HOME - Approfondimenti
 
 
11 Ottobre 2013

Da vent'anni Cochrane Collaboration aiuta cliniche e pazienti a prendere decisioni in ambito della salute con un solo punto di riferimento: la migliore ricerca mondiale

L'editoriale del numero 8 di Dental Cadmos

di Prof. Giovanni Lodi


Una copertina di Lancet l'ha definita "un'impresa che rivaleggia con lo Human Genome Project per le sue potenziali ricadute sulla medicina".

Deve il proprio nome a un medico inglese che contribuì significativamente al processo scientifico e culturale che, dopo la sua morte, ha portato all'enunciazione dei principi di fondo della evidence-based medicine.
È una rete internazionale formata da circa 30.000 individui di 120 Paesi e comprende le élite cliniche che esercitano nei centri di cura e di ricerca più importanti del mondo, epidemiologi, statistici e pazienti.

Si occupa di tutti gli aspetti della salute, compresa l'odontoiatria, con l'obiettivo di aiutare clinici e pazienti a prendere decisioni, la più complessa tra le attività mediche. Con questo scopo, prova a rispondere alle domande che chi si occupa di salute si pone tutti i giorni (la vitamina C previene il raffreddore? esistono impianti migliori degli altri?). Lo fa basandosi solo sulla migliore ricerca realizzata, a prescindere da chi ne sia l'autore e dalla lingua in cui è riportata, sintetizzandone i risultati in revisioni su efficacia dei trattamenti e utilità degli strumenti diagnostici. Fino a oggi sono circa 5.000, ma il numero è in continua crescita. Il metodo che impiega è oggetto di continua rivalutazione e perfezionamento e prevede costanti aggiornamenti delle revisioni a mano a mano che nuove conoscenze sono rese disponibili.

È senza scopo di lucro, non accetta finanziamenti o sponsorizzazioni da entità che abbiano interessi in campo medico, è libera da influenze di tipo commerciale o finanziario e offre alla metà più povera del pianeta l'accesso gratuito alle revisioni.

Per questi motivi siede all'assemblea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ed è consultata dalle principali agenzie che fanno politica sanitaria e disegnano linee guida.
Tutto questo nonostante abbia appena compiuto 20 anni. Tanti auguri Cochrane Collaboration!

Prof. Giovanni Lodi: Direttore Scientifico Dental Cadmos

Articoli correlati

In uno studio pubblicato su Lancet Infectious Diseases, i ricercatori della Yale School of Medicine hanno esaminato le infezioni da Covid-19 "breakthrough", ovvero che si verificano in persone...


Su JAMA i ricercatori hanno confrontato le risposte anticorpali in una coorte di pazienti in cui sono stati somministrati Pfizer/Biontech e Moderna


Una ricerca dell’Università di Bologna ha evidenziato i disordini muscoloscheletrici dei professionisti, il 60%  ne soffre, in particolare le donne. Le cause: poca considerazione...


L’Università di Trieste descrive per la prima volta un nuovo sistema di rilevazione del virus: un’ottima base per futuri studi epidemiologici o rilevazioni post mortem


Altri Articoli

In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


Agorà del Lunedì     27 Settembre 2021

Ripariamo i denti rotti

Partendo da un interessante lavoro scientifico tutto italiano, il prof. Gagliani ragiona sull’importanza della restaurativa conservativa

di Massimo Gagliani


Le STP sono escluse ma non tutte. Oltre 5 milioni di euro quanto incassato da ENPAM ma lo scorso anno solo il 50% delle società lo ha versato. Le sanzioni per gli inadempienti


La FNOMCeO in vista della scadenza di fine anno ricorda come ed in quali casi è possibile spsotare e recuperare i crediti acquisiti nei vari trienni


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 

Annunci


CERCO
OFFRO
24 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
23 Settembre 2021
Cerco odontoiatra
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio