HOME - Approfondimenti
 
 
15 Ottobre 2013

Appello del presidente CAO alle Istituzioni: per garantire il livello di preparazione dei futuri dentisti serve un numero programmato europeo

Renzo interviene sulla possibilità di studiare odontoiatria all'estero

Le notizie di queste settimane delle varie offerte formative attivate da Università straniere che danno la possibilità di laurearsi, anche in odontoiatria, all'estero ripropongono il problema della verifica della correttezza di percorsi formativi.

A sottolinearlo è il presidente nazionale CAO Giuseppe Renzo che in una nota sottolinea come "troppo spesso molti aspiranti ad iscriversi ai corsi di laurea in odontoiatria in Italia, non riuscendo a superare l'ostacolo dei test di accesso, si rivolgono ad Università straniere spesso attirati da offerte formative non chiare e non verificate per ottenere un titolo di studio che non sempre, poi, garantirà l'abilitazione all'esercizio professionale nel nostro Paese".

Presidente Renzo che ricorda come da tempo la CAO abbia lanciato l'allarme sul fenomeno cercando di sensibilizzare sul problema le Istituzioni. "Un problema -dice- che sta divenendo centrale se si vuole veramente garantire da un lato la serietà dei percorsi formativi e dall'altro la serenità dei giovani e delle loro famiglie che spesso in modo illusorio investono  risorse di tempo e di capitali".

"Siamo convinti-continua il presidente CAO- che una soluzione debba trovarsi coinvolgendo l'Unione Europea perché o si stabilisce un numero programmato a livello europeo oppure tanto varrebbe aprire anche in Italia a tutti l'accesso ai corsi per evitare queste speculazioni. Si verrebbe a privilegiare, in questo secondo caso, una soluzione non etica che non garantirebbe una formazione corretta agli studenti per evidenti difficoltà strutturali e di tutoraggio a tutto danno dei cittadini che devono essere certi di affidare la loro salute odontoiatrica a professionisti in grado di garantire i necessario livelli di qualità".

Sull'argomento leggi anche:

Articoli correlati

Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


L'Ufficio Statistico dell'Unione Europea (Eurostat), come ogni anno, pubblica un una classifica delle varie professioni, anche quelle sanitarie, in base al numero dei professionisti in funzione del...


Da qualche giorno anche i possessori di smartphone e tablet della "mela morsicata" possono scaricare l'app realizzata dalla CAO Nazionale contro abusivi e prestanome.L'applicazione presentata il 14...


Altri Articoli

In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


La sede FNOMCeO illuminata in ricordo dei medici ed odontoiatri italiani deceduti durante l’emergenza Covid-19


I liberi professionisti devono indicare il reddito annuo conseguito nel 2019. Le Società devono versare lo 0,5% del fatturato, oltre 4milioni di euro quanto versato lo scorso anno


Lavorava senza laurea in uno studio sconosciuto all’Autorità sanitaria e senza autorizzazione. Denunciato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Paziente o cliente, il punto di vista del dentista e del u201cconsumatoreu201d