HOME - Approfondimenti
 
 
26 Marzo 2014

Ignorare i reclami compromette il sorriso del paziente. Come trasformare le critiche in opportunità


Quando il termine reclami ha una evocazione negativa, stiamo compromettendo la relazione con il paziente.
"Buon segno: i reclami stanno aumentando!"
Non è una provocazione: è una conferma del successo dell'ascolto del paziente.

Sventura o provvidenza?

Il reclamo è una sventura se è associato a: vergogna... grana... stress... problema... Se invece viene interpretato semplicemente come "Qualcosa di cui il paziente vuole parlare perché non è andata bene", diventa più che una opportunità: una provvidenza.
È una opportunità perché permette di fare chiarezza e rimuovere emozioni negative.
E, considerando che solo un piccola percentuale dei pazienti contrariati reclama ma ne parla con altri, i reclami ricevuti sono una manna! Solo con l'ascolto e il dialogo si potrà mettere in luce eventuali attese non contemplate o chiarire prestazioni non ben esplicitate. Ovvero, rimuovere il malumore.
Rendere note le modalità e i canali di ascolto promuove l'arrivo dei reclami. Risulta quindi "fisiologico" che , aperte le porte, ne arrivino in numero maggiore. Ciò non va interpretato come un evento negativo: non indica che sono aumentati i problemi e i disservizi! Si ha una maggiore conoscenza di informazioni che fino a quel momento erano di proprietà dei pazienti e di altri, competitor compresi!

La doppia deviazione

La sordità verso i reclami rappresenta oggi un grave rischio. Se prima il paziente contrariato, non trovando ascolto, poteva vendicarsi parlando del fattaccio con le persone con cui entrava in contatto, e pertanto il passaparola negativo assumeva una dimensione contenuta, oggi gode del potere della rete.
È contrariato?
Non sa a chi inviare il reclamo?
Non ha ricevuto soluzione?
Ha dovuto subire tempi di attesa spropositati?
La reazione è a portata di "click": con i social network reclamare è più semplice e trasparente, da persona a persona. Nasce la doppia deviazione: il paziente ha vissuto una prima esperienza negativa, e la rivive quando non trova ascolto.
Attenzione: le possibilità di recupero della relazione sono  fortemente compromesse.
La risposta in tempi brevi, con una soluzione adeguata, non si improvvisa: esprime una organizzazione dedicata e attenzione verso il paziente. Da qui può nascere la fidelizzazione: la persona ha sperimentato che quella organizzazione sa come affrontare con prontezza anche le situazioni impreviste e difficili.

E allora?

Apriamo le porte al reclamo, ovvero un canale di ascolto dedicato. Non basta. Rendiamolo più ricco: diamogli la possibilità di farci conoscere, non solo i reclami, ma anche i complimenti!
Premiare i reclami, ripaga.
Ignorarli è rischioso.

A cura di: Erika Leonardi, esperta di organizzazione aziendale www.erikaleonardi.it

Altri Articoli

Per il dott. Nuzzolese bene, ma ora ci si deve attivare per sensibilizzare i Tribunali


Capita a Ravenna, il direttore sanitario sarebbe recidivo ed in causa con lo studio perché non lo pagava


Ordinanza del Sindaco di Santo Stefano di Magra (Sp), intanto il centro di Sarzana ha sospeso l’attività clinica


Presenti sindacati ed associazioni delle ASO per un confronto sulle questioni aperte


 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


28 Giugno 2018
Nuove acquisizioni in tema di placca batterica: come modificarla per renderla meno aggressiva

Il microbiota orale: i mezzi per diminuirne la patogenicità al fine di salvaguardare tessuti dentali e parodontali

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi