HOME - Approfondimenti
 
 
09 Ottobre 2013

Sanzione disciplinare dell'Ordine, ecco quando scatta la prescrizione

Le precisazioni dell'avv. Pennasilico dell'OMCeO di Milano

L'azione disciplinare si prescrive in cinque anni ma da quale data si parte per calcolarli, da quando l'Ordine apre il fascicolo oppure da quanto l'iscritto commette la violazione?

A porsi il quesito è l'OMCeO di Milano che ha chiesto un parere legale all'avv. Enrico Pennasilico
che ha individuato in due casi differenti.

1) Per la prescrizione dei fatti di solo rilievo deontologico i termini della prescrizione decorrono dalla commissione del fatto e non dalla data in cui l'organo disciplinare ne abbia avuto conoscenza.

2) Per i fatti di deontologico e penale rilievo l'azione disciplinare si prescrive entro cinque
anni dalla data di passaggio in giudicato della sentenza e non dalla data in cui l'organo
disciplinare ne abbia avuto conoscenza.

"L'apertura del procedimento disciplinare a carico del sanitario -precisa l'avv. Pennasilico- è atto interruttivo della prescrizione con effetto istantaneo ex art. 2945 primo comma c.c. dal quale inizia a decorrere altro periodo di prescrizione quinquennale. In caso di contestazione disciplinare di fatti sottoposti all'esame dell'autorità giurisdizionale penale il procedimento disciplinare deve essere sospeso in attesa di sentenza definitiva in base al combinato disposto degli artt. 653 c.p.p. e 295 c.pc.. La fase giurisdizionale del procedimento disciplinare interrompe, con effetto permanente, il
termine della prescrizione ex art. 2945 secondo comma c.c.."

A questo link è possibile scaricare il parere dell'avv. Pennasilico.

Articoli correlati

Nisio: serve una programmazione su almeno 5 anni che tenga conto anche delle lauree estere e si deve rivedere il numero degli atenei italiani


Iandolo: numeri che non tengono conto della reale situazione e rischiano di creare nei prossimi anni un numero importante di disoccupati


Saranno vendute attraverso le associazioni e sindacati che aderiranno all’iniziativa, la Federazione farà da “garante” per aziende, medici e dentisti


Immagine d'archivio

Via tassa su contributo ENPAM ed accesso ai bonus, magari con fondi dedicati, agevolazioni di natura fiscale e agli ammortizzatori sociali


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


Altri Articoli

Uno studio dell'Università di Padova ha valutato la conoscenza del COVID-19, la percezione del rischio e l’attitudine al trattamento odontoiatrico nella popolazione dei dentisti italiani


ANSOC al Ministro Speranza: serve una revisione tariffaria, troppa incongruenza tra il costo di produzione delle prestazioni odontoiatriche e le rispettive tariffe corrisposte


L’obiettivo dichiarato è riaprire in sicurezza al più presto per prestare le cure necessarie ai pazienti, ristrutturare il debito finanziario, tutelare i creditori, i dipendenti e collaboratori....


Premiato il rigore scientifico, la volontà nel perseguire l’eccellenza divulgativa e l’entusiasmo che caratterizzano il lavoro di tutto il Consiglio Direttivo della SIOI


Immagine d'archivio

Il professionista proprietario dello studio lo avrebbe messo a disposizione del fino dentista, entrambi denunciati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION