HOME - Approfondimenti
 
 
11 Febbraio 2014

Come incuriosire le persone per farle diventare propri pazienti attraverso i social media. I 6 consigli dell'esperto USA


Una cosa è certa, nel mondo dei social media l'immagine conta più di mille parole. Postare una bella foto su Facebook, ad esempio, può far schizzare in alto lo sharing  (= la condivisione).
Questo è quanto sostiene Kristie Nation, consulente americana di comunicazione per gli studi  dentistici. Il video, continua la Nation, ha un impatto ancora maggiore sullo sharing nel mondo dei media. L'importante è ovviamente non essere noiosi. Diffondere un filmato sull'uso del laser appena acquistato, potrebbe soltanto far crescere gli sbadigli.

Erik Qualman, autentico guru della comunicazione digitale, nel suo ultimo saggio "Socialnomic"  uscito nella traduzione italiana (Socialnomics. Hoepli, Milano 2011), sostiene che sui " social"  hanno più successo le aziende orientate all'intrattenimento rispetto a quelle che fanno uso della  classica pubblicità commerciale.
Come può un professionista creare contenuti video condivisibili con un piccolo budget a disposizione? 

La risposta di Qualman è semplicissima: lo "storytelling," ossia la prassi consolidata di utilizzare la narrativa per coinvolgere l'interlocutore cercando di far leva sul suo stato emotivo. 
Oggi lo " Storytelling Management" è diventata una vera e propria disciplina che pare sia alla base di tanti recenti successi politici e aziendali.

L'esperienza della narrazione ha origini antichissime,  Yohanan Grinspon de The Hebrew University of Gerusalem nel saggio Crisis and Knowledge The Upanishadic Experience and Storytelling  (Oxford U.P. 2003) sostiene che le Upanishad, Scritti Sacri Indù dell' VIII secolo a. C, sono la prima forma di storytelling. Questo avvalora l'ipotesi che nonostante le avanzate dotazioni tecnologiche della nostra era, gli esseri umani di tempi e latitudini diverse si pongono in relazione   in modo analogo.
Patrick Lencioni autore di "Business Fable" sostiene che "le persone sono in cerca di qualcosa che catturi l'attenzione e che fornisca loro una esperienza piacevole. Le persone imparano meglio quando si sentono coinvolte". Osservando Facebook si può vedere che i migliori post condivisi sono storie. Facebook stesso usa la parola "storia" per descrivere i contenuti  da promuovere.
 
Ecco sei modi con cui il nostro studio, secondo Kristie Nation, sarà in grado di creare storie che gli spettatori vorranno condividere:
 
1) Fai una riunione di team ed analizza le idee per il video, poi domandati: perché  qualcuno dovrebbe condividere questo dopo averlo visto; se non sai rispondere, scarta  questa idea.
 
2) Assicurati che  la trama del video  abbia un inizio un conflitto e una risoluzione finale, questa è una storia  anche se brevissima.
 
3) Non  dimenticare "l'eroe"  che non deve essere assolutamente il dentista, ma un paziente ad esempio,  in cui tutti possano identificarsi.
 
4) Storia breve. L'utente Facebook non clicca sul video se è più lungo di 90 sec. I primi 15 sec sono i più importanti per catturare l'attenzione.
 
5) Focalizzati su contenuti che devono rimanere freschi anche dopo uno o due anni per poter essere ricondivisi in un secondo tempo.
 
6) L'importanza della musica di fondo, attenzione alle royalty;  meglio affidarsi a un gruppo locale per farsi produrre un inedito.
 
Il Social Media è un viaggio non una meta, quindi agire per continuare a crescere  e migliorare.  Ogni azione fatta sarà migliore della precedente.
L'emozione che ti darà il paziente riferendoti di averti conosciuto grazie a "story" su Facebook sarà grandissima e ti ripagherà  degli sforzi fatti.
 
A cura di: Davis Cussotto , odontoiatra libero professionista Twitter@DavisCussotto

Articoli correlati

Oggi uno degli strumenti più efficaci per comunicare è il web, per la relativa facilità, i costi ridotti ed il bacino d'utenza.Grazie a un computer, le persone accedono "ad...


In Gran Bretagna, le lamentele contro i medici sono raddoppiate in soli cinque anni, dal 2007 al 2012, secondo un rapporto preparato dalla Plymouth University su commissione del General Medical...


Nella carriera professionale succede a tutti di incontrare un paziente insoddisfatto che fa le sue esternazioni.  Oggi, oltre a fare un passaparola negativo tra i suoi conoscenti può...


Ho trovato interessanti le Lectures che Larry Emmott (odontoiatra libero professionista di  Phoenix, esperto in comunicazione) ha tenuto al Midwinter Meeting di Chicago -da poco concluso- sui...


Altri Articoli

Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni