HOME - Approfondimenti
 
 
16 Settembre 2013

Istruttoria dell'Antitrust nel confronti della FNOMCeO

Renzo (CAO): un problema che può diventare un'occasione

di Dott. Giuseppe Renzo: Presidente Nazionale CAO


La decisione dell'apertura di una istruttoria da parte dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nei confronti della FNOMCeO per quanto riguarda la presunta violazione della normativa sulla libera concorrenza che deriverebbe dall'applicazione degli articoli del Codice Deontologico e delle linee guida sulla pubblicità dell'informazione sanitaria costituisce senz'altro un momento di criticità ma può divenire un momento di chiarezza per il futuro della professione.

Durante l'istruttoria infatti, potrà finalmente essere valutata la riconducibilità di tutta l'attività dei professionisti della sanità alle normative sull'impresa e sull'azienda facendo finalmente chiarezza su una questione che appare fondamentale per delineare il quadro normativo nell'ambito del quale devono operare i nostri professionisti.

Se la giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea riconduce, almeno per certi limitati aspetti, la figura del professionista a quello dell'imprenditore, la giurisprudenza e la dottrina italiana hanno sempre distinto le due figure anche da un punto di vista normativo: si pensi ad es. agli specifici articoli del Codice Civile dedicati al contratto d'opera professionale.

L'istruttoria che si apre sarà anche occasione di chiarire compiti e ruoli degli Ordini professionali e dell'Antitrust per quanto riguarda il controllo e l'eventuale azione disciplinare relativa alla pubblicità dell'informazione sanitaria svolta in modo scorretto e/o ingannevole.

La Corte di Cassazione anche recentemente ha più volte ribadito che gli Ordini hanno piena competenza disciplinare ad intervenire in questo campo nei confronti degli iscritti confermando anche la piena vigenza nel nostro Ordinamento dei principi del rispetto del decoro e della dignità della professione.
Di fronte, quindi, ad un atto per molti versi "dovuto" da parte dell'Antitrust si pone responsabilmente la FNOMCeO ed in particolare la rappresentanza odontoiatrica che ritiene di poter, nella massima serenità chiarire, eventualmente anche in contradditorio, tutti gli aspetti di questioni che da troppo tempo rendono difficile lo svolgimento delle attività di informazione e di "pubblicità da parte dei nostri professionisti.
Nessuna contrapposizione polemica improntata a logiche di conservazione ma la volontà di chiarire e finalmente di superare problemi che non possono ulteriormente disturbare l'attività dei professionisti italiani che hanno come diretti interlocutori in primis i cittadini di cui deve essere tutelata al meglio la salute.

Un'ultima considerazione è quella relativa alla necessità di chiarire che la c.d. sanità low cost di cui la Groupon è "portabandiera" può trasformarsi in una trappola per la salute dei cittadini: riesce difficile equiparare la prenotazione di una camera d'albergo o di un viaggio alla fruizione di attività diagnostiche terapeutiche senza la necessaria la garanzia di un preliminare rapporto di fiducia con il medico e con l'odontoiatra.

Per concludere l'istruttoria che si apre non deve essere volta alla contrapposizione delle idee spesso pre-concette ma deve orientarsi nel senso della garanzia della tutela della salute che costituisce il vero obiettivo della nostra professione e , crediamo, anche dell'Antitrust.
Giuseppe Renzo: Presidente Nazionale Commissione Albo Odontoiatri

Articoli correlati

I liberi professionisti devono indicare il reddito annuo conseguito nel 2019. Le Società devono versare lo 0,5% del fatturato, oltre 4milioni di euro quanto versato lo scorso anno


Aprire un dialogo con Istituzioni di settore e non, per definire un modello di odontoiatria che possa realmente tutelare il paziente tra gli obiettivi della nuova presidenza


Il dibattito tra FNOMCeO e Regioni sull’uso della Telemedicina, può essere d’indirizzo per l’applicazione odontoiatrica di un servizio comunque utile in questa fase post Covid


Per l’Associazione degli studi convenzionati sono altre le misure da attivare per tutelare il paziente, queste quelle proposte


Laurea abilitante, scuole di specializzazione, qualità formativa ed ovviamente numero chiuso, tra gli argomenti toccati dal prof. Roberto Di Lenarda


Altri Articoli

Presentato il suo nuovo sito internet con una nuova veste grafica e una soluzione di e-commerce migliorata, che offre una procedura d’ordine semplificata e più efficiente


Molti i dubbi sulle modalità di applicazione per studi e laboratori. ANTLO: molto dipenderà dai decreti attuativi


INAIL: 8 infezioni su 10 sono in ambito sanitario ma dopo il lockdow scendono tra le professioni sanitarie ed aumento di altri settori di attività. I pochi dati sull’odontoiatria, rassicurano


Tra le richieste anche quella di sostenere la produzione europea. Già oggi in commercio prodotti riciclabili che rispettano le indicazioni ministeriali, l’ambiente e risultando anche economici


Finisce davanti al giudice la richiesta di un ASO che riteneva i problemi a schiena e spalle fossero di natura professionale. Riconosciuto l’indennizzo per l’inabilità certificata


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio