HOME - Approfondimenti
 
 
14 Novembre 2013

Cambiano i pazienti degli studi dentistici in USA: più bambini e anziani

Come in Italia aumenta il numero degli studi e calano i pazienti

Pubblicati dall'American Dental Association i dati sull'accesso alle cure odontoiatriche negli Stati Uniti suddivisi per età e tipologia sociale. L'indagine effettuata tramite sondaggio (Medical Expenditure Panel Survey) è stata realizzata da una apposita Agenzia Governativa (AHRQ Agency for Healthcare Research and Quality) che studia la situazione sanitaria in tutto il Paese.

Secondo i dati presentati, nell'ultimo decennio è diminuito il numero di adulti occupati che si rivolgono al dentista indipendentemente dalle fasce di reddito. In controtendenza invece le cure nell'infanzia, tramite il programma Governativo Medicaid, e quelle rivolte alle persone anziane con assicurazione privata che hanno incrementato gli accessi dal dentista.

"L'odontoiatria Americana è a un bivio", sostengono gli autori della ricerca  "e  ci saranno notevoli cambiamenti nell' assetto degli studi dentistici. Sono in aumento il numero delle strutture che erogano cure dentali, così come è fortemente aumentato il costo per la formazione del dentista e quindi lo Student Debt  (il prestito che il dentista neolaureato proveniente da una famiglia non abbiente, deve restituire allo Stato che gli ha finanziato gli studi)".

Nel 2003 il 41% degli adulti (tra i 19 ed i 65 anni) occupati andava dal dentista, nel 2011 erano il 36%. In questo gruppo sono diminuite le coperture assicurative private e si sono fortemente erose le risorse pubbliche indirizzate invece a favore dell'infanzia meno abbiente (Medicaid) . Le cure dentali degli over 65 sono invece passate dal 38% del 2000 al 42% nel 2011.

L'ADA commenta così i dati dell' indagine:  "è estremamente positivo che siano aumentati i bambini curati nell'ultimo decennio grazie all'assistenza pubblica".  Associazione che stigmatizza, invece, che in molti Stati dell'Unione non esistono benefici pubblici (Medicaid) per gli adulti ed è notevolmente cresciuta la fascia di "povertà" a cui le cure sono precluse.
La differenze tra i diversi Stati dell'Unione in fatto di accesso alle cure è legata alla situazione occupazionale,  più cure dentistiche nelle aree con più alti tassi di occupazione.
Nonostante i progressi positivi, rimangono aperte alcune sfide significative per garantire che tutti gli adulti , in particolare quelli a basso reddito, possano accedere almeno alle cure  di routine per  raggiungere una ottimale salute orale.
 
A cura di: Davis Cussotto  Twitter@DavisCussotto

Articoli correlati

La task force di ADA ha sviluppato un “Tool kit” per aiutare i dentisti statunitensi nella fase delicata della riapertura degli studi dentistici durante la pandemia da Covid-19


L’Associazione dei dentisti USA interviene nel dibattito sulla possibilità per gli odontoiatri di effettuare i test sui pazienti indicando le criticità in tema di responsabilità e chiedendo...


Gli intarsi sono una scelta adeguata per ripristinare elementi dentari con carie destruente. Diversi sono i materiali che possono essere utilizzati per questi tipi di restauri e...

di Simona Chirico


L’Associaizone dei dentisti USA adotta il modello italiano ma indica quali sono le prestazioni odontoiatriche da considerare come “emergenza”

di Davis Cussotto


Altri Articoli

Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni