HOME - Approfondimenti
 
 
24 Marzo 2014

I 5 punti per essere un buon manager odontoiatrico. I consigli di Roger Levin


Il dr. Roger Levin fa parte della terza generazione di dentisti e amministratori delegati della di Levin Group, Inc., azienda di famiglia che si occupa di consulenza manageriale per studi dentistici e dalla sua fondazione, nel 1985, ha collaborato con più di 20.000 studi professionali in Nord America.
Roger è un piacevole e preparato relatore e tiene una rubrica fissa sulla rivista DrBicuspid da cui ho tratto questi utili spunti di management odontoiatrico.

1) Lo studio è più efficiente se la leadership si fonda su una comunicazione assertiva:
FARE: darsi obiettivi concreti. "Dobbiamo avere il 5%  di pazienti in più in sala di attesa entro 6 mesi. Dobbiamo recuperare il 90%  degli insoluti entro un anno".
NON FARE: pronunciare discorsi vaghi ad esempio "dobbiamo crescere" oppure "dobbiamo recuperare meglio i crediti".

2) Saper delegare: molti dentisti tendono a fare tutto da soli sprecando tempo in microattività di gestione che possono essere delegate, questo aumenta lo stress, riduce la produttività dello studio e la motivazione nel personale che è poco responsabilizzato. 
FARE: l'elenco completo e dettagliato  delle attività svolte in una settimana. Quindi cominciare a delegare tutto ciò che non è strettamente "clinico" per raggiungere l'obiettivo di trascorrere il 90%  del tempo in studio con il paziente alla poltrona.
NON FARE: non trascurare la formazione del personale che per gestire le nuove responsabilità non potrà improvvisare.

3) Costruire a poco a poco la leadership: essere un buon leader nel pensare e nell' agire con  la giusta motivazione e competenza necessita di appropriata formazione.
FARE: seguire un percorso formativo personale.
NON FARE: essere un modello negativo. Il Team di lavoro è l'immagine del proprio leader. Avrete efficienza dai vostri collaboratori solo se dimostrerete calma e professionalità. In una giornata  frenetica potrete motivare la squadra con affermazioni del tipo " possiamo superare tutto questo".

4) L'implantologia è sempre più spesso la prima scelta per un dente perso,  parlare al paziente di come risolvere il problema è un obbligo da parte del curante.
FARE: sottolineare i vantaggi, aiutare i pazienti a capire come si sentiranno dopo... " con gli impianti non dovrete  preoccuparvi di come vi sentirete  dopo"  ...." la capacità di masticazione sarà migliorata".
NON FARE: spesso noi dentisti siamo entusiasti delle caratteristiche della componentistica impiantare o della rigenerazione ossea eseguita; ricordarsi che troppe spiegazioni cliniche  confondono il paziente  medio e possono inibire il processo decisionale.

5) Creare nello studio un reparto di igiene, fa crescere l'attività dello studio. L'igienista dentale  ha una grande influenza sui pazienti, con il suo ruolo di educazione aiuta a far comprendere l'importanza delle cure. Lavora sui richiami periodici in modo che il paziente esca dalla seduta di igiene con un nuovo appuntamento  fissato.
FARE: incoraggiate gli igienisti dentale a dedicare tempo durante i trattamenti per educare il paziente, si può creare un repertorio di argomenti da sviluppare per aumentare la motivazione alla salute.
NON FARE: non condividere le tue conoscenze con il team di lavoro. Durante la riunione del  mattino informa l'igienista e i collaboratori  sulle procedure  cliniche da mettere in atto per determinate patologie, il team lavorerà in sinergia.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DvisCussotto

Articoli correlati

Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


L'Ufficio Statistico dell'Unione Europea (Eurostat), come ogni anno, pubblica un una classifica delle varie professioni, anche quelle sanitarie, in base al numero dei professionisti in funzione del...


Da qualche giorno anche i possessori di smartphone e tablet della "mela morsicata" possono scaricare l'app realizzata dalla CAO Nazionale contro abusivi e prestanome.L'applicazione presentata il 14...


Altri Articoli

Si completata l'Assemblea Nazionale ENPAM, a fine giugno l’elezione del nuovo CDA


Le polemiche tra professionisti e Governo con i primi che accusano il secondo di privilegiare le imprese in termini di aiuti economici del post coronavirus, se assolutamente legittime mi sembrano...

di Norberto Maccagno


La norma interessa igienisti dentali e odontotecnici, ecco come avvengono gli accrediti automatici e le modalità per richiedere il bonus da 1.000 euro a maggio


Da sabato 23 maggio al 30 giugno si potranno richiedere consulti online agli odontoiatri dell’Associazione Nazionale Dentisti Italiani - ANDI


Lo potrà richiedere solo chi ha avuto un calo di almeno il 50% del fatturato. Ecco di cosa si tratta e come e chi può richiederlo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni