP sono escluse ma non tutte. Oltre 5 milioni di euro quanto incassato da ENPAM ma lo scorso anno solo il 50% delle società lo ha versato. Le sanzioni per gli inadempienti


Ha fatto bene Federconsumatori a sottolineare come nel giorno della notizia della condanna di Dentix da parte dell’Antitrust a pagare un milione di euro per pratiche commerciali...

di Norberto Maccagno


E’ quanto emerge dal dibattito in Commissione che lo ha respinto per un solo voto. Sottosegretario Amendola: un tema importante da approfondire nel prossimo Ddl Concorrenza


L’Associazione: mentre l’Antitrust sanziona Dentix, inspiegabile la XI Commissione del Senato boccia l’emendamento volto a tutelare i cittadini che si rivolgono alle cliniche odontoiatriche.


Disappunto per la decisione di non approvare l’emendamento. Fiorile: StP deve essere unico modello societario possibile in odontoiatria 


Altri Articoli

In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


Agorà del Lunedì     27 Settembre 2021

Ripariamo i denti rotti

Partendo da un interessante lavoro scientifico tutto italiano, il prof. Gagliani ragiona sull’importanza della restaurativa conservativa

di Massimo Gagliani


Le STP sono escluse ma non tutte. Oltre 5 milioni di euro quanto incassato da ENPAM ma lo scorso anno solo il 50% delle società lo ha versato. Le sanzioni per gli inadempienti


La FNOMCeO in vista della scadenza di fine anno ricorda come ed in quali casi è possibile spsotare e recuperare i crediti acquisiti nei vari trienni


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 

Annunci


CERCO
OFFRO
24 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
23 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio